Stai leggendo: Obesità: uno studio rivela che protegge dalle malattie infettive

Letto: {{progress}}

Obesità: uno studio rivela che protegge dalle malattie infettive

L'obesità è una condizione fisica pericolosa per la salute dell'uomo eppure studi recenti, presentati al Congresso Europeo sull'Obesità a Vienna, hanno dimostrato che il grasso può proteggere dalle malattie infettive.

Un medico misura il girovita di una persona FredFroese

2 condivisioni 0 commenti

L’obesità rappresenta un rischio per la salute dell’uomo e della donna. Essere in sovrappeso comporta una maggiore predisposizione a soffrire di malattie cardiovascolari, metaboliche come il diabete, ad essere più soggetti a infarto e ictus e ad avere problemi respiratori (apnee notturne).

Non solo, chi è affetto da obesità presenta difficoltà motorie, può accusare dolori alla schiena e alle articolazioni e avere problemi di mobilità, oltre a soffrire di disturbi alla sfera sessuale (impotenza per gli uomini e infertilità per le donne). Insomma avere troppi chili di troppo non va bene e la raccomandazione dei medici è quella di porre rimedio alla situazione facendosi seguire da un professionista che fornirà indicazioni su come imparare a mangiare sano e su come mantenere in seguito uno stile di vita corretto.

Tuttavia esiste il cosiddetto paradosso dell’obesità, in cui a fronte di una condizione medica sconsigliata, il paziente si ritrova ad essere protetto da altre patologie pericolose per la sua salute, in particolare infezioni. La scoperta è recente e deriva da uno studio presentato al Congresso Europeo sull’obesità a Vienna.

Dettaglio di piedi di donna su una bilanciaHDadrian825

Un team di ricercatori ha analizzato in Danimarca i casi di 18.000 mila ricoverati, una parte dei quali era obesa. Ebbene da quanto è emerso, il 50% di loro aveva meno probabilità di morire rispetto a quelli normopeso, la cui percentuale si aggirava intorno al 40%. I casi presi in esame riguardavano pazienti ricoverati in ospedale dal 2011 al 2015.

Ad avvalorare tale risultato è stata presentata un’altra ricerca che ha preso in considerazione i dati appartenenti a quasi 1,7 milioni di individui affetti da polmonite in 1.000 ospedali statunitensi nel 2013 e nel 2014. In questo caso, gli ammalati obesi avevano il 29% in più di possibilità di sopravvivere rispetto agli altri di peso normale. Per quelli in sovrappeso la percentuale si abbassava al 23%.

Donna magra e in sovrappeso a confrontoHDGMint

Un terzo articolo portato al congresso ha presentato un altro studio condotto su 3,7 milioni di ricoveri per sepsi in 1.000 ospedali americani e anche in questo caso i soggetti obesi e in sovrappeso avevano più probabilità di salvarsi rispetto a quelli normopeso. Per chi non lo sapesse, la sepsi è un’infezione batterica generalizzata e diffusa in tutto il corpo. Causa febbre, ipotensione, confusione mentale, difficoltà respiratorie e frequenza cardiaca accelerata. Se non viene presa in tempo può essere fatale.

Un quarto studio fatto invece nei Paesi Bassi ha dimostrato come i pazienti obesi, sempre ricoverati in ospedale, avessero tassi di deperimento muscolare inferiori rispetto a quelli dei pazienti che non presentavano problemi di sovrappeso.

Illustrazione di una donna in sovrappeso che corre lungo un centimetroHDsolar22

Da quanto detto pare quindi che il grasso in eccesso rappresenti in certe situazioni un aiuto per la persona ma ciò non vuol dire che l’obesità sia una condizione da incoraggiare. I pericoli a cui espone, infatti, sono notevoli e la qualità di vita di un individuo fortemente in sovrappeso è compromessa. Fate quindi attenzione a mangiare sano e a svolgere regolare attività fisica.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

SCOPRI GLI OUTFIT DELL'ESTATE