Stai leggendo: Verginità: perché i giovani aspettano sempre di più per la prima volta

Letto: {{progress}}

Verginità: perché i giovani aspettano sempre di più per la prima volta

Secondo una ricerca inglese, i giovani aspettano fino ai 26 anni per la prima volta a causa dell'ipersessualità che li circonda e alla pressione dei social.

Giovani e verginità Getty Images

1 condivisione 0 commenti

I millennial invertono le tendenze in materia di sesso e decidono di non perdere la verginità durante l’adolescenza. A sostenerlo è una ricerca iniziata nel 2004 e condotta da The Next Steps, in collaborazione con il Dipartimento per l’Educazione dell’University College di Londra.

I ricercatori hanno monitorato circa 16mila ragazzi nati tra il 1989 e il 1990. I protagonisti dello studio sono stati seguiti da quando avevano all’incirca 14 anni e l’analisi ha rivelato che i tempi di attesa per il primo rapporto sono molto più lunghi rispetto al passato. I risultati parlano di 1 ragazzo su 8 ancora vergine a 26 anni, mentre fino a 10 anni fa il rapporto era di 1 su ogni 20.

Secondo il professore Steve McKay della Lincoln University, la media reale potrebbe essere persino più alta. Se si considerano tutti i ragazzi che hanno rifiutato di rispondere alla domanda sulla verginità, si passerebbe da una media di 1 su 8 vergine a 26 anni a una media di 1 su 6 vergine a 26 anni.

Le cause dell’attesa

Quale potrebbe essere il motivo di questa inversione di tendenza? Secondo la psicologa Susanna Abse (Balint Consultancy), l’attesa è il frutto della cultura dell’ipersessualità in cui sono immersi i ragazzi:

I millenial sono cresciuti in una cultura dell’ipersessualità che ha alimentato la loro paura dell’intimità.

I millennial si imbattono di continuo in immagini femminili perfette e in immagini maschili vincenti. Secondo la psicologa, si tratta di una rappresentazione scoraggiante perché innesca la paura del fallimento. A cui si aggiunge la pressione creata dai social. Se non si rientra nel gruppo delle belle ragazze o dei ragazzi dalla conquista facile, il rischio è esporsi ai commenti poco piacevoli su Facebook.

La ricerca ha evidenziato anche una diminuzione della frequenza dei rapporti. La media mensile corrisponde a 4,9 per gli uomini e a 4,8 per le donne. Dieci anni fa, invece, la media mensile corrispondeva a 6,2 e 6,3.

Tinder, applicazione dating onlineHDTinder
Tinder, app di dating online

La verità è che spesso i rapporti reali vengono sostituiti da quelli virtuali tramite il dating online, senza che i protagonisti decidano necessariamente di incontrarsi faccia a faccia. Questo significa che i millennial rimangono single più a lungo e che la ricerca del partner diventa decisamente più complicata.

Tu cosa ne pensi? Sei d’accordo con l’analisi della psicologa o ti sei fatta un’altra idea?

Commenta

Leggi anche

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.