Stai leggendo: Pauley Perrette di NCIS: 'Abby ha ispirato milioni di ragazze'

Letto: {{progress}}

Pauley Perrette di NCIS: 'Abby ha ispirato milioni di ragazze'

È andato in onda martedì scorso negli Stati Uniti l’episodio di NCIS che ha segnato l’addio di Abby, il personaggio interpretato da Pauley Perrette, alla serie.

Pauley Perrette in NCIS CBS

1 condivisione 0 commenti

Martedì scorso, 8 maggio, è andato in onda oltreoceano lo struggente episodio di NCIS in cui l’attrice Pauley Perrette, interprete della specialista forense Abby Sciuto, ha lasciato la serie dopo 15 anni.

Attenzione! Possibili spoiler!

A differenza di quello che in molti temevano, Abby non è morta in seguito alla rapina di cui è stata vittima insieme a Clayton Reeves (Duane Henry) ma, uscita dal coma, ha semplicemente deciso di allontanarsi dall’NCIS per portare a termine le aspirazioni filantropiche di Clay, morto nel tentativo di salvarla:

Clay è morto per salvarmi la vita e sono in debito con lui. Clay ha sempre voluto fondare un'associazione benefica in onore di sua madre e dato che non è qui per farlo, lo farò io. Non solo per lui ma per me.

Pauley Perrette ha deciso di abbandonare il labboratorio di NCIS “per motivi personali” dopo oltre 350 episodi e, come lei stessa ha ammesso in un’intervista a USA Today, nella puntata del suo addio ha tentato di dare tutto ciò che emotivamente poteva donare “nel rispetto dei fan e dell’eredità di Abby”.

"Abby è più di un personaggio televisivo per milioni di persone in tutto il mondo, e specialmente per le giovani donne” ha asserito l’attrice “lei è un vero e proprio modello per tutte le ragazze che si vestono come lei, camminano come lei, parlano come lei e proprio grazie a lei hanno perseguito carriere matematiche e scientifiche".

Abby, infatti, si è distinta come personaggio televisivo sin dall’inizio per il suo stile gotico e le stranezze che l'hanno caratterizzata negli anni poiché è stata introdotta nella serie dal creatore di NCIS, Donald Bellisario, proprio per sfidare le convenzioni. "Don ha voluto puntare sul personaggio di Abby perché era stanco che ragazzi alternativi e anticonvenzionali venissero ritratti dai media come drogati, ladri e criminali: voleva dimostrare che possono essere persone responsabili e capaci. Credo che la sua intuizione abbia funzionato davvero”.

Credo che, dopo tutti questi anni, gli adulti possano guardare un giovane tatuato e invece di pensare che sia un delinquente immaginare che possa essere uno scienziato.

Che ne pensate dell'addio di Pauley Perrette a NCIS e delle parole dell'attrice? Anche secondo voi il personaggio di Abby è stato un model role?

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.