Stai leggendo: Sulle tracce del Medioevo italiano: città, borghi e castelli da favola

Letto: {{progress}}

Sulle tracce del Medioevo italiano: città, borghi e castelli da favola

Il Medioevo, in Italia, ha lasciato tracce architettoniche d'eccezione: chiese, palazzi e castelli dal fascino unico e senza tempo. Partiamo insieme per un viaggio tra alcuni dei luoghi più belli del paese, con qualche sosta extra di charme e relax.

Scorcio di FIrenze istock

7 condivisioni 0 commenti

L'Italia è uno dei paesi artisticamente più belli e storicamente più importanti del mondo, ma spesso, purtroppo, ce ne dimentichiamo. Culla della cultura occidentale, la nazione custodisce alcune delle testimonianze architettoniche più suggestive del Medioevo, dalle città come Firenze e Siena ai piccoli borghi come Fiesole e Narni, passando per castelli che dopo secoli conservano ancora intatto tutto il loro fascino. Un viaggio stupendo e indimenticabile attraverso "lo stivale", con mete facilmente raggiungibili e perfette da visitare durante ogni stagione, è ciò che ci vuole per approfondire l'argomento e valorizzare le bellezze del nostro paese!

Ecco città, borghi e castelli medievali più belli d'Italia.

Castel del Monte ad Andria

L'imperatore Federico II di Svevia, nato nel 1194 e morto nel 1250, è stata una delle figure più “stupefacenti” del Medioevo e ha influenzato in maniera indelebile ed eccezionalmente progressista la storia, la cultura, l'architettura e la scienza di quelli che erroneamente vengono definiti “Secoli bui”. L'edificio simbolo del suo illuminato governo e della sua multientica erudizione è senza dubbio il meraviglioso, raffinato, possente e “misterioso” Castel del Monte, dichiarato Patrimonio dell'Umanità.

La magnifica architettura di Castel del Monte, in PugliaHDPixabay
La magnifica architettura di Castel del Monte: un luogo magico voluto da Federico II

Federico II, che morì prima che il palazzo fosse terminato, diede l'ordine di costruire questa significativa opera di architettura, che mescola diversi stili (classico, gotico, arabo, etc.), intorno al 1240. Il castello, che probabilmente non aveva scopo difensivo, ma di rappresentanza, è a pianta ottagonale e il “magico” numero otto, considerato in molte religiose, tra cui Cristianesimo ed Ebraismo, come un simbolo di rinascita, unione e infinito, si ripete in maniera quasi ossessiva.

La struttura ha, infatti, anche otto torri (sempre ottagonali) e otto sale per ogni piano. Molte sculture, bassorilievi e altri elementi decorativi o architettonici hanno 8 dettagli uguali. Divertitevi e lasciatevi ammaliare da tutte leggende che circondano questo incantevole luogo e che richiamano alchimia, esoterismo, religione, miti legati a Re Artù e al Santo Graal, e così via.

Le forme romaniche della cattedrale di TraniHDPixabay
La cattedrale di Trani, con le sue forme romaniche e il bellissimo campanile

Concedetevi, poi, una visita a Trani e ad Andria, due meravigliose cittadine che vi aspetteranno con eccellenti ristorantini di pesce (molto raccomandati sono i piatti con il polpo) e gelaterie. A Trani, non perdetevi il lungomare e il porto, dove dominano la bellissima cattedrale romanica di San Nicola Pellegrino e il castello svevo, costruito intorno al 1230, sempre per volere di Federico II.

Firenze e provincia

Firenze è stata la culla della storia, della cultura e della lingua del nostro paese. Dante, Boccaccio e Petrarca hanno plasmato la poesia e la prosa italiana, mentre Michelangelo, Donatello e Botticelli hanno raffigurato con una incredibile sensibilità artistica la nostra storia e la nostra religiosità. Firenze è una città magica e maestosa, dove ancora si respira l'aria dell'Umanesimo e del Rinascimento.

Il cuore medievale di FirenzeHDPixabay
Il cuore medievale di Firenze: il Battistero di San Giovanni, con sullo sfondo il Duomo e il Campanile di Giotto

Passeggiare per le sue stradine, guardare ammirati le sue armoniose architetture e visitare i suoi monumenti è un'emozione indimenticabile. I suoi punti d'interesse sono tantissimi, sarebbe più facile dire che l'intera città è un museo a cielo aperto e ogni angolo rappresenterà una bellissima scoperta: dalla chiesa di Santa Maria Novella alla Cattedrale di Santa Maria del Fiore (consacrata nel 1436), con la stupenda cupola del Brunelleschi e l'iconico campanile di Giotto, dal Battistero di San Giovanni al Ponte Vecchio, da Piazza della Signoria, dominata da Palazzo Vecchio e dalla Loggia del Lanzi alla Cappella Brancacci, dalla Galleria dell'Accademia (dove è esposto il celeberrimo David di Michelangelo) agli Uffizi, uno dei musei più preziosi e visitati al mondo.

Caratteristica vista del Ponte VecchioHDPixabay
Romantica vista del Ponte Vecchio a Firenze

Firenze vi lascerà senza parole, ma, qualora riusciste ad allontanarvi da questa meravigliosa città, vi aspettano dei borghi medievali eccezionali, tra cui Montepulciano, con la sua pittoresca Piazza Grande, Certaldo, dove nacque Boccaccio, Fiesole, con le sue tante graziose chiese e ville, e Vinci, terra del geniale Leonardo. Per le amanti di elfi, fate e maghe, inoltre, il comune ospita, ogni luglio, il festival più grande festival fantasy d'Italia: la Festa dell'Unicorno.

Firenze e provincia sono, inoltre, anche luoghi rinomati per lo shopping. Ne avrete per tutti i gusti: grandi marche, artigianato locale in pelle, gioielleria (Ponte Vecchio a Firenze è uno spot eccezionale, anche se molto turistico, per gemme e oro) e prodotti enogastronomici.

Caratteristico negozio di prodotti tipici in ToscaniaHDPixabay
Un pittoresco negozio di prodotti tipici toscani

Se non siete vegetariani, Firenze sarà un paradiso di gusto, salumi, panini con lampredotto e bistecche alla fiorentina. Anche chi non mangia carne, però, avrà di che saziarsi: tra i piatti tipici locali, non perdetevi la ribollita, la pappa al pomodoro e i tanti, tantissimi squisiti formaggi.

Tra i vini, non possiamo che suggerirvi il Chianti Colli Fiorenti e, per concludere, qualche dolce e croccante cantuccino è la scelta giusta! Per unire una sosta elegante a una possibile avventura musicale, soprattutto se siete appassionati di Sting, concedetevi una visita alla meravigliosa tenuta del XVI secolo, Il Palagio, che il cantante inglese ha acquistato nel 1999.

Il fascino di MontepulcianoHDPixabay
Affascinante panorama della campagna toscana, visto da Montepulciano

Siena e provincia

Anche a Siena, come a Firenze, vi sembrerà di muovermi in un mondo antico, in un passato lontano e affascinante. Il cuore della città, nota in tutto il mondo per il suo travolgente e pittoresco palio, è la famosa Piazza del Campo, con la sua “curiosa” forma a ventaglio. Qui potrete sedervi ad ammirare il Palazzo Comunale, con la sua bellissima torre campanaria, detta “del Mangia”, e i tanti palazzi medievali che abbracciano l'area.

La piazza più bella di Siena: Piazza del CampoHDPixabay
Meraviglioso scorcio di Piazza del Campo, con al centro il Palazzo Comunale

Imperdibile sono anche il Duomo, con il suo cromaticamente ipnotico campanile, la Pinacoteca e la possente Basilica di San Francesco. La provincia di Siena nasconde altre piccole perle medievali assolutamente da non perdere.

Le affascinanti architetture del Duomo di SienaHDPixabay
Il Duomo di Siena, con i suoi splendenti colori e ricche decorazioni

San Gimignano, Patrimonio dell'UNESCO, è una delle mete più frequentate e ammirate, soprattutto per le sue caratteristiche torri. Un tempo erano oltre 70, oggi ne rimangono 14, tra cui l'antichissima Torre Rognosa (circa 1200), la misteriosa Torre del Diavolo e le torri di due famiglie nemiche, quella degli Ardinghelli (guelfi) e quella dei Salvucci (ghibellini).

San Gimignano e le sue caratteristiche e famose torriHDPixabay
La meravigliosa San Gimignano, con le sue meravigliose e famose torri

Monteriggioni, che, come scrisse Dante, “di torri si corona”, è amatissimo per la suggestiva cinta muraria di forma circolare che avvolge il castello guelfo, mentre Chiusodino custodisce due delle attrazioni più belle di tutta la Toscana: l'Abbazia (gotica e sconsacrata) di San Galgano, risaltente al XIII secolo e la Rotonda di Montesiepi del XII secolo, dove si trova una vera spada nella roccia. L'arma, secondo la tradizione, fu incastrata in una pietra da San Galgano, un ex cavaliere che, tramite quel gesto, rinunciò alla sua vita laica e militare per seguire la sua fede cristiana e pacifista.

L'architettura gotico-cistercense dell'Abbazia di San GalganoHDPixabay
La maestosa e fatiscente Abbazia di San Galgano, con il suo caratteristico tetto scoperchiato

E visto che siete in zona, anche se non è propriamente una tappa medievale, potreste regalatevi una sosta di charme e relax a Chianciano Terme, una delle località termali più rinomate del mondo, dove vi aspettano eleganti spa e trattamenti di benessere. 

Umbria

Il territorio umbro, meno caro della Toscana ma ugualmente spettacolare e incantevole. La vacanza perfetta in questa piccola regione si organizza in macchina, in maniera tale da raggiungere più destinazioni possibili. Una delle mete più belle è senza dubbio Assisi, uno dei centri sacri più importanti dell'Italia medievale. La cittadina deve la sua fama a San Francesco, il patrono d'Italia, che qui nacque nel 1181 ca. e qui morì nel 1226.

Vista della Basilica di San Francesco d'Assisi, in UmbriaHDPixabay
La Basilica di San Francesco d'Assisi, uno dei luoghi sacri più suggestivi d'Italia

Lasciatevi emozionare dalla suggestiva Basilica (divisa in Superiore e Inferiore), complesso dal valore artistico incalcolabile. Le sue splendenti architetture gotiche esterne e i suoi preziosi affreschi all'interno le sono valse il riconoscimento di Patrimonio dell'Umanità. Da vedere anche l'elegante Chiesa di Santa Chiara (XIII secolo) e la bella Piazza del Comune, con la sua Torre del Popolo, il Palazzo dei Priori e la Fontana dei Tre Leoni.

Il cuore medievale di AssisiHDPixabay
Vista di Assisi, con la Basilica di Chiara sullo sfondo, in alto a sinistra

Poco distante dal centro di Assisi, la Basilica di Santa Maria degli Angeli, sempre inserita nella lista dei siti protetti dall'UNESCO, custodisce la Porziuncola, una piccola e meravigliosa cappella dove San Francesco era solito pregare e dove sembra che compose il Cantico delle Creature.

Il centro storico di PerugiaHDPixabay
Piacevole scorcio di Piazza IV Novembre a Prugia, con la Fontana Maggiore e il Palazzo dei Priori

Lasciata Assisi, scegliete la prossima meta: il capoluogo Perugia, con il suo cuore medievale, in cui spiccano il Palazzo dei Priori, la Fontana Maggiore e la Cattedrale di San Lorenzo, la raccolta e incantevole Gubbio, Spello, che il 2 e 3 giugno si riempirà di fiori per la tradizionale “Infiorata”, Spoleto, con il suo meraviglioso Ponte delle Torri, Orvieto, con il splendente Duomo e il leggendario Pozzo di San Patrizio, e la pittoresca Narni, sovrastata dall'alto dalla possente Rocca Albornoz.

Particolare del Duomo di OrvietoHDPixabay
Prezioso dettaglio della facciata del Duomo di Orvieto, con i suoi bellissimi mosaici e bassorilievi

Castello Scaligero di Sirmione

Il Castello Scaligero di Sirmione è uno stupendo palazzo adagiato sul Lago di Garda, in una cornice da favola. La sua costruzione iniziò nel 1277-1278 per volere del signore di Verona Mastino della Scala, in un'area di confine strategicamente importante, che probabilmente, durante la Roma antica, era stata una fortificazione.

Ingresso del Castello Scaligero di SirmioneHDPixabay
Il favoloso Castello Scaligero di Sirmione, con la sua caratteristica merlatura

La sua struttura è possente e armonica allo stesso tempo, contraddistinta da una raffinata merlatura a coda di rondine, un dettaglio architettonico tipico di tutte le costruzioni scaligere. Quando, nel 1405, il territorio passò sotto il controllo della Serenissima Repubblica di Venezia, vennero fatte alcune modifiche, tra cui la suggestiva darsena, che regala uno degli scorci più belli del monumento. Come ogni castello che si rispetti, anche questo palazzo è infestato da qualche fantasma, da una storia d'amore tragica e da un po' di mistero!

Secoli e secoli fa, nel castello, abitavano Ebengardo e la sua amata Arice, fanciulla dalla rara bellezza e dalla squisita dolcezza. Una sventurata notte, durante una tempesta, la coppia aprì le sue porte a un ricco e nobile cavaliere in difficoltà, Elaberto. Invaghitosi, fino alla follia, della giovane, la aggredì e la pugnalò. Quando Ebengardo accorse in soccorso della sua innamorata, la trovò esanime e, in preda alla rabbia, uccise l'assassino e spese la sua vita chiuso nel castello, impazzendo di dolore.

Ancora oggi, alcuni visitatori raccontano di aver visto i loro spiriti inquieti aggirarsi nelle sale del palazzo. Se le storie fantasmi vi hanno spaventato, non vi preoccupate: Sirmione è famosa anche per le sue terme. Qui potrete ritrovare la tranquillità!

Il Lago di Garda nei pressi del Castello ScaligeroHDPixabay

E voi dove andreste? Fatecelo sapere rispondendo al nostro sondaggio!

Vota anche tu!

Quale meta "medievale" italiana vorreste visitare?

Leggi di più tra 5

Annulla redirect

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.