Stai leggendo: Icone dei nostri tempi: la Regina Elisabetta II del Regno Unito

Letto: {{progress}}

Icone dei nostri tempi: la Regina Elisabetta II del Regno Unito

La Regina Elisabetta II detiene il record di maggior permanenza a Buckingham Palace. Tra guerre, crisi di stato e cambiamenti epocali, è arrivata alla tenera età di 92 anni di 65 da regnante, proprio oggi. E non ha alcuna intenzione di abdicare.

2 condivisioni 0 commenti

La Regina Elisabetta II è l'icona che abbiamo scelto questa settimana.

Si tratta di una figura che può vantare un elenco di primati di una certa importanza. Tipo quello del regno più lungo della monarchia inglese, un regno che ha visto avvicendarsi ben 13 ministri, 7 papi e alcuni tra i momenti storici più rilevanti dello scorso millennio.

Già questo potrebbe essere abbastanza, ma non è tutto. Perché la Regina Elisabetta possiede un altro primato. Ovvero quello di essere il sovrano ad aver fatto più viaggi di stato al mondo. Basti pensare che tra il 1953 e il 1954 ha fatto il giro del mondo in oltre 6 mesi.

Ci sarebbe poi un altro record, certo, non sarà magari annoverato nel guinness, ma a noi pare comunque un buon risultato e in quanto tale, lo citiamo: un matrimonio lungo oltre 70 anni.

Insomma, che piaccia o meno, la Regina Elisabetta è senza dubbio una delle figure storiche più emblematiche dello scorso millennio e, a quanto pare, anche di quello attuale. E nella settimana successiva al Royal Wedding, come potevamo non innalzarla nell’Olimpo delle Icone di FoxLife? 

La Regina Elisabetta II al volanteHDgetty images
La Regina Elisabetta II al volante

La Regina Elisabetta II: tutti i numeri

La Regina Elisabetta ha senza dubbio una certa familiarità con i grandi numeri. Partiamo dalle basi. È nata il  21 aprile 1926 e ha dunque 92 anni.

È diventata regina a soli 25 anni ed è sposata da quando ne aveva 21 con il Principe Filippo di Edimburgo, anche detto il Re delle gaffe, per via delle numerose figuracce collezionate nel tempo.

Da lui ha avuto 4 figli: Carlo il principe di Galles, Anna la principessa reale, il Principe Andrea duca di York ed il Principe Edoardo conte di Wessex. Tre su quattro hanno divorziato. Un altro record per una donna da una forte morale religiosa come lei. Ma di questo parleremo più avanti. 

Ritratto della Regina Elisabetta IIHDgetty images

Passiamo poi ai nipoti: 8 in tutto. E ai sudditi: ben 125 milioni.

Ed infine, ai regni di cui è sovrana: Antigua e Barbuda, Australia, Bahamas, Barbados, Belize, Canada, Grenada, Giamaica, Nuova Zelanda, Papua Nuova Guinea, Saint Kitts e Nevis, Saint Lucia, Saint Vincent e Grenadine, Isole Vergini britanniche, Isole Salomone e Tuvalu.

La Regina Elisabetta II: le imprese gloriose

La Regina Elisabetta II ha dunque indossato la corona da giovanissima. Si dice che in vista della cerimonia ufficiale, che tra l'altro fu la prima incoronazione di sempre ad essere trasmessa in TV, si allenò per una settimana a portare il pesantissimo diadema, senza neanche toglierselo quando metteva a letto il piccolo Carlo.

Incoronazione della Regina Elisabetta IIHDgetty images
L'incoronazione della Regina Elisabetta II

D'altronde il carattere forte, tenace e determinato è sempre stata un suo tratto distintivo. Appena diciottenne, in un'Europa dilaniata dalla Seconda Guerra Mondiale, la giovane Elisabetta non manifestò alcuna intenzione di rimanersene in disparte nei suoi palazzi dorati.

Così prese armi e bagagli e iniziò a prestare servizio militare nell'Auxiliary Territorial Service, dove imparò a guidare camion e a riparare motori. Niente male per una che non ha la patente no? La Regina Elisabetta non ha infatti la licenza di guida.

Tra gli altri documenti di cui è sprovvista, c'è anche il passaporto: non ne ha bisogno e se anche fosse, dovrebbe autorilasciarselo. Perché i passaporti inglesi sono emessi a suo nome.

La Regina Elisabetta in un viaggio di stato in NigeriaHDgetty images
La Regina Elisabetta durante un viaggio di stato in Nigeria

Fin dai suoi primissimi anni di regno, Elisabetta ha dimostrato una dedizione assoluta verso i suoi impegni istituzionali relazionandosi - nonostante il suo ruolo soprattutto simbolico - una volta a settimana con i Primi Ministri del suo paese.

E poi c'è, come abbiamo già accennato, il primato dei viaggi di stato: oltre 250, persino più di quanti ne abbia compiuti l'instancabile Papa Giovanni Paolo II.

Non dimentichiamoci poi del rovescio della medaglia, perché a volte bisogna anche ricambiare il favore e la Regina Elisabetta non si è mai tirata indietro: durante il suo regno ha ospitato circa 50.000 persone tra banchetti, ricevimenti e feste. Non si può dunque dire che non sia una donna accogliente.

La Regina Elisabetta II: il rapporto con i sudditi

La Regina Elisabetta, grazie anche a questa straordinaria abnegazione dimostrata nei confronti di un ruolo ormai più che altro formale, è sempre stata molto amata dai suoi sudditi. Unico neo, la drammatica e ben nota vicenda di Lady Diana.

All'indomani della morte dell'ormai ex-nuora, evento che sconvolse l'intero mondo, la Regina venne accusata di non aver manifestato una sufficiente partecipazione.

L'opinione pubblica, da sempre attaccatissima alla Principessa Triste, non tollerò questa sua eccessiva freddezza rispetto a un fatto tanto drammatico; così la Regina decise di tornare sui suoi passi pronunciando un toccante discorso davanti alle televisioni, al fine di omaggiare la defunta madre dei suoi allora giovanissimi nipotini William e Harry.

Omaggio per la morte di Lady DianaHDgetty images
Il cordoglio dei sudditi per la morte di Lady Diana

Solo negli ultimi anni la Regina Elisabetta ha iniziato a cambiare atteggiamento in pubblico. Da sempre abituata a mantenere, in ogni occasione, un contegno distaccato, la Regina ha cominciato a far trasparire qualche emozione anche in contesti ufficiali.

È stato il caso della cerimonia di inaugurazione del monumento di Alrewas per i soldati caduti in servizio in Afghanistan, durante la quale è stata vista versare persino qualche lacrima.  

La Regina Elisabetta II: i cambiamenti epocali

La Regina Elisabetta è nota per il suo ferreo senso del rigore e per la sua irremovibile morale religiosa, a causa dei quali, non solo non ha accettato per moltissimo tempo la relazione tra il figlio Carlo e la duchessa Camilla, ma ha anche impedito alla sorella Margaret di sposare un uomo divorziato.

Negli ultimi anni però le è toccato cominciare a scendere a patti con i tempi correnti. Un esempio? Ha acconsentito che il figlio convolasse finalmente a nozze con l'amore della sua giovinezza e che i nipoti sposassero due borghesi. Prima William con Kate Middleton e, ultimamente Harry con Meghan Markle. Attrice, afro-americana, divorziata.

Non male per una tradizionalista signora di 92 anni no? 

La Regina Elisabetta durante le nozze di Harry e MeghanHDgetty images
La Regina Elisabetta durante il Royal Wedding

Non solo: nel 2012 ha persino partecipato ad un video per la cerimonia inaugurale delle Olimpiadi di Londra.

Nel quale si lancia, in quella scena solo nella finzione, assieme a Daniel Craig-aka James Bond, da un elicottero per planare sopra lo stadio. 

La Regina Elisabetta con Niall Horan degli One DirectionHDgetty images
La Regina Elisabetta con Niall Horan degli One Direction

Insomma, la Regina Elisabetta è senza dubbio una sovrana di altri tempi che ultimamente ha dimostrato di sapersi in qualche modo adattare all'epoca in cui vive, esibendo un'inaspettata flessibilità mentale che ad una donna tanto conservatrice dev'essere costata molto.

La sua devozione ad un ruolo formale, il suo instancabile piglio, la sua vena autoritaria che non risparmia un rimprovero al nipote in nessuna occasione (ricordate quando intimò a William di alzarsi durante le celebrazioni dei suoi 90 anni? O quando riprese l'allora Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi per aver parlato a voce troppo alta?) l'hanno resa a tutti gli effetti un'icona a cavallo dei due secoli.

La Regina Elisabetta rimprovera il nipote WilliamHDgetty images
La Regina Elisabetta intima al nipote William di alzarsi in piedi

Un'icona che ha decisamente saputo reinventarsi, nonostante il peso della corona che porta in testa da 65 anni: il 2 giugno 1953 infatti veniva incoronata Regina di Regno Unito, Canada, Australia, Nuova Zelanda, Sudafrica, Ceylon e Pakistan, a seguito della morte del padre.

E attenzione, perché le sue rivoluzioni non sono finite. Pare che ultimamente sia stata avvistata sorridere e persino ridere in pubblico.

Che dire? Ora più che mai, Lunga Vita alla Regina!

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.