Stai leggendo: Backstreet Boys: i 5 videoclip più amati della boyband per eccellenza

Letto: {{progress}}

Backstreet Boys: i 5 videoclip più amati della boyband per eccellenza

Sono stati tra i capostipiti delle boyband. Con il loro sound e uno stile inconfondibile, hanno rivoluzionato la musica pop degli anni '90, traghettandola nel nuovo millennio. Sono i Backstreet Boys e oggi andiamo a riascoltare 5 loro indimenticabili hit.

82 condivisioni 0 commenti

Ci sono notizie che improvvisamente ci sbattono davanti un'amara verità. Ossia che il tempo scorre davvero troppo, troppo velocemente. Succede per esempio che una mattina ci si sveglia e scrollando la home page di Facebook si realizza che Pacey, Dawson e soprattutto Jack, sono diventati degli eleganti signori, che Joey di Friends, aka Matt LeBlanc, è un affascinante uomo dai capelli completamente bianchi e che le Spice Girls sono delle splendide mamme con dei figli ormai quasi maggiorenni. 

Oppure può capitare di scoprire che i Backstreet Boys, la boyband per antonomasia, che ha segnato la colonna sonora delle estati della nostra gioventù, ha compiuto 25 anni di attività. Sì, avete capito bene. 25 anni di attività.

Ma dato che lo scorrere del tempo è un elemento ineluttabile su cui non possiamo fare proprio niente, oggi abbiamo deciso di cavalcare l'ondata di nostalgia che questa notizia ci ha scaraventato addosso, andando a rivedere i 5 videoclip dei Backstreet Boys che più abbiamo amato e che abbiamo divorato quando MTV era il canale più cool di tutti.

Siete pronti? Preparate i fazzoletti.

1) Get Down (You're the One For Me) 

Pantaloni larghi con il cavallo praticamente alle caviglie, giubbottoni colorati over-size e l'incofondibile caschetto biondo platino con le radici scure di Nick Carter. Ecco come si presentavano nel 1996 i Backstreet Boys nel loro album di esordio, dall'omonimo titolo.

Get Down è il secondo singolo estratto dal disco, nel quale potete trovare Nick Carter, Howie D, Brian Littrell, AJ McLean e Kevin Richardson ballare su una strobosfera, sfoggiando tutte quelle mosse che avrebbero fatto scuola tra le boyband successive.

Il ritmo travolgente, la parte rap e una strizzatina d'occhio alle tecnologie del futuro: insomma tutti gli elementi che caratterizzano una boyband che si rispetti sono presenti e sono perfettamente calibrati. Vedere per credere.

2) Quit Playing Games (With My Heart)

Stesso album di prima, quarto singolo. Di cui esiste anche una versione italiana intitolata Non puoi lasciarmi così. Ve la ricordate vero?

Quit Playing Games (With My Heart) segna l'arrivo dei primi riconoscimenti statunitensi per i Backstreet Boys. Che fino a quel momento avevano spopolato soprattutto in Europa.

In questo videoclip, fanno capolino due ulteriori elementi peculiari delle boyband: il primo piano con sguardo languido e ammiccante e l'ancheggiamento sotto una pioggia battente, con tanto di camicia bianca rigorosamente sbottonata e catenozzo d'oro.

3) Everybody (Backstreet's Back) 

Siamo nel 1997 e al grido di Backstreet's Back alright, la band è pronta a tornare sulle scene e a conquistare il mondo. Everybody è il primo singolo estratto dal loro secondo album ed è indubbiamente uno dei pezzi di maggior successo di sempre dei Backstreet Boys.

Complice di questo trionfo, è lo straordinario videoclip horror girato da Joseph Kahn, all'interno del quale i 5 ragazzi si ritrovano a dover passare la notte in un vecchio castello dove succedono cose piuttosto strane. Ed ecco che Brian viene trasformato in un lupo mannaro, Howie in Dracula, Nick in una mummia, AJ diventa il fantasma dell'opera e Kevin si trasfomra nel Dr. Jekyll & Mr Hyde.

Tra corridoi fatiscenti, ragnatele, topi, vampiresse sexy ed effetti speciali che ad oggi forse ci faranno un po' sorridere con una punta di malinconia, i 5 mostri mettono in piedi una coreografia sulla trascinante melodia del brano. Alla fine, Brian si risveglia di soprassalto nel suo letto. Per fortuna è stato solo un brutto sogno, che i ragazzi si raccontano la mattina nella sala da ballo. Ma all'uscita del castello, li attende una sorpresa...

4) As Long as You Love Me 

E qui, se dovessimo avere uno strumento che misura il grado di nostalgia, saremmo allo stesso livello di Everybody. O forse anche più in alto.

As Long as You Love Me è il secondo singolo del medesimo album ed è il loro pezzo più venduto negli Stati Uniti. Dite la verità, quante volte lo avrete visto passare in rotazione su MTV? I più audaci magari lo avranno anche richiesto durante qualche trasmissione, prosciugando il credito dei cellulari dei propri genitori.

Il videoclip è un altro piccolo gioiello del periodo. I 5 ragazzi di Orlando sono ad un provino, dove un gruppo di bellissime coetanee in carriera indica loro cosa fare e quale personaggio interpretare. Ad un tratto i ruoli si ribaltano e le ragazze si trovano ad essere provinate dai Backstreet Boys con abiti molto più adatti alla loro età che, rivisti oggi, riassumono perfettamente la moda degli anni '90: abitini batik, pantaloni adidas, crop top, codini e via dicendo. Attenzione perché qui troviamo un altro grande classico delle boyband e della musica pop del periodo: la coreografia sulla sedia.

5) I Want It That Way

Cambiamo periodo e arriviamo al terzo album in studio della band: Millennium. Come suggerisce il nome, siamo alla fine dell'ultimo decennio del secolo e i Backstreet Boys stanno per tuffarsi nel nuovo millennio con il loro primo estratto, I Want It That Way, una delle maggiori hit del 1999.

La rivista musicale Billboard lo ha definito il più grande singolo di una boyband di sempre e il brano ha infatti ottenuto un successo strepitoso nelle classifiche di mezzo mondo.

Il video clip è diventato talmente iconico, da portarsi dietro una serie di divertenti parodie. Una tra tutte, quella dei Blink 182 nel video All the Small Things. In effetti il video dei Backstreet Boys racchiude davvero tutti i loro tratti più distintivi: i balletti, gli ammiccamenti alla videocamera, le fan in lacrime e gli outfit tamarri. E, ovviamente, il caschetto a fungo di Nick, del quale la pop star si è riusciuta a liberare solamente negli anni più recenti.

Che dire, con questa carrellata di videoclip speriamo di avevi fatto piacevolmente viaggiare indietro nel tempo, magari tra le estati o gli anni scolastici della vostra infanzia o della vostra adolescenza. E dato che vogliamo spremervi fino all'ultima lacrima di nostalgia, vi lasciamo con la parodia dei Blink 182. All'interno del cui video, trovate una serie di omaggi ad altre pop star del periodo? Fateci sapere se li riconoscete!

Commenta

Leggi anche

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.