Stai leggendo: Sandra Bullock scoppia in lacrime parlando dei suoi figli adottati

Letto: {{progress}}

Sandra Bullock scoppia in lacrime parlando dei suoi figli adottati

Sandra Bullock, ospite di un programma su NBC, è scoppiata a piangere parlando dei due figli che ha adottato e che l'hanno resa, a tutti gli effetti, mamma.

Sandra Bullock in primo piano Getty Images

7 condivisioni 0 commenti

L’attrice Sandra Bullock, ospite di Today sul network NBC, ha condiviso un momento speciale insieme alla giornalista Hoda Kotb che la intervistava davanti alle telecamere.

 Entrambe, infatti, sono mamme adottive e Hoda ha spinto Sandra a parlare di quella incredibile ed eccezionale esperienza.

L’adozione ha spinto le due donne a socializzare e viaggiare (spesso insieme) per donare ai bambini abbandonati un futuro migliore.

Sandra è scoppiata in lacrime durante l’ospitata, mentre chiacchierava con l’amica Hoda. La star ha svelato cosa significhi per lei essere diventata mamma in un modo così intenso. La Bullock è mamma adottiva di Louis (nato nel 2010 e preso in custodia subito dall’attrice) e di Laila (che aveva 3 anni e mezzo quando l’ha conosciuta): quest’ultima è stata adottata nel 2015, con particolari riserve da parte della madre, che a People aveva raccontato di aver avuto paura del fatto che fosse assediata dai fotografi.

Sandra Bullock con i due figliHDvia Popsugar
Sandra Bullock con i figli adottati

 La mia priorità era salvaguardare la sua privacy: avevo paura che essere sotto i riflettori potesse mettere in pericolo il processo di adozione.

 Ma poi è andato tutto a buon fine e Sandra è pronta a testimoniare positivamente sull’adozione, come ha spiegato a Today.

Centinaia di migliaia di bambini sono pronti per essere tuo figlio, e tu sei un genitore per sempre nel momento in cui accetti l'amore di quel bambino.

La star di Ocean's 8 ha dato un bellissimo esempio su come si possano superare i limiti biologici diventando comunque, a tutti gli effetti, genitori. Hoda Kotb, l'intervistatrice, è mamma di  Haley Joy, adottata nel febbraio 2017.

Cosa ne pensate?

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.