Stai leggendo: Shannon Purser di Stranger Things: 'sono stata affetta da disturbi ossessivo compulsivi’

Letto: {{progress}}

Shannon Purser di Stranger Things: 'sono stata affetta da disturbi ossessivo compulsivi’

Shannon Purser, attrice di Stranger Things e Riverdale, ha parlato della sua lotta per sconfiggere la depressione e il disturbo ossessivo compulsivo da cui è affetta.

L'attrice Shannon Purser Getty Images

1 condivisione 0 commenti

Shannon Purser, interprete di Barb in Stranger Things e volto di Ethel Muggs in Riverdale, ha scritto un articolo per TeenVogue in cui ha parlato a cuore aperto della depressione e del disturbo ossessivo compulsivo (DOC) da cui è affetta.

L’attrice, ora ventenne, in particolare ha sottolineato quanto sia stato difficile convivere con queste patologie che l’hanno fatta sentire per anni “diversa”, soprattutto al liceo dove non era affatto semplice sorridere nonostante i suoi problemi, tanto da essere arrivata a pensare al suicidio come unica via d’uscita.

Fortunatamente Shannon ha capito prima di compiere qualche folle gesto che era il caso di chiedere aiuto alla sua famiglia. “Siamo stati abbastanza fortunati da trovare un terapeuta meraviglioso che vedo ancora oggi" ha scritto l’attrice "e che mi ha guarito con una combinazione di sedute e farmaci".

I miei problemi non sono andati via ma sono diventati molto più facili da affrontare.

Il disturbo ossessivo compulsivo per Shannon è stata una vera e propria spada di Damocle in quanto si nutriva principalmente dei sensi di colpa derivanti dall’educazione estremamente religiosa con cui è stata cresciuta. “Avere un uno sfuggente pensiero sessuale o violento può essere una cosa perfettamente normale per il cervello e molte persone sono in grado di spazzarli via tranquillamente e andare avanti come se nulla fosse” ha affermato la Purser “mentre io pensavo di essere sporca, di meritare la morte”.

Shannon PurserHDGetty Images

Inoltre l'attrice nel suo lungo articolo ha anche sottolineato quanto il disturbo ossessivo compulsivo, che in psicanalisi è visto come un disturbo psichiatrico a tutti gli effetti, molto spesso venga sottovalutato o percepito da molti come qualcosa su cui scherzare, come una sorta di ghiribizzo.

Reduce dal suo tortuoso percorso verso la stabilità, ora la Purser ha un unico rimpianto: quello di non aver parlato prima dei suoi problemi. Oggi la giovane star è in grado di affrontare i "demoni della mente" ogni qual volta provano ad alzare la testa in quanto, come lei stessa ha ammesso:

Nonostante tutte le mie lotte, passate e presenti, sono viva e voglio continuare ad esserlo.

Che ne pensate del toccante sfogo di Shannon?

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.