Stai leggendo: Game of Thrones: una serie per soli uomini?

Letto: {{progress}}

Game of Thrones: una serie per soli uomini?

Secondo le recensioni della prima stagione di Game of Thrones gli intensi momenti erotici della serie sono stati concepiti per fidelizzare il pubblico femminile allo show. Ecco perché non è (stato) così.

Daenerys Targaryen

2 condivisioni 0 commenti

Basta solo l’hype già altissimo che c’è intorno alla stagione finale di Game of Thrones (in arrivo su HBO non prima della prossima primavera) per dimostrare che il fantasy drama liberamente ispirato alla saga Le Cronache del ghiaccio e del fuoco di George R.R. Martin è una delle serie più amate dell’ultimo decennio, tanto dagli spettatori che dalle spettatrici che possono empatizzare fin dai primi episodi con tutta una serie di eroici personaggi femminili.

DaenerysHDHBO

Le donne di Westeros hanno decisamente una tempra girl-power e proprio in virtù di ciò che, come ha (ri)scoperto Games Radar, stupisce che critici televisivi di prestigiose testate statunitensi avevano asserito che le esplicite scene di sesso, spesso violente, delle iniziali stagioni dello show erano state scritte ad hoc per un pubblico femminile al quale la serie, altrimenti, sarebbe stata inadatta.

Il duello tra Area e BrienneHBO

In particolare Ginia Bellafante in un articolo del New York Times risalente al 15 aprile 2011, a due dall’esordio della stagione uno di Game of Thrones oltreoceano, ha scritto nella sua recensione delle puntate visionate in anteprima: “come I Tudors, I Borgia e Vikings, Game of Thrones è un dramma in costume esplicito”. 

La vera perversione però sta nella sensazione che le scene di sesso siano nate come contentino per le donne sulla base del giustificabile timore che forse nessuna donna lo avrebbe guardato altrimenti.

Fortunatamente il tempo, e lo stesso pubblico femminile di Game of Thrones, non ha dato ragione alle prime impressioni della Bellafanti, e a dimostrarlo sono i dati. Nonostante nella settima stagione del fantasy drama le scene di sesso esplicito siano state poche e tutte (compresa quella tra Daenerys e Jon Snow) decisamente romantiche, si stima che tra i quasi 10 milioni di spettatori il 43% erano donne.

Il pubblico femminile (come quello maschile) ha quindi apprezzato la complessità narrativa di un prodotto che, con l’andare avanti del tempo, è sempre più forte di una trama essenziale e ha sempre meno bisogno di elementi di rottura, quali - appunto - scene di amplessi violenti o morti improvvise, che servivano inizialmente solo a caratterizzare con decisione l’amoralità dilagante in Westeros e di certo non a rendere lo show "women-friendly".

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.