Stai leggendo: Gigi Hadid esprime la sua opinione su ciò che sta accadendo a Gaza

Letto: {{progress}}

Gigi Hadid esprime la sua opinione su ciò che sta accadendo a Gaza

Gigi Hadid ha manifestato su Twitter il suo disappunto a proposito dei sanguinosi fatti che stanno sconvolgendo la popolazione della striscia di Gaza. Non è la prima volta che la top model di origine palestinese si esprime apertamente su tali questioni.

La top model Gigi Hadid getty images

3 condivisioni 0 commenti

Gigi Hadid non si tira mai indietro quando si tratta di dire la propria opinione sulla questione israelo-palestinese. La top model, da sempre fiera delle sue origini, ha più volte esternato tutta la sua solidarietà alla popolazione palestinese, ed anche la sorella Bella Hadid ha spesso manifestato il suo pensiero senza mezzi termini

Il trattamento riservato alla popolazione palestinese è ingiusto, unilaterale e non dovrebbe essere tollerato. Io sto con la Palestina.

Aveva scritto Bella in un accorato post su Instagram, all'indomani della decisione del Presidente degli Stati Uniti Donald Trump di spostare l'ambasciata americana da Tel Aviv a Gerusalemme.

Insomma, le sorelle Hadid non condividono solo le passerelle, ma anche l'orgoglio e l'amore per le proprie origini, tramandati dal papà Mohamed Hadid.

Hadid’s @gigihadid #hadid #hadidsisters

A post shared by Mohamedhadid (@mohamedhadid) on

In queste ultime ore, all'indomani dell'inaugurazione dell'Ambasciata Usa a Gerusalemme, ci sono state delle proteste a Gaza. Circa 15mila palestinesi si sono avvicinati al confine lanciando pietre verso i soldati israeliani, che hanno risposto con il fuoco. Ad oggi si contano tra i palestinesi più di 60 morti e oltre 2.400 feriti, tra cui molti ragazzini e persino un bambina di 8 mesi, deceduta - secondo il ministero della sanità della Striscia di Gaza - dopo aver inalato i gas dei lacrimogeni. Mentre i leader internazionali esprimono opinioni contrastanti, Gigi Hadid ha detto la sua molto chiaramente.

L'ho già detto in passato e continuerò a farlo. Per me, non si tratta di religione. Ma di avidità.

Ha twittato la modella, con gli hashtag  #FreePalestine #freegaza #coexist. Gigi Hadid ha inoltre condiviso un articolo riguardo alla giornata di ieri, durante la quale la popolazione palestinese ha avuto il più alto bilancio di vittime in un solo giorno dalla Guerra di Gaza del 2014.

Gigi Hadid ha infine voluto ricordare l'esodo palestinese del 1948, la cui ricorrenza è appunto il 15 maggio, nel corso del quale moltissimi palestinesi vennero costretti a lasciare il proprio paese senza potervi più fare ritorno. Le parole della modella hanno, come al solito, suscitato una serie di reazioni accese. Si tratta d'altronde di questioni complesse e drammatiche, la cui risoluzione appare sempre lontana.

Ma non per questo Gigi e Bella Hadid hanno intenzione di rimanere in silenzio. La loro metà palestinese è, e sarà sempre, motivo di orgoglio per le sorelle più glamour del fashion system.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.