Stai leggendo: La Fondazione Franco Zeffirelli presenta la mostra Un nuovo volo ispirata a Solaris di Tarkovski

Letto: {{progress}}

La Fondazione Franco Zeffirelli presenta la mostra Un nuovo volo ispirata a Solaris di Tarkovski

A Firenze arriva, dal 28 maggio al 31 luglio 2018, una mostra tributo ispirata all’opera fantascientifica e impegnata del regista e intellettuale russo Andrej Tarkovskij.

“Un nuovo volo su Solaris”, la prima internazionale ospitata dalla Fondazione Zeffirelli

5 condivisioni 0 commenti

La Fondazione Franco Zeffirelli ospiterà, dal 28 maggio al 31 luglio 2018, la mostra temporanea internazionale “Un nuovo volo su Solaris” promossa dal Museo Anatolij Zverev di Mosca (Museo AZ). Ideata e curata da Polina Lobačevskaja è ispirata al film del regista Andrej Tarkovski dei primi anni Settanta del Novecento.

Scarica l'immagine

Ad accogliere i visitatori un’installazione futuristica, molto simile ad una stazione spaziale che orbita intorno ad un pianeta che si chiama “Solaris”, dotata di 22 schermi che proietteranno video creati con materiali fotografici e cinematografici legati alla filmografia di Andrej Tarkovskij. Il regista miliare, intellettuale e pensatore che ha sempre considerato la bellezza estetica dell’arte un veicolo di conoscenza morale dell’anima.

HD

“Un nuovo volo su Solaris” con la sua scenografia onirica riscostruita all’interno della bellissima Sala della Musica del Complesso barocco di San Firenze della Fondazione Franco Zeffirelli, costituisce il finale della trilogia di esposizioni le cui prime due parti, ispirate rispettivamente ai film di Tarkovskij Stalker e Andrej Rublev, sono state presentate nel Museo AZ di Mosca nel 2016 e nel 2017.

Dal film alla mostra

SolarisHD

L’esposizione rappresenta l’incontro tra il capolavoro del maestro russo e l’arte degli artisti dell’underground sovietico attivi tra gli anni ’60 e gli anni ’80 del Novecento. Per il progetto espositivo sono proposte opere che provengono dalla collezione del Museo AZ e dalla collezione privata di Natalia Opaleva, direttore generale del museo moscovita e produttrice della mostra. Potranno essere ammirati 32 quadri e due sculture dei migliori artisti russi come Anatolij Zverev, Francisco Infante, Dmitrij Plavinskij, Dmitrij Krasnopevcev, Vladimir Jankilevskij, Vladimir Jakovlev, Lidija Masterkova, Petr Belenok, Ulo Sooster, Vladimir Nemuchin, Ernst Neizvestnyj.

La scelta della Fondazione Zeffirelli come partner del Museo AZ non è casuale, come sostiene la stessa curatrice Natalia Opaleva:

Franco Zeffirelli, una vera e propria leggenda dell’arte mondiale, è nato a Firenze.

E anche il regista Andrej Tarkovski, Leone d’Oro al Festival di Venezia con la pellicola “L’infanzia di Ivan” dopo aver abbandonato l’Unione Sovietica ha vissuto per molto tempo a Firenze. Un sodalizio artistico e culturale ha legato la vita e la carriera di Tarkovski al capoluogo toscano e all’Italia. Mentre Zeffirelli ha sempre ammirato la letteratura russa. Indimenticabile la sua collaborazione con Luchino Visconti per le scene di "Tre Sorelle" di Chechov e i suoi lavori scenografici sono oggi esposti al Museo Puskin di Mosca.

Commenta

Leggi anche

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.