Stai leggendo: Allison Mack: come ha fatto da Smallville a diventare la semi-leader di una setta sessuale?

Letto: {{progress}}

Allison Mack: come ha fatto da Smallville a diventare la semi-leader di una setta sessuale?

Cosa ha portato Allison Mack, attrice di Smallville, ad essere il braccio destro di Keith Raniere e la sua setta che schiavizza le donne? Affrontiamo insieme il macabro percorso.

Allison Mack in un'immagine da Smallville The CW

39 condivisioni 0 commenti

Allison Mack ha interpretato Chloe Sullivan per dieci stagioni in Smallville, la serie TV con Tom Welling che ha visto la crescita di Clark Kent dall'adolescenza al mantello di Superman.

Chloe era un'amica fedele, una brava persona e in generale un personaggio positivo. L'attrice che la interpretava, a quanto pare, è esattamente l'opposto. 

Ma come è successo? Qual è stato il percorso che ha portato Allison Mack da Smallville ad una setta accusata di traffico di schiave sessuali?

Secondo le fonti, sarebbe stata Kristin Kreuk, la Lana di Smallville, ad introdurre la Mack alla setta NXIVM. Allison è entrata nell'organizzazione proprio mentre girava Smallville in Canada. La Kreuk nega qualsiasi legame con la setta: l'attrice ha rivelato di aver lasciato sei anni fa e di non aver mai assistito ad attività illegali. Kristin aveva intrapreso il percorso di NXIVM, credendo che fosse un gruppo che offriva corsi per la crescita personale.

Allison, anche durante il periodo di Smallville, sentiva il bisogno di portare un cambiamento nel mondo ed era sicura di poterlo fare tramite questa organizzazione.

Keith Raniere, il capo dell'organizzazione, è la mente diabolica dietro le violenze fisiche e psicologiche imposte alle adepte. Molte donne hanno infatti testimoniato contro l'uomo e la Mack, rivelando che l'organizzazione NXIVM non è un'associazione che ha lo scopo di aiutare i suoi seguaci nella crescita personale, ma è una copertura per il reclutamento di schiave sessuali e attività losche. 

Allison Mack insieme ai suoi avvocatiHDGetty Images
Allison Mack insieme ai suoi legali

Le vittime hanno rivelato che Allison Mack è il braccio destro di Raniere. L'attrice avrebbe aiutato a reclutare schiave sessuali e sarebbe stata presente durante le violenze fisiche imposte alle donne. Le ex adepte sono state marchiate, mentre la Mack diceva loro di sentire il dolore e pensare al loro padrone Keith Rainiere.

Secondo le fonti, la Mack avrebbe provato a reclutare anche gli altri membri del cast di Smallville. Non ci sorprende, considerando che Allison ha più volte provato a parlare dell'organizzazione ad Emma Watson, a testimonianza di ciò ci sono numerosi tweet. Insomma, sia Raniere che la Mack volevano coinvolgere più celebrità.

L'articolo riportato su Variety svela inoltre altri dettagli: secondo la setta, le donne devono essere monogame, mentre gli uomini sono di natura poligami, le adepte dovevano seguire una dieta, perché il padrone adora le donne magre e dovevano smetterla di depilarsi. Le povere vittime venivano anche ricattate: Raniere e la Mack si assicuravano di avere qualcosa con cui costringerle a restare, si parla di foto di nudo e dettagli sulle loro vite private.

Allison è stata arrestata e rilasciata su una cauzione di 5 milioni di dollari, che i genitori hanno pagato. L'attrice è ora agli arresti domiciliari: le è stato vietato di usare il cellulare, di utlizzare internet e di comunicare con gli altri membri della setta. 

La Mack è stata spinta ad entrare nell'organizzazione dalla sua voglia di cambiare il mondo, di lasciare un'impronta. Sembra esserci riuscita, nel peggior modo possibile.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.