Stai leggendo: Blue jeans: i modelli epici che hanno fatto la storia della moda

Letto: {{progress}}

Blue jeans: i modelli epici che hanno fatto la storia della moda

A vita alta come Marilyn Monroe che li ha resi famosi negli anni '50, oppure sdruciti come Madonna tipici degli Eighties. Ecco i modelli che arrivano dal passato e sono ancora di tendenza.

I jeans della storia, da Marilyn a Madonna Getty

1 condivisione 0 commenti

Intramontabile blue jeans. Il 20 maggio è il suo compleanno - 145 per la precisione -, e dopo mezzo secolo è ancora uno dei capi di abbigliamento di punta. Si indossa all'occorrenza per creare outfit diversi e rappresenta il massimo dello streetwear.

Levi Strauss ha creato il mitico numero XX - poi cambiato in 501 -, e da quel momento ne ha fatta di strada. Dalle origini operaie, infatti, è entrato di diritto nell'haute couture. Amato persino dalle star come Marilyn Monroe, Farrah Fawcett e Madonna che hanno reso iconici alcuni modelli come quelli a vita alta - con cintura stretta in vita -, a zampa di elefante e sdruciti segno di trasgressione tipica degli anni '80.

In commercio ci sono tante varianti, per esempio quelle rese particolari da glitter, paillettes e disegni. Non solo nelle tonalità classiche - blu chiaro e scuro -, ma di tanti colori come il rosa, bianco e lilla che sono le nuance di tendenza per l'estate. Ecco i modelli di jeans più epici che hanno fatto la storia.

Jeans a vita alta come Marilyn Monroe

La storia dei jeans ha origini antiche, li usavano i marinai genovesi come telo per le vele delle navi. È grazie a Levi Strauss, però, che oggi assumono l'attuale forma. Negli anni '50 è stato James Dean a compiere una vera rivoluzione: li ha indossati nel film Gioventù Bruciata del 1955 e così sono diventati il simbolo dei giovani che si ribellano alle convenzioni sociali. Nello stesso periodo, Marilyn Monroe ha consacrato il modello a vita alta.

A vita alta, i jeans come Marilyn MonroeStradivarius, Zara

L'attrice statunitense, infatti, li ha sfoggiati con cintura in vita e abbinati a un top di pizzo nel film La magnifica preda del 1954. Stanno bene a tutte perché ammorbidiscono le curve e rendono più slanciata la figura.

A zampa di elefante come nei Seventies

È il tipico modello degli anni '70. Definiti anche a campana, i jeans a zampa di elefante si distinguono per la vita bassa, stretti fino alle ginocchia e ampi sul fondo. Hanno avuto successo fra i giovani hippie, mentre le ragazze li indossavano con camicette e zeppe vertiginose proprio come Jane Birkin. I Seventies, però, sono anche gli anni di una star come Farrah Fawcett: la mitica Jill Munroe nel cult tv Charlie's Angels. L'attrice biondissima, infatti, ha contribuito al successo dei jeans a zampa di elefante.

A zampa d'elefante, i jeans come nei SeventiesAsos, Topshop

Secondo un'indagine condotta dall'outlet online Privalia, il modello a campana torna alla ribalta per la primavera estate 2018 perché sottolinea le curve nei punti strategici. Per la bella stagione si portano con crop top, oppure i corsetti come fanno le modelle Bella Hadid ed Emily Ratajkowski. In alternativa sono perfetti se abbinati alle bluse con la stampa floreale per un outfit boho-chic immergendosi così nel decennio della libertà e della trasgressione.

Jeans sdruciti come Madonna

Fra i modelli più amati dalle fashion blogger. Sono un vero must have nei coloratissimi e graffianti anni ‘80. Se da un lato il decennio vede la nascita di abiti perfetti per una donna in carriera - tailleur dalla linea dritta e dai volumi maxi con spalline -, dall’altro però star come Madonna hanno puntato tutto sulla trasgressione in particolare per il look.

Sdruciti, i jeans di moda degli anni '80 come MadonnaZara, H&M

Di ispirazione oltreoceano, i jeans strappati sono il massimo dello stile urbano e fanno subito pensare a qualcosa di vissuto. Dalle strade, però, arrivano persino sulle passerelle di tutto il mondo. Nello stesso periodo, infatti, li indossa la super modella Lauren Hutton. Fra le star dei Millennials che amano questo modello ci sono Rita Ora, Selena Gomez e Zendaya. Solo per citarne alcune.

Jeans capri

Dagli Eighties arrivano anche i jeans in stile capri, la loro particolarità sta tutta nella lunghezza che lascia scoperta la caviglia. Alcuni sono straight - ovvero dal taglio dritto -, altri invece sono molto aderenti come gli skinny.

Capri, i jeans di tendenza dagli anni '80Wrangler

Per un outfit marinière - e molto estivo - si portano con le t-shirt a righe bianche e blu e sneakers dello stesso colore. In alternativa con i top dalla stampa vichy, i sandali e tanti gioielli come le collane multi filo e gli orecchini a cerchio proprio come fa la cantante Dua Lipa. Così si ottiene subito un look da pin up.

Mom jeans anni '90

Se da un lato i jeans sdruciti e quelli capri sono un’invenzione da attribuire agli anni 80, i mom jeans invece fanno parte dei Nineties. È la classica versione che riporta le cinque tasche, ha la vita alta - in questo molto simile al modello indossato da Marilyn Monroe - e la gamba dritta. Si chiamano così perché ricordano quelli indossati dalle mamme negli anni ‘90.

A vita alta e linea regolare, i mom jeansH&M, Stradivarius

I classici - per eccellenza - sono i Levi’s numero 501, scelti addirittura dalla compianta Lady Diana. I mom si adattano a ogni tipo di stile: dal bon ton al rock e grunge. Da provare in estate con i crop top nelle tonalità accese. 

Jeans skinny come Kate Moss

Non sono mai davvero scomparsi dalla circolazione, anche se si pensava il contrario. La moda dei jeans skinny fa parte dei Duemila e sono il modello preferito da Kate Moss come quelli sbiaditi nella tonalità grigia. Fra le case di moda che hanno contribuito al loro successo ci sono Stella McCartney, Versace e Max Mara.

Skinny, i jeans per la P/E 2018Asos

Le tendenze si susseguono una dopo l’altra e capita spesso che ci siano dei ritorni. I jeans skinny ne sono un esempio e adesso sono fra i modelli più glam presenti nell’armadio. 

Vota anche tu!

E voi quale modello preferite dei mitici jeans?

Leggi di più tra 5

Annulla redirect

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.