Stai leggendo: Cinque libri di fantascienza da leggere almeno una volta nella vita

Letto: {{progress}}

Cinque libri di fantascienza da leggere almeno una volta nella vita

Per tutti gli appassionati di sci-fi, ecco cinque titoli di libri di fantascienza da leggere almeno una volta nella vita per avere una solida base sociologica del genere che si è sempre più ampliato con film e serie tv.

 libri di fantascienza da leggere Shutterstock

2 condivisioni 0 commenti

Appassionati, ecco la lista definitiva dei cinque libri di fantascienza da leggere almeno una volta nella vita.

Eh già, non solo film come la saga di Star Wars o Alien hanno saputo dare un’anima al genere, bensì sono stati alcuni geniali scrittori che – precorrendo il tempo – hanno delineato la sci-fi.

E non stiamo necessariamente parlando di alieni verdi e mondi sconosciuti ma di una fantascienza di tipo sociologico che riuscisse a delineare credibilmente il futuro dell’umanità.

Leggere il futuro, dopotutto, non è solo appannaggio di maghi e ciarlatani ma anche di geniali scrittori che – a seconda del periodo storico in cui si sono trovati a vivere – hanno scritto veri e propri testi di sociologia diventati romanzi cult del genere fantascientifico.

Sci-fi: i libri da leggere

sci-fiHDShutterstock

Ecco quindi cinque titoli di fantascienza (anzi, qualcuno in più) da leggere e rileggere...

La Trilogia della Fondazione – Isaac Asimov

La Trilogia della Fondazione (Fondazione, Fondazione e Impero e Seconda Fondazione) è stata scritta da Asimov tra il 1951 e il 1953. A questi tre romanzi vennero poi aggiunti due libri intesi come prequel (preludio alla Fondazione e Fondazione Anno Zero) e un seguito altrettanto composto da due titoli (L’Orlo della Fondazione e Fondazione e Terra).

Gli eventi nel corso dei sette romanzi coprono un arco di tempo di oltre cinquecento anni partendo dalle intuizioni dello studioso Hari Seldon che sviluppò la scienza della Psicostoria: una matematica applicata alla sociologia in grado di prevedere il futuro dell’umanità e - nel caso – guidarlo al meglio.

La Psicostoria – sviluppatesi nel periodo di decadenza dell’impero galattico – arrivò a teorizzare che in seguito ad un interregno di mille anni si sarebbe riuscito a costruire un secondo impero sotto la guida della Prima Fondazione, creata appositamente sul pianeta Terminus, e appoggiata dai mentalisti della Seconda Fondazione, situata in un luogo segreto.

Vicende storiche e personaggi epici si alterneranno nel corso dei successivi cinquecento anni finché qualcosa arriverà a minare il Piano Seldon. E questo qualcosa ha a che fare con la Terra, pianeta delle origini ormai perduto e dimenticato…

trilogia della fondazioneamazon

1984 - George Orwell

Per un romanzo pubblicato nel 1949, il 1984 rappresentava già un notevole futuro. È la divisione politica ad aver subito maggiori ripercussioni: il mondo, infatti, è diviso in tre macrocontinenti (Oceania, Eurasia ed Estasia) in guerra perenne tra loro.

In Oceania, la cui capitale è Londra, la società vive sotto l’occhio indagatore del Grande Fratello animato da milioni di telecamere poste ovunque, anche nelle case e nei luoghi privati.

Apparentemente non c’è una legge e tutto è permesso, eppure ciò che davvero è proibito è – in una sola parola – vivere, se non secondo gli usi e costumi dettati dal Grande Fratello.

E sono i due protagonisti, Winston e Julia, a cercare di mantenere un briciolo di umanità, a cercare di continuare ad amare e a cercare di vivere senza affidare l’esistenza a degli slogan.

Questo futuro non troppo lontano (anzi, ormai passato) disegnato da Orwell riflette la sua visione politica ti stampo socialista poggiata sui cardini di giustizia e libertà, ben diversa dal socialismo reale che si andava profilando agli inizi degli anni ’50.

1984amazon

Il mondo nuovo - Aldous Huxley

Scritto nel 1932, quando l’Europa era stretta sotto la morsa del nazifascismo, Il Mondo Nuovo è ambientato in un ipotetico futuro nel quale vige un regime totalitario.

Gli uomini e le donne possono accedere a qualsiasi piacere morale: la vita mondana, una libertà sessuale, la promiscuità, l’accesso alle droghe. A proposito di questo, tutti sono invitati ad assumere una sostanza chiamata “soma”, capace di suscitare sensazioni di euforia e un effetto antidepressivo.

Ma per accedere a questi piaceri, il prezzo da pagare è altissimo: tutti gli abitanti sono concepiti (anzi, “prodotti”) in provetta e controllati secondo criteri eugenetici. Inoltre trascorrono l’infanzia ad essere programmati per avere un futuro segnato e accettato; le tecniche di indottrinamento e di condizionamento mentale agiscono a suon di slogan durante il sonno in modo tale da convincere ciascuno della propria felicità e del proprio ruolo nella società.

Una visione del futuro dove ogni identità si è spenta e dove spiccano i pilastri ideologici della filosofia di Huxley.

il mondo nuovoamazon

Fahrenheit 451 - Ray Bradbury

Il romanzo di fantascienza di Bradbury scritto nel 1953 , parla di un futuro non troppo lontano (forse appena dopo gli anni ’60).

Protagonista è  il pompiere Guy Montag che – come suo padre e suo nonno prima di lui – per lavoro dà fuoco ai libri, visto che leggere è considerato reato.

Ma dopo aver subito lo shock di vedere un’anziana lasciarsi morire carbonizzata in casa pur di non lasciare i suoi amati libri,  Montag inizia a chiedersi cosa contengano questi testi e finisce per conservarne alcuni, leggendoli.

Denunciato dalla moglie, decide di rifugiarsi insieme ad altri emarginati dalla società: le uniche persone decide a mantenere vivo il patrimonio letterario dell’umanità mandando a memoria i libri, senza conservarne alcuna copia.

Il disprezzo per i mass media e per una società che sceglie di distruggere facendo uso di armi nucleari porterà Bradbury ad esasperare le vicende nel suo romanzo, così da cercare di riportare il focus del presente sull’importanza della storia, della cultura e della lettura.

fahrenheit 451amazon

Il ciclo dei robot e degli Spaziali– Isaac Asimov

Ci troviamo ben ventimila anni prima delle vicende narrate nella trilogia della Fondazione, eppure siamo sempre lontani dal presente (siamo circa nell’anno 4000).

Stavolta le vicende si delineano a partire dalla Terra: pianeta sovrappopolato e vessato dai mondi degli Spaziali (cioè i 50 mondi colonizzati dai terrestri, successivamente ribellatesi alla madrepatria).

Sarà un eroe “nomale”, il poliziotto terrestre Elijah Bailey, a cercare di mediare la situazione evitando lo scoppiare di un conflitto e lo farà insieme al compagno Daneel Olivaw.

Ma Daneel non è un comune collega di investigazioni: come prima cosa è uno Spaziale, originario del pianeta Aurora (il più forte tra i 50 mondi) e, seconda cosa non meno importante, è un robot dalle sembianze umanoidi.

Nel corso delle investigazioni i due diventeranno amici e – anche dopo la morte di Bailey – al robot spetterà il compito di proteggere l’umanità, favorendo una nuova ondata di colonizzazione che poterà i terrestri fino ai più remoti confini della Galassia.

abissi d'acciaioamazon

Anche in questo caso i titoli del ciclo sono quattro: Il sole Nudo, Abissi d’Acciaio, I Robot dell’Alba e I Robot dell’Impero.

Vota anche tu!

E tu hai mai letto uno di questi romanzi di fantascienza?

Leggi di più tra 5

Annulla redirect

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.