Stai leggendo: Cinque amatissime boy band di cui forse vi eravate dimenticati

Letto: {{progress}}

Cinque amatissime boy band di cui forse vi eravate dimenticati

Il fenomeno delle boy band ha contraddistinto la musica pop a cavallo tra il vecchio e il nuovo millennio. Oltre ai Backstreeet Boys, ai Take That o agli NSync, ecco 5 gruppi che abbiamo amato alla follia e di cui forse ci eravamo scordati.

I Westlife getty images

3 condivisioni 0 commenti

È inutile nascondersi: chiunque abbia vissuto la propria infanzia o adolescenza tra la fine degli anni '90 e l'inizio del nuovo millennio, avrà avuto una boy band del cuore. Persino le più rockettare, quelle che vestivano con le camice di flanella a quadri e i jeans strappati e trascorrevano i pomeriggi ad ascoltare i Nirvana, i Pearl Jam o gli Smashing Pumpkins, si saranno ritrovate, senza neanche accorgersene, a canticchiare qualche motivetto dei Backstreet Boys, o magari dei Take That.

E in questo calderone ci mettiamo anche tutte le mamme che hanno cresciuto i loro ragazzi proprio in quel periodo, e che si saranno sorbite decine di buchi sui muri delle loro stanze a causa dei poster che le figlie staccavano e riattaccavano ogni settimana. E a cui tutto sommato, quelle faccette da bravi ragazzi che campeggiavano nelle loro case, non dispiacevano affatto.

Oggi però non vogliamo ricordare i soliti noti. Oggi non parleremo né di Robbie Williams, né di Justin Timberlake, né di Nick Carter.

Oggi vogliamo celebrare tutte quelle boy band che hanno sparato qualche pezzo da ’90, qualche hit che ha risuonato in tutte le radio, di quelle che appena ne risentiamo una nota ci viene subito il magone, ma che subito dopo abbiamo perso un po’ di vista. Per poi dimenticarcene del tutto verso la fine del primo decennio del nuovo millennio. 

Siete pronti per questo nuovo viaggio nel passato?.

Gli East 17

Nati nel Regno Unito nei primissimi anni '90, gli East 17 sono sempre stati considerati i rivali per antonomasia dei Take That, di cui però non sono riusciti ad eguagliare il successo, sciogliendosi addirittura nel 1995.

Il loro frontman Brian Harvey, è salito tristemente alla ribalta per alcuni problemi di droga, ma soprattutto a causa una brutta forma di depressione che lo ha indotto a tentare il suicidio più di una volta. Dopo aver partecipato ad un reality inglese nel quale si è distinto per i suoi frequenti attacchi di rabbia, nel 2006 ha rimesso in piedi gli East 17, con i quali ha pubblicato altri due album.

Noi oggi vogliamo ricordarli con i loro outfit over size che li rendevano decisamente meno impeccabili rispetto ai rivali Take That e con le loro melodie orecchiabili e così perfettamente nineties. Ascoltare per credere!

Gli Ultra

Ecco, loro sono stati davvero una meteora. Una piacevole stella che ha attraversato i cieli del 1998 con una hit che in Italia ha ottenuto un successo pazzesco, raggiungendo la prima posizione delle classifiche.

Gli Ultra non hanno mai voluto definirsi una boy band, ma una band a tutti gli effetti: tutti i membri del gruppo, conosciutisi durante gli anni del liceo, suonavano infatti uno strumento. Ma il loro aspetto da bravi ragazzi e il caschetto a fungo con la ricrescita nera del cantante, li hanno inesorabilmente annoverati in questa categoria.

Di loro abbiamo adorato lo stile più sobrio rispetto a quella dei loro colleghi e il bellissimo video di Say It Once, girato su una splendida barca a vela. Ve lo ricordate?

I 5ive

Arriviamo ora agli inglesissimi 5ive, boy band formatasi nella seconda metà degli anni '90, precisamente nel '97, per mano di Bob Herbert, colui che mise in piedi nientemeno che le Spice Girls

Grazie ad hit come Everybody Get Up, Keep on Movin' o Got The Feelin', i Five hanno ottenuto un successo planetario, vendendo in pochi anni oltre 20 milioni di dischi. Come per molte altre boy band, anche il loro percorso è durato pochissimo e all'alba del nuovo millennio non erano già più un gruppo. 

C'è da dire che erano tutti e 5 veramente carini, forse anche di più rispetto alle boy band rivali...

I Westlife

Ed ecco uno dei tanti successi targati Simon Cowell. Gli irlandesi Westlife sono infatti una boy band ideata dal creatore e temutissimo giudice di X Factor che, in anni più recenti, ha dato i natali agli One Direction.

I Westlife sono diventati famosi in Italia grazie soprattutto grazie al brano Uptown Girl, una cover di un pezzo di Billy Joel, nel cui video compare anche l'iconica top model Claudia Schiffer.

Prototipo perfetto della boy band per antonomasia, con le facce da bravi ragazzi, i caschetti a fungo e le meches bionde, vantano in realtà un lungo periodo di collaborazione, durante il quale sono passati da un teen pop, ad un pop più raffinato, riscuotendo un'immensa popolarità soprattutto nel loro paese di origine, patria natia di un'altra boy band di eccezione, i Boyzone. Oggi vogliamo ricordarli con questo trascinante video nel quale servivano cinque bellimbusti col frac, per poi scapparsene via con la Schiffer.

I Ragazzi Italiani

A questo punto, ogni parola potrebbe essere superflua. Forse ve li eravate dimenticati, o forse da qualche parte, ancora conservate i poster e le figurine di Attilio, Manolo o Pino che uscivano con Cioè.

I Ragazzi Italiani sono stati una boy band nostrana che, per circa un decennio ha attraversato il panorama musicale italiano, collezionando anche una partecipazione al Festival di Sanremo con il brano Vero Amore. Non mentite, lo sappiamo che in questo momento vi stanno uscendo queste parole dalla bocca: se questo fosse vero amore, vero amore!

Ma noi oggi non vogliamo condividere questa loro storica hit, ma un altro pezzo con cui si sono esibiti al Festivabar del 1996. E già su questa frase, potrebbero cominciare a bruciarvi gli occhi di nostalgia e quindi vi lasciamo così, con questo video. E diteci una cosa, la riconoscete la bellissima brasiliana che affianca una giovanissima Alessia Marcuzzi nella conduzione? Vi diamo un indizio... This is the rhythm of the night..

Insomma, ve le eravate davvero dimenticate queste 5 boy band? I muri delle camerette dove siete cresciuti conservano ancora i segni dei loro poster? Fateci sapere quale grado di nostalgia vi abbiamo fatto raggiungere e quali boy band vi sono rimaste nel cuore!

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.