Stai leggendo: Naturalmente grandi: meravigliose occasioni di crescita dai campi natura per bambini

Letto: {{progress}}

Naturalmente grandi: meravigliose occasioni di crescita dai campi natura per bambini

Dormire nella tenda degli indiani d'America, studiare gli animali marini da una barca, arrampicarsi sugli alberi e circondarsi di nuovi amici: è il pacchetto full optional offerto da moltissimi campi natura per bambini e ragazzi.

campi-natura-bambini-ragazzi Istockphoto

0 condivisioni 0 commenti

Molte delle lezioni che consideriamo indispensabili per i bambini passano dalla famiglia, dalla scuola e dalle altre istituzioni. Altre vengono fuori dal gioco, altre ancora dal giusto rimprovero o dalla delusione per una sconfitta. Alcune lezioni, però, si imparano in modi alternativi, gironzolando liberamente sospesi tra i fili d’erba e le nuvole nel cielo.

Secondo fior fior di scienziati le fondamenta di una solida educazione non affondano solo nella cultura accademia, in ciò che si impara seduti nel banco, ma anche nella libertà di espressione degli istinti, nel tempo trascorso in spazi fisici aperti, nei quali si possano allargare le braccia senza incontrare ostacoli: su questo sono state costruite intere teorie pedagogiche. Ma non si tratta solo di libertà, ovunque vissuta.

È nel contatto con la natura, infatti, che si sviluppa il pensiero divergente, che è basato sull’intuito, sulla capacità di trovare soluzioni diverse ai problemi e che è la sede stessa della creatività presente e futura del bambino.

HDIstockphoto

In questo articolo parliamo dei benefici, per bambini e ragazzi, del vivere esperienze naturalistiche, di cosa la natura è in grado di insegnargli e dei campi natura per bambini e ragazzi: ne abbiamo, infatti, individuati dieci che vi raccomandiamo particolarmente per questa estate 2018. E se non ve la sentite ancora di lasciarli andare da soli, segnaliamo anche alcuni viaggi natura per tutta la famiglia. Vai subito ai campi natura che abbiamo scelto.

Maestra Natura, cosa ci insegni?

Se siete appassionati del suo pensiero persino Maria Montessori, educatrice e neuro psichiatra infantile scomparsa nel 1952, considerava la natura un’aula scolastica a tutti gli effetti nella quale il bambino è “il miglior osservatore spontaneo”. Secondo la Montessori l’educazione ambientale nell’infanzia non si doveva nutrire, però, di nozioni teoriche, ma piuttosto di attività materiali da svolgere nella natura per risvegliare l'interesse del bambino.

HDIstockphoto

Prendersi cura di piante e animali è, per esempio, uno straordinario insegnamento. Il bambino impara cosa voglia dire "responsabilità", essendo a lui affidata la cura e la protezione di un essere vivente e riesce a percepire l'esistenza di un continuum temporale (mentre di solito i bambini vivono l'attimo e difficilmente sanno ricollegarlo al domani).

Il bruco che mangia oggi la foglia domani diventerà una farfalla, se lo innaffio ogni giorno il seme che ho piantato ieri con papà crescerà e farà un bellissimo fiore. In autunno le foglie dell'albero diventano gialle, in inverno cadono e a primavera rinascono i germogli, eccetera.

HDIstockphoto

Ma la natura ha molto di più di questo da dare ai vostri figli. Quali sono i benefici che bambini e ragazzi traggono dal contatto con la natura? Almeno quattro.

  1. L’esperienza sensoriale: il vento muove gli alberi, i pini profumano l’aria, l’acqua scrosciante è un’esplosione di vita che apre gli occhi e la mente.
  2. L'organizzazione del tutto: in natura ogni cosa ha uno scopo e niente è inutile o va sprecato; grazie all'organizzazione tutte le cose funzionano perfettamente.
  3. Il valore del tempo: ce n’è uno per le fioriture e uno per cogliere i frutti. Materialmente è così, ma anche metaforicamente durante i campi avventura la giornata è scandita da ritmi e orari, perché il gruppo ha bisogno di organizzazione (per quanto siamo certo ben lontani dalla vecchia concezione del campo in stile colonia). Spesso, poi, in natura il tempo scorre lento e anche l'educazione alla lentezza può essere un grande insegnamento.
  4. Com'è fatta la vera natura, oltre le favole: fin da piccoli li abbiamo abituati a vivere grandi avventure attraverso i libri di fiabe o attraverso una filastrocca ripetuta dalla nonna; persino in tv, nei cartoni animati, i protagonisti sono spesso animali, più o meno antropomorfi. Ma la vera natura non è questo ed è bello che la scoprano per com'è, pur nel suo saper essere spietata, a volte.

Cosa imparano i ragazzi dai campi natura?

Il tempo trascorso a contatto con la natura non ha prezzo per i nostri bambini. E anche se nel nostro piccolo, quotidiano vivere possiamo fare molto coinvolgendoli nel giardinaggio, portandoli in giro nei parchi più belli delle città, andando in cerca di fiori, frutti e animali, esistono esperienze di viaggio appositamente create per bambini e ragazzi di tutte le età: sono i campi natura, nei quali la natura sale in cattedra ad insegnare bellezza, ordine, rispetto, calma e tutto quello di cui abbiamo parlato fino a qui.

Di una cosa soltanto potremmo esserci dimenticati e occorre rimediare subito. Non potete negare, per quanto li vediate soltanto come i vostri cuccioli, che sono loro le colonne portanti del mondo del futuro, a loro è, in fondo, affidato il compito di vivere responsabilmente nel rispetto del pianeta. E come possiamo pretendere che di questo pianeta gli interessi qualcosa se non l'hanno mai conosciuto, se non hanno mai frequentato la natura?

HDIstockphoto

I campi natura sono un'occasione eccellente per conoscere, scoprire e amare il mondo attraverso la conoscenza: è un turismo sostenibile o è, comunque, un suo embrione. L'esperienza dei campi natura è più ricca di quanto immaginate.

Cosa imparano i ragazzi dai campi natura?

  • Educazione e non competizione: durante i giochi e le attività sportive che vengono organizzate bambini e ragazzi imparano a confrontarsi con lealtà, divertendosi.
  • Autonomia: voi siete e resterete sempre il punto di riferimento dei vostri bambini ma, anche se a piccoli passi, occorre farli allontanare, sbagliare, crescere.
  • No limits: l'autonomia ha un altro aspetto, ed è la libertà che si riferisce al vivere un'esperienza nella quale il bambino non è continuamente rimproverato se si sporca o se scappa un po' più lontano. In un ambiente naturale è bello e spontaneo avere un contatto diretto con la terra, con l'acqua e pasticciare un po'... È molto importante, di tanto in tanto, uscire dai recinti della propria stanzetta, della casa stessa, della scuola o del parco giochi. 
  • Lo spirito di adattamento: lontani dalla comodità delle proprie case bisogna un po’ abituarsi alle nuove routine e se lo spazzolino non è proprio a portata di mano, pazienza!
  • La collaborazione: su una barca tutto l'equipaggio lavora all'unisono, per veleggiare ma anche per preparare i pasti o lavare le stoviglie, ma anche i campi avventura a terra richiedono cooperazione e partecipazione.
  • La condivisione: di tutti gli spazi comuni e, primo di tutti, del tempo. Bagni, docce, eventuali tende vanno gestite nel rispetto degli altri e nel senso del gruppo, gli orari devono essere rispettati.
  • L'amicizia: l'ambiente comunitario dei campi avventura è sempre in fermento e rilassato e stimola le nuove conoscenze.
  • La bellezza delle cose semplici: senza giochi, senza tecnologia, senza cartoni animati, ma pieni di nuovi amici ed esperienze divertenti che scandiscono la giornata. Altro che Super Pigiamini!
  • Scoprire la natura, davvero: nel campi natura i vostri ragazzi parteciperanno a moltissime attività il cui scopo è quello di stimolare la curiosità e sentire, proiettare la natura dentro di sé. Vengono in genere organizzati laboratori all'aperto, per esempio per realizzare schizzi di fiori o animali osservati in giornata.
  • Rispetto per l’ambiente: i vostri figli sono le donne e gli uomini di domani, e a loro è consegnata la terra. I campi natura sono l’occasione per eccellenza per imparare a rispettarla: difficilmente un bambino che annovera anche qualche esperienza naturalistica, tra una partita a pallone e una lezione di musica, sarà domani un adulto insensibile alla causa ambientalista.

Insomma non è un caso se negli ultimi anni la richiesta per i viaggi junior sostenibili è esplosa: i genitori riconoscono nel viaggio naturalistico una vera occasione di crescita e conquista di indipendenza, e un ottimo modo di impiegare il tempo libero estivo e far fuggire i ragazzi dal “pericolo” della noia, mentre si rilassano e imparano.

10 fantastici campi natura per bambini e ragazzi per l’estate 2018

Abbiamo selezionato alcuni tour operator attivi nel turismo sostenibile per ragazzi da molti anni. Si tratta di soggetti che hanno accumulato una grande esperienza e che offrono animatori ed educatori qualificati e si appoggiano ad esperti locali, come guardie parco, ricercatori, scienziati. Sui loro siti internet troverete informazioni dettagliate e risposte ai mille dubbi e domande che vi assaliranno prima dell'organizzazione del viaggio.

Per esempio l’associazione Campi Avventura, consigliata dal Touring Club Italiano, è una pioniera nel turismo green per ragazzi: hanno iniziato nel lontano 1976, quando l’educazione ambientale era ancora cosa di scarso interesse. La mission è oggi come allora quella di sviluppare una società ecologica, a misura di bambino, e per realizzare questo si servono di collaborazioni con Parchi e Riserve e sostengono il WWF e Save The Children.

WWF Travel è il tour operator del WWF di nuovissima costituzione e si propone di promuovere un turismo naturalistico e responsabile, per sensibilizzare giovani e adulti alla salvaguardia del pianeta: hanno già moltissime proposte di viaggio disponibili.

Anche Legambiente organizza diversi campi volontariato, il cui scopo, quindi, è anche quello di trasmettere il valore dell'azione del singolo per la tutela del paesaggio e dell'ambiente. Qualcuna di queste proposte riuscirà a strapparvi un "Sì"?

La sciara del fuoco dello Stromboli dalla barca a vela

campi-natura-bambini-stromboliHDIstockphoto

Un’esperienza profondamente suggestiva, dedicata ai ragazzi dai 14 ai 17 anni. Un’intera settimana in barca a vela alle Isole Eolie, in compagnia di skipper ed educatori qualificati, per nuotare in mezzo ai geyser sottomarini, imparare i segreti dei delfini, suonare la chitarra al tramonto mentre tutto il mare attorno si accende di arancione. E poi tutti a Salina ad assaggiare la granita più buona mai creata, fatta ancora con un metodo artigianale!

Quota di partecipazione: € 630,00 viaggio escluso. Partenze organizzate da: Milano, Bologna, Roma, Napoli, Messina, Palermo. Periodo: a luglio, da mercoledì 18 a martedì 24 e da giovedì 26 a mercoledì 1 agosto. Ditemi di più!

Come piccoli Robin Hood

campi-natura-bambini-tiro-arcoHDIstockphoto

Se i vostri bambini hanno dai 6 agli 11 anni possono vestire i panni di Robin Hood in questo campo natura che prevede: tiro con l’arco, appostamento per "spiare" le abitudini della fauna selvatica composta da cervi, tassi, gufi, e lupi! I ragazzi soggiorneranno in un agriturismo famoso per il suo centro equestre e immerso in 180 ettari di bosco, una specie di fattoria, in realtà, con l’aspetto di un piccolo borgo antico: il posto ideale per le scorribande! Previsti anche giochi di orientamento e osservazione delle stelle. Consigliato a fratelli e sorelle che vogliono partire insieme pur non avendo la stessa età.

Quota di partecipazione: € 460,00 viaggio escluso. Partenze organizzate da: Milano, Bologna, Firenze, Arezzo, Roma, Napoli. Periodo: varie date, da giugno ad agosto. Ditemi di più!

Solo per veri avventurieri

campi-natura-bambini-tepeeHDIstockphoto

Dai 7 agli 11 anni. Trekking, prove di orientamento, tree-climbing, zip-line, ponti tibetani, canoa, arrampicate sugli alberi tra boschi, praterie e animali selvatici: adrenalina e avventura sono gli ingredienti della ricetta preferita da tutti i piccoli impavidi! Sette giorni ad oltre mille metri di altitudine, all'oasi Dynamo Experience di WWF Travel, per riscoprire il legame con la natura e l’importanza del rispetto del nostro pianeta. La sera si va a nanna nei tepee, le tende degli antichi indiani d’America, cullati dai suoni del bosco, ma sempre sotto l’occhio attento dei responsabili del campo.

Quota di partecipazione: € 680. Periodo: 1-7 luglio; 15-21 luglio. Dove: in Toscana. Ditemi di più!

Biologi marini di domani

HDIstockphoto

Un campo che si svolge in un borgo di mare ligure, per bimbi dai 7 agli 11 anni, che vogliono sapere tutto del mare e capire come proteggerlo. Il viaggio ha un approccio scientifico, parteciperanno dei veri esperti biologi marini! I bambini osserveranno e impareranno a riconoscere gli organismi che popolano questo splendido tratto del Mediterraneo, sulla terra ferma invece faranno analisi botaniche, biologiche e geologiche al microscopio. Se il vostro piccolo sente di avere un futuro già tracciato nella biologia marina questo campo natura è un regalo speciale. Ricordategli, però, che può sempre cambiare idea, voi non ve la prenderete!

Quota di partecipazione: € 795 euro. Periodo: diverse le date, da giugno a luglio. Dove: Liguria. Ditemi di più!

Con mamma e papà tra foresta incantata e mare dei Greci

HDIstockphoto

Se proprio non ve la sentite di lasciare andare i vostri piccoli da soli, WWF Travel propone tantissimi pacchetti vacanza per tutta la famiglia: tra sole, mare e osservazioni naturalistiche la bandiera della coscienza ambientale svetta alta! Si svolge in Basilicata, presso la Riserva Naturale Bosco Pantano di Policoro. Sono previste attività sportive in vela, canoa e mountain bike, una giornata di whale watching su un catamarano di 12 metri, la visita dei diversi habitat della riserva sempre affiancati da esperti e biologi. Scoprirete l’ambiente fluviale risalendo in canoa le tranquille acque del Sinni a caccia di nuove emozioni e della natura selvaggia. Capiterà magari di dare il proprio contributo al monitoraggio della presenza della lontra, animale ancora presente in questo territorio. Si potrà anche cavalcare e imparare ad accudire gli animali. Non riusciamo ad immaginare esperienza più divertente e rilassante per tutti i membri della famiglia!

Quota di partecipazione: per i bambini da 0 a 4 anni è gratis, per gli adulti da € 650 a € 690, per i ragazzi dai 5 ai 15 anni da € 325 a € 630 euro. Periodo: varie date da luglio a settembre. Dove: Liguria. Ditemi di più!

Che Paradiso! È il Parco nazionale del Piemonte

HDIstockphoto

Un viaggio nel Parco del Gran Paradiso, dove i vostri ragazzi dagli 11 ai 14 anni impareranno a riconoscere cervi, stambecchi, marmotte, volpi e camosci. E poi si parlerà del lupo, cercandone le tracce e spiegando ai ragazzi che le favole che gli hanno raccontato da bambini non gli hanno certo reso giustizia. E ancora moltissime escursioni muniti di binocolo, machine fotografiche e schede di riconoscimento.

Quota di partecipazione: € 620 euro. Periodo: da giugno a luglio varie date. Dove: Piemonte. Ditemi di più!

Trekking 100 laghi

campi-natura-ragazzi-laghi-campeggioHDIstockphoto

Siamo nel Parco regionale dei Cento Laghi e nel Parco Nazionale dell’Appennino Tosco-Emiliano e ancora una volta è WWF Travel a proporre questo campo estivo per ragazzi dai 14 ai 17 anni, il cui obiettivo è insegnare a muoversi in montagna, ma anche un po' nella vita. È un campeggio (dove i ragazzi gestiranno in autonomia i pasti) che si svolge lungo le bellissime rive dei laghi della zona. Si parlerà anche di astronomia, tutela ambientale e del paesaggio, delle leggende sui folletti dispettosi della zona e, insieme ai guardia parco, dei progetti per la conservazione della fauna a rischio, come il lupo e l'aquila reale.

Quota di partecipazione: € 520,00. Periodo: diversi appuntamenti a luglio ed agosto. Dove: Emilia Romagna. Ditemi di più!

Nomadi per gioco

HDIstockphoto

Case rotonde con tetto removibile per dormire sotto una coperta di stelle! Sono gli alloggi, ispirati agli yurta delle popolazioni nomadi della Mongolia, del Kazakistan e dell’Uzbekistan, nei quali soggiorneranno i vostri bimbi dai 7 agli 11 anni. Questo campo natura si basa sulle esplorazioni del bosco al crepuscolo, vicino ai torrenti dell'oasi WWF di Ghirardi, in Emilia. Si incontreranno daini, caprioli, volpi e tassi e si costruirà un hotel per insetti al centro visite della riserva. Insieme ai pastori che vivono nella riserva i bambini impareranno a condurre le pecore con l'aiuto dei cani pastore e a preparare i cavalli per il traino della legna.

Quota di partecipazione:€ 350. Periodo: sei diverse settimane nei mesi di giugno e luglio. Dove: Emilia Romagna. Ditemi di più!

Campo di volontariato per tutta la famiglia con Legambiente

HDIstockphoto

È dal 2002 che Legambiente organizza campi di volontariato per famiglie, durante i quali i bimbi (devono avere compiuto almeno 4 anni) accompagnati da nonni o zii, genitori in coppia, coppie di fatto, bambini con genitori separati possono svolgere insieme attività utili per l'ambiente. Soltanto quattro sono le ore dedicate alle attività di volontariato, mentre il resto del tempo è dedicato a gite e attività di ogni tipo.

Durante il campo volontariato che abbiamo scelto tutte le famiglie saranno impegnate attivamente nell'escursionismo...subacqueo. Proprio così, si chiama swimtrekking e consiste in un piccolo viaggio subacqueo muniti di muta, pinne, maschera e tutto il necessario è portato con sé in un piccolo scafo di vetroresina, detto barkino. Attenzione quindi, tutti devono sapere nuotare molto bene, bimbi compresi.

Le attività condotte in subacquea vanno dalla fotografia, allo studio della flora e della fauna, fino al riciclo artistico dei materiali di rifiuto trovati durante le escursioni marittime. Il luogo è Montevecchio, frazione del comune di Guspini, incluso nell’area protetta Piscinas-Monte Arcuentu e inserito in una fitta pineta non distante dal mare. Il volontariato consiste nel rimuovere i rifiuti dalla spiaggia e dal mare. I volontari, adeguatamente formati per l’osservazione delle meduse, avranno inoltre il compito di censire, catalogare e studiare i comportamenti delle meduse incontrate durante le attività di esplorazione.

Quota di partecipazione: € 450, ma i costi variano a seconda di chi svolge le attività (è quindi possibile non partecipare allo swimtrekking, ma accompagnare comunque i familiari). Periodo: dal 9 al 16 luglio. Dove: Sardegna. Ditemi di più!

Vivere e dormire in una vera casa sull'albero

HDIstockphoto

Non un vero e proprio campo natura, ma un campeggio in Alto Adige, a Sesto Pusteria, dove è possibile soggiornare in bellissime e reali case sull'albero! In questo splendido resort di montagna una grande squadra di animatori si prende cura dei piccoli organizzando escursioni e attività naturalistiche. C'è una casa dei bambini (dai 4 ai 12 anni) piena di giochi, una stanza dedicata agli adolescenti con calcio balilla, ping pong e air hockey e per tutti addirittura una spa, una palestra di arrampicata e un cinema! E le case sugli alberi non sono esattamente rifugi diroccati, quanto piuttosto gioiellini di design architettonico. Ditemi di più!

Cosa ne pensate dei campi natura per bambini e ragazzi? Avete mai portato i vostri figli a scoprire l'avventura della vita all'aria aperta?

Vota anche tu!

Quanto tempo passano nella natura i vostri figli?

Leggi di più tra 5

Annulla redirect

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.