Stai leggendo: Esiste una canzone che riduce l'ansia del 65%

Letto: {{progress}}

Esiste una canzone che riduce l'ansia del 65%

Secondo il dr David Lewis-Hodgson di Mindlab International, questa canzone produce uno stato di rilassamento maggiore di qualsiasi altro brano testato finora.

99 condivisioni 2 commenti

I disturbi legati all’ansia costituiscono un tipo di patologie serie e molto diffuse: sono tante le cause di stress che interferiscono con la nostra vita quotidiana, ed alcuni di noi vivono nel frequente timore di essere sopraffatti da uno di questi disturbi, e tale timore è d’ostacolo ad una vita equilibrata. 

In modi diversi, già Ippocrate, Kierkegaard e Freud avevano parlato di questa categoria di problemi, per la quale le medicine risultano essere il metodo di trattamento più comune, ma non il solo. Sono buoni, infatti, anche i risultati delle terapie cognitive come la meditazione, lo yoga, i massaggi e la musica. Ora dei neuroscienziati hanno individuato la singola canzone che riesce a ridurre l’ansia meglio di qualsiasi altra che sia stata utilizzata nei test condotti finora.

L’ansia nella Generazione Y

Ci sono studi che provano come oltre il 57% delle studentesse universitarie americane riporti episodi di “ansia schiacciante”, mente nel Regno Unito si parla di un terzo delle donne e di uno su dieci giovani uomini. Marjorie Wallace, amministratore delegato dell’ente benefico Sane, dice che la cosiddetta Generazione Y (quella di tutte le persone nate negli anni ‘80 e ‘90) appartiene all’epoca della disperazione. Rachel Dove, autrice di Anxiety: the epidemic sweeping through Generation Y (“Ansia: l’epidemia che divampa nella Generazione Y”):“

L’avanzare della tecnologia, l'iperprotettività dei genitori ed i sistemi scolastici pensati come ‘fabbriche di esami’ sono tra le ragioni che gli psicologi adducono per l’angoscia della nostra generazione.

E aggiunge: “Un’altra, menzionata spesso dai miei colleghi e dagli psicologi con cui ho parlato, è il lusso (per quanto ingrato suoni) dell’avere troppe scelte”. Uno psicologo di Londra, Pieter Kruger, crede che le persone che non hanno molte scelte, infatti, sono molto più resilienti di quelle che invece ne hanno. Questo semplicemente perché possono incolpare dei propri errori la vita e la sorte, mentre chi ha ampia facoltà di scelta generalmente se la prende con se stesso, finendo per sviluppare comportamente ossessivi e depressivi.

La tecnologia è una delle ragioni per cui vediamo un aumento di questo problema: ora tutti vedono ciò che gli altri hanno, cosa fanno ed ottengono, e per questo ci sentiamo come se stessimo perdendo tante occasioni. Kruger dice che la paura di perdere occasioni è molto reale e può costituire una dipendenza costante che ha effetti sui livelli di ansia e sul benessere generale. I social media ci permettono di misurare il nostro livello di felicità confrontandoci con gli altri su fattori come lavoro, amore, amicizia, benessere economico, e molto altro. Negli studi condotti dai neuroscienziati per aiutare a combattere l’ansia, è stata scoperta una canzone che nei test è risultata capace di ridurrne il livello del 65%: più di qualsiasi altra mai sottoposta ad analisi.

La canzone contro lo stress

A condurre lo studio sulle canzoni migliori per combattere lo stress è stata l’organizzazione Mindlab International nel Regno Unito: gli studiosi hanno analizzato i vari generi di musica, cercando quella che aiutasse meglio a far rilassare le persone. Per farlo, i ricercatori hanno detto ai soggetti che si sono sottoposti allo studio di risolvere puzzle - attività che provoca stress - mentre ascoltavano diversi tipi di musica. È così che un brano in particolare è emerso come il migliore di gran lunga nel far rilassare gli ascoltatori: si intitola Weightless, del gruppo musicale di Manchester Marconi Union.

Stando a quanto riportato dal Dr. David Lewis-Hodgson, che era a capo della ricerca, questa canzone riduce l’ansia del 65% e rallenta il battito cardiaco del 35%. Mentre veniva condotto lo studio, la musica in questione è stata così efficace che molte delle donne che l’ascoltavano hanno mostrato segni di sonnolenza. Una traccia da tenere sempre a portata di mano!

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.

SCOPRI GLI OUTFIT DELL'ESTATE