Stai leggendo: Escobar - Il fascino del male: la recensione del film

Letto: {{progress}}

Escobar - Il fascino del male: la recensione del film

Javier Bardem e Penélope Cruz in Escobar - il fascino del male raccontano la passione fatale tra la giornalista Virginia Vallejo e il criminale Pablo Escobar. Dal 19 aprile al cinema.

8 condivisioni 0 commenti

Pablo Emilio Escobar Gaviria (1949 – 1993) è stato uno degli eroi negativi del ‘900: carismatico e spietato narcotrafficante, ambiguo benefattore degli indigenti, ha fatto della Colombia il suo regno e del resto del mondo il più accanito nemico. La sua figura, tra terrore e leggenda, ha ispirato scrittori, musicisti e molte pellicole come Escobar: Paradise Lost di Andrea Di Stefano (2014), Blow (Ted Demme, 2001), The Infiltrator (Brad Furman, 2016) fino alla fortunata serie TV Narcos (2015 – in produzione).

L'attore premio Oscar è uno spietato narcotrafficante nel film di Fernando León de AranoaHD
Notorious Pictures

Il regista Fernando León de Aranoa insegue sullo schermo il Signore di Medellìn scegliendo un taglio biografico con l'adattamento di Loving Pablo, Hating Escobar della giornalista colombiana Virginia Vallejo, sua amante di lungo corso. Il libro descrive l’incontro con un Escobar in ascesa che si accinge a entrare in politica per salvaguardare i suoi affari, la nascita del Cartello della droga, la passione, l’estasi, la seduzione della ricchezza e del potere. Queste sono le fatali basi di una relazione poco clandestina che nasconde, in realtà, pericoli mortali e quella crudele devastazione umana di un criminale privo di scrupoli ma con l'ipocrita codice morale per cui la famiglia, al netto di tradimenti e spargimenti di sangue, viene sempre prima di tutto e di tutti. Il racconto è filtrato dai ricordi e dalla voce di questa donna capricciosa e volitiva, sensuale e disperata. Virginia vuole e ottiene molto denaro, potere, è custode delle azioni e dei segreti di questo leader al nero che mette parte della vita nelle sue mani, come uno scolaretto innamorato, pronto a ripudiarla e minacciarla a relazione conclusa. Lei, per vendetta e autoconservazione, si vedrà costretta a collaborare con le Agency americane per la sua cattura. Il finale è tristemente noto.

L'attrice Penélope Cruz è l'amante di Escobar, interpretato dal marito Javier Bardem HDNotorious Pictures

Regia solida e asciutta, con qualche retorica concessione a scenari patinati in puro stile televisivo anni’80, de Aranoa sceglie con intelligenza Javier Bardem e Penélope Cruz nelle scomode vesti di Pablo e Virginia e i due premio Oscar, marito e moglie nella vita, mettono in scena questo masochistico legame in modo efficace e scevro da ogni incongruente romanticismo. La loro performance è però inficiata dalla discutibile scelta registica di utilizzare, nella versione originale, la lingua inglese. L’effetto sfiora il grottesco poiché sentir parlare Escobar con i figli, con Virginia e con i suoi collaboratori in un inglese fluente con qualche sporadica, più felice ma altrettanto incomprensibile incursione dello spagnolo, annulla qualsiasi sospensione di incredulità.

Un cast diligente ma privo di guizzi non basta per raggiungere sufficiente credibilità ma, a salvare il salvabile, è quel raro feeling e l’evidente corrente di sensualità che si percepisce tra i due interpreti, che tocca corde emozionali soprattutto nelle porzioni dei dialoghi drammatici, recuperando piccoli sprazzi di autenticità là dove trionfa il didascalico.

Escobar – Il fascino del male è nei cinema italiani dal 19 aprile 2018.

Voto6,5/10

Il racconto in chiaroscuro del leggendario narcotrafficante non convince per le infelici scelte linguistiche ma raggiunge la piena sufficienza grazie all'efficace performance dei due protagonisti.

Silvia Levanti

Commenta

Leggi anche

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.