Stai leggendo: Lo Stato Sociale torna con Facile: testo e video della canzone

Letto: {{progress}}

Lo Stato Sociale torna con Facile: testo e video della canzone

Una nuova versione della canzone, ora priva della voce di Luca Carboni, presente invece nella traccia inserita nell'album Primati.

I ragazzi dello Stato Sociale, eleganti, inclinati verso la loro sinistra Giuseppe Palmisano

1 condivisione 0 commenti

Una canzone sui rapporti a due, sul prendere il meglio dell'altra persona. È in rotazione radiofonica Facile, il nuovo singolo dello Stato Sociale, che già avevamo conosciuto al tempo di Primati. Lì, tuttavia, la canzone era accompagnata dalla voce di Luca Carboni. Venuta meno in questa nuova versione "per essere più coerenti con lo spettacolo che porteremo dal vivo", spiega Lodo Guenzi, leader del gruppo. "Portare in giro Luca per tutto il tour? Non credo sia possibile!", ironizza.

Il singolo è stato accompagnato dalla pubblicazione di un videoclip, diretto da Davide Spina e Matteo Bombarda, ambientato a Bologna. I "règaz" dello Stato Sociale sul classico pullman turistico a due piani, che fanno festa girando per il capoluogo emiliano, loro terra Natale.

Il video di Facile dello Stato sociale

Il testo di Facile di Lo Stato sociale

Ra ah
Pararara pararara pam pam
Pararara pararara pam pam
Maledetto inverno, maledetta estate
Maledetta sete che non passa mai
Ma tu hai detto, "manchi, sola non ho pace"
O volevi dirlo e hai scritto, "come stai?"
In ogni tuo "sempre" c'è un "quasi"
In ogni tuo "mai" un "fino a domani"
Saranno tutte notti i nostri giorni
Tutte albe i nostri tramonti
Ti amo, ti odio, ti pago una birra
Tu non sei una stella, ma una scintilla
Dove passi i pensieri si fanno canzoni
E tornano di moda le mezze stagioni
Con te la vita è così facile da essere impossibile
L'amore è così fragile da rompere le regole
La musica è più semplice, suonare è come ridere
E sono così libero che posso essere debole
Pararara pararara pam pam
Pararara pararara pam pam
Ed i gay sono tutti sensibili ed i neri hanno il ritmo nel sangue
Le donne sono tutte intelligenti, il cervello degli uomini è nelle mutande
I drogati iniziano con le canne
Quella di destra è la tetta più grande
I comunisti hanno tutti la villa in Versilia
In Italia non c'ha memoria neanche un elefante
Ma quanti discorsi del cazzo per venire da te
Forse fanno un test per idioti prima di salire sui treni
Poi mi sfotti, mi baci, mi urli in faccia e mi meni
Ma finché ci sei tu il mondo non è degli scemi (oh)
Con te la vita è così facile da essere impossibile
E l'amore è così fragile da rompere le regole
La musica è più semplice, suonare è come ridere
E sono così libero che posso essere debole
La vita è così facile da essere impossibile
L'amore è così fragile da rompere le regole
La musica è più semplice, suonare è come ridere
E sono così libero che posso essere debole
Pa ra ra ra pa ra ra ra pam pam
Pa ra ra ra pa ra ra ra pam pam
Pa ra ra ra pa ra ra ra pam pam
Pa ra ra ra pa ra ra ra pam pam
La vita è così facile da essere impossibile
L'amore è così fragile da rompere le regole
La musica è più semplice, suonare è come ridere
E sono così libero che posso essere debole

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.