Stai leggendo: Le mete più belle e sottovalutate d'Europa

Letto: {{progress}}

Le mete più belle e sottovalutate d'Europa

L'Europa nasconde numerose e spettacolari destinazioni, spesso ingiustamente sottovalutate dal turismo di massa. Dall'Irlanda alla Slovenia, dalla Francia alla Grecia, andiamo a conoscere alcune delle città più belle e trascurate del "Vecchio Continente".

Spettacolare baia a Galway immersa nel blu Elisabetta Di Minico

18 condivisioni 0 commenti

Oggi non parleremo di Barcellona, Londra, Cracovia, Lisbona, Santorini, Parigi o Berlino. Oggi faremo un viaggio attraverso alcune bellissime città e nazioni europee che, pur essendo molto affascinati, non sono mete predilette dal turismo mainstream. Ecco a voi un elenco di destinazioni "sottovalutate" ma imperdibili!

Innsbruck, Austria

Innsbruck, la capitale del Tirolo, è una delle destinazioni austriache più piacevoli e affascinanti ed è perfetta sia per chi ama le vacanze in città, sia per chi vuole praticare sport invernali, fare escursioni in montagna o rilassarsi in mezzo alla natura. La sua storia è legata a quella della famiglia reale più potente e longeva d’Europa: gli Asburgo. Massimiliano I (1459-1519), infatti, amò molto Innsbruck, ne fece il cuore pulsante del suo impero e promosse numerose opere edilizie per mostrare la grandeur del suo comando attraverso l’architettura. A lui si deve, ad esempio, il Tettuccio d’Oro, luminosa e preziosa loggia ricoperta da 2657 tegole in rame dorato, ormai divenuta simbolo della città.

Turisti osservano il Tettuccio d'Oro, nel cuore di InnsbruckHDiStock

La Chiesa di Corte, costruita in suo onore a metà del XVI secolo per volere del nipote Ferdinando I, ospita, invece, un imponente sepolcro, vegliato da 28 possenti statue di colore nero, raffiguranti familiari e antenati (anche leggendari) di Massimiliano I. La storia di tale sepolcro è molto singolare: esso fu parzialmente progettato dallo stesso imperatore, le cui spoglie, però, riposano effettivamente nel castello Wiener Neustadt, e venne realizzato sono decenni dopo la dipartita del sovrano.

Tra le altre attrazioni, ci sono la Torre Civica (eretta intorno al 1450), dalla cui sommità, per oltre 400 anni, attente sentinelle hanno vigilato su Innsbruck; la Maria-Theresien-Strasse, la via più frequentata e artisticamente rilevante della città, con alcuni stupendi edifici barocchi; il riccamente decorato Duomo di San Giacomo e il sontuoso Palazzo Imperiale, in stile roccocò, voluto da Maria Teresa d’Austria.

Maria Theresien Strasse, la via più famosa di InnsbruckHDiStock

Il luogo d’interesse che vi consigliamo maggiormente, però, è il rinascimentale ed elegante Castello di Ambras, dove l’arciduca Ferdinando II visse insieme alla bella e colta moglie morganatica Philippine Welser. L’edificio può essere considerato come il primo museo moderno del mondo perché Ferdinando, appassionato collezionista d’arte, trasformò le sue stanze in sale espositive, in cui custodire quadri, affreschi, armature, antichità e suppellettili. Nella cosiddetta Camera dell’Arte e delle Curiosità, raccolse oggetti grotteschi di tutti i tipi, tra cui dipinti raffiguranti persone deformi, statue della Morte, spade asiatiche, automi meccanici, coralli e tante altri macabri ed eccentrici manufatti.

Lione, Francia

Lione è la terza città più grande della Francia ed è una destinazione davvero ricca di sorprendenti attrazioni ed eccellente gastronomia (non perdetevi le degustazioni di vini e formaggi locali). La zona della Città Vecchia, piena di vicoletti, traboules (passaggi coperti tipici di Lione), piazze, botteghe artigiane e edifici rinascimentali, è quella più interessante dal punto di vista artistico e architettonico. Place de Terreaux è la piazza centrale ed è elegantemente dominata dall’Hotel de la Ville (Comune), dalle forme squisitamente classiche, e dalla fontana realizzata da Bartholdi, lo scultore della celeberrima Statua della Libertà di New York. La fontana venne commissionata dal comune di Bordeaux, ma, per mancanza di fondi, alla fine fu ceduta e acquistata da Lione.

L'Hotel de la Ville e la fontana di Bartholdi a Place des TerreauxHDiStock

Il Museo delle Belle Arti conclude la top 3 della piazza ed espone una collezione meravigliosa che può vantare opere di Delacroix, Corot, Matisse, Gauguin, Manet, Rubens, Rembrandt, Tintoretto, Veronese e Van Gogh. La Cattedrale di Saint Jean, dalla parte opposta della Saona rispetto a Place de Terreaux, è una delle più belle della Francia, stupendo esempio di uno stile misto romanico-gotico edificato tra il XII e il XV secolo.

Scorcio della Città Vecchia di LioneHDiStock

La chiesa più importante della città è la Basilica di Nostre Dame de Fourvière, dalle forme architettoniche alquanto originali. Costruita tra il 1872 e il 1884, si distingue per una ardita mescolanza di stili, tra cui bizantino, gotico, romanico e classico, e per le sue torri sono ottagonali. All'interno, a stupirvi sarà un meraviglioso mosaico dedicato alla Vergine Maria.

Lo stile composito della bella basilica di FourvièreHDiStock

Galway, Irlanda

Se come noi siete fan sfegatate di Buffy, saprete sicuramente che cosa sia un anello Claddagh e ricorderete con commozione la puntata (2x13) in cui Angel dona questo pegno d’amore alla cacciatrice. Se non siete appassionate dell’unica e inimitabile ammazzavampiri, invece, vi facciamo un breve riassunto: il Claddagh è l’anello di fidanzamento irlandese, composto da un cuore, simbolo dell’amore, una corona, simbolo di lealtà, e delle mani, simbolo d’amicizia.

Il claddagh, il tradizionale anello di fidanzamento irlandese HDiStock
Il claddagh, il tradizionale anello di fidanzamento irlandese, con i suoi classici elementi: cuore, corona e mani

Tradizione vuole che esso sia originario di Galway, pittoresca cittadina, ricca di storia e folklore. Le attrazioni che vi aspettano in questo angolo d’Irlanda sono tante, tra cui la Cattedrale, il Lynch’s Castle, perfetto edificio medievale fortificato e finemente decorato, l’Eyre Square, piazza che anticamente ospitava mercati e fiere e che oggi è uno spazio verde molto amato da turisti e locali, la Browne Doorway, portale di un’abitazione seicentesca, e le casette colorate alla foce del fiume.

La baia di Galway, con le sue tipiche case colorateHDiStock
Le caratteristiche casette colorate affacciate sulla baia di Galway

Le strade principali sono William Street e Shop Street. Galway gode di una vivace vita notturna, anche perché è un famoso centro universitario, ed è rinomata anche per la sua squisita cucina, soprattutto per quanto riguarda il pesce. Dovreste assolutamente provare le ostriche pescate localmente! High Street e Quay Street sono due delle stradine più raccomandate per pub e ristoranti.

Un colorato incrocio nel cuore di GalwayHDiStock
Una vivace e colorata area del centro di Galway

Ciò che vi rimarrà di più nel cuore, però, sarà sicuramente la baia di Galway, la cui atmosfera è resa magicamente surreale dai colori e i contrasti di un clima freddo come quello irlandese. Nelle vicinanze della città, infine, non perdetevi il meraviglioso Dunguaire Castle (se siete appassionate di castelli cliccate qui), gli altissimi e suggestivi Cliffs of Moher, scogliere a picco sul mare alte oltre 200 m, e la natura selvaggia del Connemara National Park.

Romantica vista del Castello di Dunguaire HDiStock
Incantevole vista del Castello di Dunguaire, poco distante da Galway

Atene, Grecia

Ogni estate, la Grecia è una delle mete più ambite e frequentate da giovani e adulti di tutto il mondo. Le sue isole sono piccoli paradisi in grado di accontentare ogni tipo di viaggiatore, da chi cerca divertimento a chi brama solo relax, da chi spera in una vacanza avventurosa a chi scegli il lusso e l’eleganza.

L'Acropoli risplende di notteHDiStock
Una visione mozzafiato dell'Acropoli, con i suoi templi splendidamente illuminati

Spesso la sua capitale viene visitata di fretta, prima o dopo la vacanza balneare. Atene, invece, meriterebbe di essere vissuta almeno per qualche giorno perché è una città stupenda e, culla della cultura occidentale, custodisce bellezze archeologiche degne di rivaleggiare con Roma. L’Acropoli, sito dichiarato Patrimonio dell’UNESCO nel 1987, domina Atene dall’alto di una collina di circa 150 m. Sulla sua cima vi aspettano alcuni dei monumenti più importanti della storia, tra cui i Propilei, il Tempio di Atena Nike, l’Eretteo (con le sue imperdibili Cariatidi), il Teatro di Erode Attico e, soprattutto, il Partenone, lo stupendo, possente ma perfettamente proporzionato tempio in stile dorico del V secolo a.C., sublime e immortale simbolo della Grecia Antica.

Particolare della Loggia delle Cariatidi sull'AcropoliHDiStock
La splendida Loggia delle Cariatidi che decora l'Eretteo

Eccezionale sono, inoltre, i reperti esposti al Museo Archeologico Nazionale, che si trova a un paio di km di distanza dall’Acropoli. Nelle sue sale, sono raccolti alcuni importantissimi reperti, tra cui numerose e armoniche statue, come il famoso Diadumeno di Policleto, e manufatti preziosi, come la maschera d’oro di Agamennone.

Vista del quartiere ateniese di MonastirakiHDiStock

Atene, però, non è solo arte, cultura e mitologia classica: è una città vibrante, piena di locali, ristoranti e negozi. I quartieri più irresistibili e folkloristici sono La Plaka e Monastiraki, molto famoso per il suo mercato delle pulci. La piazza centrale di Atene è Piazza Syntagma, dove sorgono il Palazzo del Parlamento e la Tomba del Milite Ignoto, vegliata dagli Euzoni, guardie d'onore dalla caratteristica divisa bianca, con fez rosso e gilet nero decorato.

Gli Euzoni durante il cambio della guardia a Piazza SyntagmaHDiStock
Gli Euzoni, con le loro caratteristiche divise, durante il cambio della guardia a Piazza Syntagma

L’Aia, Paesi Bassi

L’Aia (Den Haag in olandese) è principalmente nota in quanto sede della Corte Penale Internazionale e della Corte Internazionale di Giustizia, ospitata nel bellissimo e neo-rinascimentale Palazzo della Pace, uno degli edifici più fotografati dei Paesi Bassi.

Il Palazzo della Pace, sede della Corte Internazionale di GiustiziaHDiStock

Fondata a metà del XIII secolo, L’Aia conserva ancora un’anima squisitamente medievale che, nel corso dei secoli, si è fusa con innovazioni architettoniche moderne, dando vita a una delle città più affascinanti della nazione e di tutto il Nord Europa. Ogni quartiere sembra un piccolo mondo a sé, dall’elegante Hofkwartier, con il suo palazzo reale e i suoi negozi di lusso, al movimentato centro storico, dall’alternativo Zeeheldenkwartier alle zone verdi, tra cui spicca il Westbroekpark con il suo splendido roseto.

Vista della BinnenhofHDiStock
La Binnenhof, sede degli Stati Generali, ossia del Parlamento, dei Paesi Bassi

Imperdibile è il neogotico Binnenhof, sede del parlamento olandese dal 1446. Se siete appassionate d’arte, adorerete i tre musei più importanti della città: alla Mauritshuis rimarrete estasiati dal Ragazza con l’orecchino di perla di Veermer, al Gemeentemuseum vi aspetteranno oltre 300 opere di Piet Mondrian, mentre, visitando la mostra permanente “Escher nel Palazzo”, allestita presso una reggia della famiglia reale, potrete ammirare le enigmatiche e impossibili opere di Erscher. A soli 5 km dal centro, inoltre, c’è la Scheveningen, la spiaggia più famosa dei Paesi Bassi, che soprattutto d’estate pullula di eventi musicali e iniziative artistico-culturali.

Lubiana, Slovenia

Secondo la leggenda, Lubiana deve la sua nascita e la sua prosperità a Giasone. L’eroe del Vello d’Oro, intento a ritornare in Grecia con i suoi Argonauti, dovette fronteggiare un temibile drago che dimorava in una grande palude. Nell’area, finalmente liberata dal terribile mostro, sorse quella che poi sarebbe diventata la stupenda capitale della Slovenia. La città, sul cui simbolo, ancora oggi, svetta un drago, è una piccola perla a pochi passi dall’Italia.

Vista del centro di LubianaHDiStock

Economica, elegante, ricca di storia e folklore, è la meta perfetta per trascorrere un weekend in pieno relax, dato che è facilmente visitabile a piedi. Il centro città è un perfetto mix di edifici medievali, palazzi barocchi del XVI secolo e architetture liberty. La piazza Prešeren è il cuore della capitale e, adagiata lungo il fiume Ljubljanica, rappresenta anche uno dei suoi punti d’interesse più suggestivi, perfetto per passeggiare o per rilassarsi sorseggiando un cocktail comodamente seduti in uno dei tanti locali ad essa adiacenti. La piazza è famosa anche perché è unita alla riva opposta dal Triplo Ponte, struttura formata da 3 corsie, una centrale costruita nel 1842 (in sostituzione di un ponte di legno del XIII secolo) e due laterali, più piccole realizzate tra il 1929 e il 1932.

Visuale del centro di Lubiana, con il castello in bella vistaHDiStock
Il castello di Lubiana sovrasta il centro della città

Poco distante, sorge un altro noto ponte, quello dei draghi, chiamato così perché sormontato da possenti e realistiche sculture delle spaventose creature simbolo di Lubiana, e il Mercato Centrale, molto frequentato sia dagli sloveni, sia dai turisti. Qui potrete acquistare di tutto, dai prodotti locali enogastronomici e artigianali ai fiori, e assaggiare saporitissimi piatti tipici come zuppe, affettati, salsicce ripiene di formaggio, maiale in salsa di rape e “burek”, ossia una sorta di calzone di pasta sfoglia ripieno di verdure e carne. A vegliare sulla città dall’alto c’è il castello, che è raggiungibile con una comoda funicolare.

Scorcio del Ponte dei DraghiHDiStock
Uno dei tanti draghi che "vivono" a Lubiana: questo è una delle statue che dominano il cosiddetto Ponte dei Draghi

Di origine medievale, venne fortificato nel XV secolo in funzione anti-ottomana e, dopo essere stato danneggiato durante le guerre napoleoniche e aver svolto la funzione di carcere fino al 1945, è stato restaurato nel 1960, tornando al suo antico splendore. Se avete voglia di relax e natura, il Parco Tivoli, con i suoi percorsi immersi nel verde, i suoi fiori e le sue fontane, è la scelta giusta. Per gli appassionati di storia, inoltre, il Museo Civico di Lubiana conserva la ruota più antica del mondo, risalente a 5200 anni fa.

Lussemburgo

Il Lussemburgo, l’ultimo Granducato al mondo, è uno dei paesi meno visitati d’Europa e il suo nome è associato soprattutto a banche e alta finanza. In realtà, il piccolo stato e la sua omonima capitale custodiscono bellissimi monumenti e scorci paesaggistici che andrebbero assolutamente ammirati.

Il Lussemburgo è disseminato di spettacolari castelli medievali, tra cui quello imponente di Beaufort, quello leggermente decadente di Bourscheid e quello maestoso di Viander. Dallo stile eclettico, che mescola romanico, gotico e influenze tardo-rinascimentali, esso fu costruito nell’XI-XII sulle spoglie di un forte romano del IV secolo e subì diversi rimaneggiamenti fino al XVII secolo. Il Granducato è un’ottima meta anche per chi ama il buon vino: lungo il fiume Mosella, tra Lussemburgo e Germania, si snoda per oltre 240 km la cosiddetta “strada del vino”, percorribile anche in bicicletta, per godere al massimo dei panoramici vigneti che affollano la sua intera lunghezza. Tra i vini prodotti nel territorio, particolarmente pregiato è il Riesling, dall’aroma intenso e fruttato.

Il centro di Lussemburgo illuminato dal tramontoHDiStock

La città di Lussemburgo è elegante e mondana, piena di attrazioni belle e coinvolgenti, che includono l’armoniosamente appuntita Cattedrale di Notre Dame, costruita nel XVII secolo dai Gesuiti, il raffinato Palazzo Ducale, residenza dei Granduchi del Lussemburgo dal 1895, e il centro storico medievale, che si ramifica suggestivamente a partire da Place D’Armes e Place Guillaume. Il tutto è ravvivato da lussuosi negozi, pregiate cioccolaterie e affollati caffè e ristoranti. Altro must-see lussemburghese sono le Casematte del Bock, Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO composto da chilometri di labirintiche gallerie sotterranee, profonde fino a 40m, che durante i drammatici anni delle due guerre mondiali sono servite da rifugio per oltre 35.000 persone. 

Qual è la vostra meta preferita? Quale scegliereste di visitare? Fatecelo sapere rispondendo al nostro sondaggio!

Vota anche tu!

Quale meta "sottovalutata" visitereste?

Leggi di più tra 5

Annulla redirect

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.