Stai leggendo: Jane Fonda non ha paura di mostrare la vita sessuale delle donne ageé

Letto: {{progress}}

Jane Fonda non ha paura di mostrare la vita sessuale delle donne ageé

Secondo Jane Fonda il ritratto delle donne in là con gli anni è sempre molto limitativo: in TV e al cinema la splendida 80enne vuole mostrare tutta la complessità delle donne negli anni d'argento.

L'attrice Jane Fonda sul red carpet di Cannes Getty

2 condivisioni 0 commenti

Jane Fonda è una delle donne formidabili del cinema: non solo perché lo scorso dicembre ha spento 80 candeline eppure sfoggia sempre un fisico da ragazzina, ma soprattutto per essere una grande sostenitrice delle donne, che ama ritrarre in ruoli provocatori. Femminista e contraria alla guerra da sempre, la star di Grace e Frankie tornerà sul grande schermo in una commedia al femminile sulle donne agée che si intitola Book Club.

Il film in cui recitano anche Candice Bergen, Diane Keaton e Mary Steenburgen, parla di un gruppo di donne intorno ai 70 anni di età che hanno creato un club del libro, e una di loro (Fonda) propone di leggere Cinquanta sfumature di grigio, spingendo così le amiche a riscoprire la propria sessualità (ma anche l’amore). Fonda interpreta il ruolo di una donna (vivian) volitiva e senza mezze misure, che sa quello che vuole, cambia amanti in continuazione… insomma, un ruolo che in genere è appannaggio degli uomini. In una recente intervista, infatti, quando le è stato chiesto cosa l’avesse aiutata a creare ed interpretare il personaggio, Jane Fonda ha detto:

Ho semplicemente fatto finta di essere un uomo.

Ma poi ha spiegato anche che questo accostamento ad atteggiamenti tipicamente maschili presente nel copione è stato mitigato da una backstory che lei stessa ha voluto immaginare per Vivian, “una storia che mi facesse capire perché è come la vediamo, in modo che nella mia mente avesse tutto un senso. Non avrebbe funzionato se anche tutte le altre donne del film fossero state così”, cioè una versione al femminile di tratti comunemente associati agli uomini.

Man mano che il film prosegue, scopriamo che le quattro amiche si sono incontrate per decenni grazie al club del libro, nel quale hanno letto libri tanti quanto hanno bevuto calici di vino e parlato delle loro vite. Diane (Keaton) piange la morte del marito dopo un matrimonio lunghissimo mentre i figli la spingono ad andare in pensione; Carol (Steenburgen) vuole dare una scossa al matrimonio in cui il marito è davvero poco collaborativo; Sharon (Bergen) è paralizzata dall’insicurezza perché l’ex-marito si è fidanzato con una specie di Barbie più giovane di lei; e Vivian è il vulcano: miliardaria proprietaria di un hotel che non ha bisogno di niente e non vuole niente, finché non ricompare una vecchia fiamma, interpretata da Don Johnson, che tra l’altro è il padre della Dakota protagonista della trilogia di Cinquanta sfumature (immaginate i momenti meta che ci saranno). Quando le donne iniziano a leggere il bestseller erotico, il libro risveglia istinti sopiti e porta scintille nella loro vita.

Il film quindi parla in maniera franca della sessualità nei cosiddetti anni d’argento della vita, una tematica che la Fonda affronta già insieme alla straordinaria Lily Tomlin nel divertentissimo (e molto acuto) Grace e Frankie, la serie Netflix giunta alla sua quarta stagione.  “È per questo che noi quattro volevamo fare questo film così tanto! È proprio come la mia serie Grace and Frankie.Vogliamo mostrare le donne agée in tutta la loro complessità. Abbiamo bisogno di questo tipo di ‘inquadrature ravvicinate’. Ci sono persone che hanno bisogno di una piccola spinta per tornare in sella, ed altre che non ne sono mai scese”.

Sleepover with the besties! #GraceAndFrankie and a Pig

A post shared by Jane Fonda (@janefonda) on

Jane Fonda si augura che film come questo possano aiutare a cambiare la concezione stereotipata che si ha della vita dopo una certa età: “I figli non pensano ai loro genitori come dotati di sessualità, ma credo che tra Grace e Frankie e - me lo auguro - Book Club possano cambiare idea. E le donne di una certa età sono sempre più rianimate grazie ad esperienze culturali come queste”.

Il film ricorda anche l’importanza dell’amicizia tra donne. Quando invecchi, soprattutto, le amicizie femminili diventano ciò che sostiene, ti fa andare avanti.

Infine, in una azzeccatissima trovata pubblcitaria, sull’account Instagram di Jane Fonda è apparso un video in cui lei e le tre co-star del film lanciano un messaggio a Ryan Reynolds ed il suo Deadpool 2, visto che entrambi i film escono nello stesso weekend in America:

Ok Ryan, sappiamo che sei super-hot, ma non sei l’unico che può infilarsi in un vestitino rosso attillato.

E proseguono: “Ti facciamo vedere il nostro se ci fai vedere il tuo. Se sei in grado di gestirlo”. Al che Diane Keaton interviene: “Stiamo parlando del film!” e tutte concordano a voce, ma Jane Fonda fa capire a gesti che non è assolutamente così.

Curiosi di vedere Book Club?

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.