Stai leggendo: Gli eventi imperdibili nelle città europee più belle del 2018

Letto: {{progress}}

Gli eventi imperdibili nelle città europee più belle del 2018

Feste patronali, concerti, celebrazioni militari, mostre d'arte, spettacoli teatrali e tradizioni bizzarre: ecco a voi un elenco degli eventi imperdibili del 2018 in alcune delle città più belle e affascinanti d'Europa. Preparate la valigia!

Il Museo del Louvre a Parigi

13 condivisioni 0 commenti

Dalle celebrazioni popolari all'arte moderna e contemporanea, dalla lotta con i pomodori ai traboccanti boccali di birra, da un ferocissimo drago e una nobile santa agli artisti di strada, dalle marce di guerra alla musica rock più di successo, l'Europa è una terra piena di tradizioni e innovazioni tutte da scoprire e amare. Partite con noi per un viaggio in alcune delle mete più note del continente, presentate, però, da un punto di vista leggermente inusuale: quello dei loro eventi più attraenti e coinvolgenti dell'anno. Seguici nel nostro tour per l'Europa tra feste patronali, mostre, festival e rassegne musicali

La festa patronale di Mons: il Doudou

L'elegante città belga di Mons, oltre che per il suo Beffroi, bellissima torre civica in stile barocco, è nota anche per il Doudou, una festa patronale che rientra nel Patrimonio Orale e Immateriale dell'Umanità dell'UNESCO e si tiene la domenica dopo la Pentecoste, ossia 57 giorni dopo Pasqua (ma ci sono celebrazioni dal giovedì precedente al mercoledì successivo).

La bella atmosfera della Grand Place di MonsHDiStock
L'elegante Grand Place di Mons, con la sua atmosfera rilassata e le sue architetture medievali e moderne

Il Doudou, che quest'anno cade il 27 maggio, ha origini medievali. Nel 1349, il centro vallone era falcidiato dalla peste. Secondo la tradizione, per chiedere l'aiuto di santa Valdetrude, protettrice della città, venne organizzata una processione in suo onore e il suo reliquiario fu portato nella vicina Casteau e riunito con quello di suo marito, San Vincenzo di Soignies. Il miracolo avvenne, la pestilenza sparì e la processione divenne una consuetudine. A partire dal 1380, anche la Confraternita di San Giorgio si unì alla celebrazione, con la ricostruzione del famoso combattimento tra il martire e il drago. Ancora oggi, gli eventi salienti della giornata sono legati al folklore antico.

Di mattina, si svolge la processione: il reliquiario di Santa Valdetrude viene posto sul cosiddetto Carro d'Oro che, trainato da cavalli e accompagnato dalle gilde cittadine, viene spinto dai partecipanti e trasportato in giro per il centro. Il momento clou è salire una ripida stradina, la Rampe Sainte-Waudru.

Leggenda vuole che se il carro dovesse rimanere bloccato mentre tenta di raggiungere la collina, una grande sfortuna si abbatterà su Mons, come sembra sia successo nel 1914 e nel 1940, ossia allo scoppio, rispettivamente, della Prima e della Seconda Guerra Mondiale. L'altro appuntamento imperdibile ma più profano è quello della rievocazione della lotta tra San Giorgio e il Drago, tra il bene e il male. La battaglia detta Lumeçon si tiene verso mezzogiorno nella piazza centrale, la Grand Place.

Il coreografico, travolgente e affollato combattimento vede protagonisti i figuranti che impersonano il santo, i suoi alleati e i diavoli e una temibile e coloratissima rappresentazione della bestia, lunga circa 10 m e con la coda realizzata in crine di cavallo.

Si racconta che i peli della coda portino molta fortuna e gli accorsi alla manifestazione sono pronti a tutto pur di accaparrarsene uno. Sconfitta la crudele creatura, infatti, si apre la caccia per recuperare una “reliquia” del dragone, in cui difesa è sorto, dal 1999, un movimento di protesta umoristico che si batte per la sua liberazione.

La lotta con i pomodori a Buñol: la Tomatina 

Ogni anno, durante l'ultimo mercoledì di agosto, Buñol, graziosa cittadina a circa 40 km da Valencia, si trasforma in un feroce campo di battaglia a colpi di... pomodoro! La Tomatina, da “tomate”, nome spagnolo del frutto, è una caratteristica festa popolare iniziata, quasi per caso, intorno al 1945. Durante una sfilata di Giganti e Testoni (possenti figure solitamente realizzate in cartongesso, poliestere o fibra di vetro), un gruppo di ragazzi fu coinvolto in una rissa e alcuni di loro iniziarono a lanciarsi dei pomodori, recuperati fortuitamente da una cassa in un negozio di alimentari.

Il sorriso di un ragazzo in un fiume di sugo alla TomatinaHDiStock
L'espressione divertita di un partecipante alla Tomatina

Alla celebrazione dell'anno dopo, dei giovani portarono volontariamente con loro dei pomodori e diedero inizio a una delle tradizioni più bizzarre e divertenti d'Europa che per molto tempo fu condannata dalle autorità. Dalla fine degli anni '50, invece, il comune cambiò idea e scelse di patrocinare la Tomatina, arrivando, dal 1980, a fornire gratuitamente la materia prima per la “lotta”.

Il prossimo 29 agosto, se ne avete la possibilità, partecipate a questa straordinaria festa, che si apre dalla mattina con un palo della cuccagna cosparso di grasso, sulla cui cima svetta un prosciutto. La prima prova della giornata sarà accaparrarsi il gustoso salume.

Folla aspetta trepidante il lancio dei pomodori dai camionHDiStock
Volontari lanciano pomodori ad una trepidante folla durante il tradizionale passaggio dei camion pieni di sugose "armi"

Successivamente, il rumore dei fuochi d'artificio darà avvio allo scontro, a cui generalmente partecipano oltre 20.000 persone. Camion pieni di pomodori, appositamente coltivati per l'evento, entreranno nelle strade del centro, che ben presto si trasformeranno in fiumi di salsa, e inizieranno a distribuire le sugose “armi”. Alla fine, dopo circa un'ora, gli addetti alle pulizie, con acqua corrente e tubi, laveranno sia la città, sia i partecipanti. In una sola parola: imperdibile!

La festa della birra a Monaco di Baviera: l'Oktoberfest

Dal 22 settembre al 7 ottobre 2018 ritorna la festa per eccellenza: l'Oktoberfest di Monaco di Baviera, che, con i suoi oltre 6-7 milioni di visitatori annuali, è la fiera più grande del globo. Una prima ed elementare edizione di questo vivace appuntamento si tenne dal 12 al 17 ottobre 1810 e venne organizzata per celebrare, strano ma vero, un matrimonio, quello tra il principe Ludovico (futuro Ludovico I Wittelsbach) e la principessa Teresa di Sassonia-Hildburghausen. 

Luci, colori e folla all'OktoberfestHDiStock
Vista dalla ruota panoramica della colorata e animata area destinata all'Oktoberfest

I festeggiamenti organizzati per le nozze, a cui si unì tutta la popolazione locale, furono fastosi e travolgenti e, allo scopo di stupire i partecipanti, tra i tanti eventi, fu organizzata anche una corsa di cavalli in un prato a sud-ovest del centro, ribattezzato, in onore della sposa, Theresienwiese. Durante la gara, ai convenuti furono offerti cibi e bevande, tra cui, naturalmente, l'immancabile birra. Negli anni successivi, l'avvenimento venne arricchito da sempre maggiori attrazioni, come giostre, piste da bowling, concerti, fiere agricole e lotterie. Dal 1880, la birra si impose come protagonista assoluta e oggi, nelle decine di giganti e folkloristici stand che compongo l'Oktoberfest, ne scorre – quasi letteralmente – a fiumi.

Brio e birra: scorcio all'interno di un padiglione dell'OktoberfestHDiStock
Un brioso scorcio all'interno di un padiglione dell'Oktoberfest di Monaco

Monaco, città romantica dalle suggestive attrazioni turistiche, tra cui il Municipio Nuovo, la Frauenkirche e la Residenza, si trasforma, per circa due settimane all'anno, in una gigantesco luna park caotico, luminoso e allegro, la cui atmosfera è unica al mondo. L'Oktoberfest è sicuramente un evento a cui partecipare almeno una volta nella vita, anche se non vi piace troppo la birra. Vi assicuriamo che sarà un'avventura indimenticabile! Cliccate qui per avere un'idea delle offerte tipo per la festa più pazza del 2018! 

Il festival musicale a Zagabria: l'INmusic

La Croazia è una delle mete perfette per l'estate e Zagabria è una città piccola ma architettonicamente stupenda. Tra le attrazioni imperdibili, ci sono la neogotica cattedrale dedicata all'Assunzione di Maria, la Chiesa di San Marco e il suo coloratissimo tetto, il Mercato di Dolac con i suoi ombrelloni rossi, l'elegante Piazza Kaptol e la movimentata Piazza Jelacic.

Il centro di Zagabria visto dall'alto HDiStock
Meravigliosa veduta aereo di Zagabria, con la Cattedrale e Piazza Jelacic

Noi vi consigliamo di recarvi a Zagabria verso fine giugno 2018 perché così, tra una passeggiata nel cuore medievale della capitale e una visita un museo, potrete partecipare, dal 25 al 27, a uno dei festival musicali più belli e interessanti d'Europa. Senza sminuire i più noti Primavera Sound (Barcellona), Rock am Ring (Nürburgring), Hellfest (Clisson) o Sziget (Budapest), l'INmusic, che si ripete dal 2006, è un evento travolgente, scenografico e ben organizzato, con una line-up che farà impazzire gli appassionati di musica rock:Queens of the Stone Age, Alice in Chains, Nick Cave and The Bad Seeds, David Byrne, The Kills, Interpole tanti altri nomi “illustri”.

Ragazzi ad un concertoHDiStock
La vibrante atmosfera di un concerto

Il costo è sorprendentemente basso, solo 60 euro per 3 giorni, così come le tariffe alberghiere, che offrono ottime strutture a prezzi molto convenienti (ostelli tra 10 e 20 €, hotel 4 stelle tra 50 e 120 €). Se volete prolungare la vostra vacanza in giro per la nazione, godetevi anche una settimana di mare, magari presso la meravigliosa Dubrovnik, oppure lasciatevi emozionare dai paesaggi naturalistici del Parco Nazionale dei Laghi di Plitvice.

Il teatro e le parate a Edimburgo: EIF, Fringe e Military Tattoo

Edimburgo è incantevole, sempre un po' uggiosa ma ricca di fascino, popolata dagli innumerevoli fantasmi che affollano le sue intriganti leggende. Dalla storia antica e dal passato travagliato da lotte di potere e di religione, è la capitale della Scozia dal 1437. Anche se Edimburgo è animata da numerosi e variegati eventi durante tutto l'anno, è sicuramente agosto il periodo migliore per visitarla e non solo per le temperature più miti.

Spettatori accalcati osservano uno spettacolo di giocoleria durante il FringeHDiStock
Spettatori accalcati osservano uno spettacolo di giocoleria durante il Fringe a Edimburgo

È proprio in questo mese, infatti, che si concentrano diversi appuntamenti assolutamente da non perdere, che travolgono con colore, musica e gioco l'atmosfera cittadina solitamente misteriosa e leggermente ombrosa. L'EIF (Edinburgh International Festival) è uno dei festival teatrali più rinomati d'Europa e comprende anche opera, balletto, concerti sinfonici e incontri di letteratura. Il Fringe (3-27 agosto), invece, è il più grande festival delle arti del globo e accoglie ogni anno oltre 20.000 artisti di ogni genere provenienti da circa 60 paesi.

Teatro, danza, cabaret, canto, improvvisazione, circo, giocoleria: ogni arte è rappresentata con migliaia di spettacoli, alcuni anche gratuiti, che attirano complessivamente milioni di spettatori in centinaia di fiabesche location. La sua storia è molto interessante e, da un certo punto di vista, poetica: il Fringe (“margine”, “scarto”) nacque nel 1947 quando 8 compagnie rifiutate dal sopramenzionato EIF decisero di esibirsi ugualmente nella cattedrale di un paesino poco distante dalla capitale. Poco a poco, però, esso si è trasformato in un evento più travolgente, apprezzato e ricercato di quello ufficiale.

Fuochi d'artificio sul centro di EdimburgoHDiStock
Suggestivi fuochi d'artificio illuminano il centro di Edimburgo

La celebrazione popolare a Lisbona: la Festa di Sant'Antonio

Lisbona è una città meravigliosa, malinconica e solare allo stesso tempo, pienadi scorci magici, ripide salite, edifici decadenti e palazzi eleganti. A giugno, la sua bellezza è esaltata da una meravigliosa festa dedicata a Sant'Antonio da Padova, il quale, in realtà, è morto nella città veneta nel 1231, ma era nato nella capitale portoghese nel 1195. Le celebrazioni si tengono durante tutto il mese e si mescolano con tanti altri eventi programmati per l'estate, come rassegne jazz e rock, spettacoli di fado, festival teatrali o cinematografici e così via.

Una strada di Lisbona animata dai partecipanti alle celebrazioni in onore di Sant'AntonioHDiStock
Una vivace e decorata stradina dell'Alfama durante le celebrazioni in onore di Sant'Antonio

L'apice della festa per il frate francescano viene raggiunta il 12 e il 13 (data anniversario della morte del santo). Tutti i quartieri, da quelli più celebri come il Barrio Alto e l'Alfama a quelli meni turistici ma ugualmente pittoreschi di Mouraria, Bica e Graça, si animano con musica, danza, festoni, palloncini e stand enogastronomici, dove le protagoniste indiscusse sono le sarde, il cui odore vi “perseguiterà” ovunque andiate.

Il 12, lungo l'Avenida da Liberdade, sfilano tra canti e balli migliaia di persone, la maggior parte in costumi tradizionali, mentre il 13 si svolge la processione religiosa, la quale dovrebbe essere particolarmente frequentata da ragazze e donne nubili, in cerca di un compagno, perché, secondo la leggenda, Sant'Antonio le aiuterà a trovare marito. Sempre lo stesso giorno, inoltre, le coppie residenti a Lisbona possono sposarsi gratuitamente, previa vittoria di un concorso pubblico che si tiene mesi prima.

Uomini e donne in costumi tradizionali poco prima di unirsi alla sfilata del 12 giugnoHDiStock

L'amore è una parte centrale dell'immaginario collettivo legato alla festa, tanto che uno dei suoi simboli è il manjerico, una sorta di basilico. La profumata pianta va regalata dai fidanzati alle fidanzate come portafortuna e come pegno di una relazione felice e duratura. Sono tantissimi i tour operator e le agenzie viaggi che offrono convenienti pacchetti per visitare il Portogallo: date un'occhiata alle lussuose proposte della Boscolo Tour e a quelle un pò meno costose ma ugualmente accattivanti di Lastminute!

L'arte a Parigi: musei e mostre

Parigi è la città dell'amore e dell'arte. Nella cosiddetta Ville Lumière, sono nati l'Impressionismo, il Cubismo e il Futurismo. Dai suoi colori, dalle sue atmosfere e dai suoi scorci, in particolare da quelli dell'iconico quartiere di Montmartre, hanno tratto ispirazione Monet, Manet, Degas, Renoir, Picasso e tanti altri nomi, tra i più altisonanti degli ultimi secoli.

Scorcio di Montmartre, il famoso quartiere degli artisti di ParigiHDiStock

Parigi è un luogo privilegiato per chi ama la pittura, la scultura e la storia: solo il nome del Louvre, il museo più visitato al mondo che ogni anno accoglie fino a 9 milioni di ospiti, evoca emozione in tutti gli appassionati. Nel 2018, la realtà culturale della capitale vi invita ad assistere ad alcune mostre eccezionalmente affascinanti, che regaleranno ulteriore magia al vostro viaggio. Fino al 13 maggio, il Petit Palais esporrà le opere dei più significativi e sensibili artisti olandesi che hanno vissuto a Parigi tra il 1789 e il 1914, tra cui Van Gogh e Mondrian.

Fino a luglio, invece, vi aspettano altri 5 straordinari appuntamenti. Al Museo Marmottan-Monet, sono esposti oltre 60 dipinti, soprattutto ritratti femminili, di Camille Corot, attento e sensibile paesaggista il cui stile è a metà tra neoclassicismo e impressionismo, mentre al Museo Jacquemart-André sono in mostra le meravigliose tele, attente all'infanzia e alla maternità, della pittrice americana Mary Cassatt, la quale si unisce al movimento impressionista parigino intorno al 1866 e diviene amica ed allieva di Degas.

Il Museo del Lussemburgo dedica, invece, una retrospettiva al “nostro” Tintoretto, con una collezione di circa 100 opere del geniale pittore veneziano, realizzate nei primi 15 anni della sua folgorante carriera. L'avanguardia russa tra il 1918 e il 1922 e i suoi celebri esponenti Marc Chagall, El Lissitzsky e Kazimir Malevitch sono protagonisti di una collettiva al Centro Pompidou. Al Louvre, infine, vi attendono 180 opere di Eugène Delacroix, uno dei più grandi pittori romantici della Francia. Riuscire a resistere a questo elenco e al sogno di Parigi? Ci auguriamo di no.

L'arte (parte 2) a Londra: musei e mostre

Se le mostre a Parigi che vi abbiamo suggerito non vi interessano oppure non vi sono bastate, Londra è l'altra destinazione del 2018 che consigliamo agli amanti dell'arte.

Scorcio di Londra, con il Tamigi e il Palazzo di WestminsterHDPexels
Gli stupendi colori del tramonto sul Tamigi di Londra, con sullo sfondo il Palazzo di Westminster e il suo celebre Big Ben

La capitale britannica è una delle mete più gettonate dal turismo mondiale e la sua fama è assolutamente meritata. Dalle attrazioni più note, come Piccadilly Circus, Buckingham Palace, la Torre di Londra, l'Abbazia di Westminster, il Big Ben e il Tower Bridge, ai vibranti e alternativi quartieri di Shoreditch, Brik Lane e Hackney, dagli affollati mercati di Camden Town e Portobello Road ai labirintici grandi magazzini Harrods, da Carnaby Street, dove ancora si respira l'aria degli anni '60 e della Swinging London, al verde di Hyde Park e di Regent's Park, ogni tappa più o meno famosa vi rimarrà nel cuore! Anche per quanto riguarda i musei, Londra offre delle opportunità uniche al mondo, tra cui spiccano l'osannato British Museum, la National Gallery, la Tate Modern e il Victoria and Albert Museum.

Al British Museaum, oltre ad alcuni dei reperti archeologici più importanti della storia, come la Stele di Rosetta, vi aspetta, fino al 29 luglio, una mostra dedicata ad Auguste Rodin, “padre” della scultura moderna, e all'arte classica: l'esibizione mette a confronto numerose creazioni (in prestito da Parigi) dell'artista francese con opere dell'Antica Grecia, in particolare del Partenone.

Fino a settembre, invece, alla Tate Modern, regnano Picasso e centinaia di quadri, sculture e disegni realizzati dallo spagnolo nel 1932, anno da molti ritenuto tra i più prolifici per il suo genio. In aggiunta, al Victoria and Albert Museum (dedicato alle arti minori e applicate), è presentata una notevole collezione di vestiti, oggetti e artefatti personali di una delle pittrici più espressive e iconiche del XX secolo, la messicana Frida Kahlo. Con Ryanair e Easyjet i voli da tantissime città italiane verso Londra sono molto economici.

Scegliete il volo, partite e mandateci le vostre foto!

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.