Stai leggendo: La pizza Margherita di Carlo Cracco

Letto: {{progress}}

La pizza Margherita di Carlo Cracco

La margherita di Carlo Cracco costa 16 euro e si può mangiare nel bar bistrot del nuovo ristorante in Galleria Vittorio Emanuele II a Milano. Scopriamo insieme com'è fatta.

Pizza margherita di Cracco

10 condivisioni 0 commenti

Forse Carlo Cracco non si aspettava tanta pubblicità, sta di fatto che la sua pizza margherita da 16 euro (coperto e servizio inclusi) si è rapidamente fatta conoscere facendo il giro del web.

La reinterpretazione di un classico napoletano è nata nel nuovo ristorante milanese a cinque piani dello chef stellato che si trova nella Galleria Vittorio Emanuele II e che è stato inaugurato a febbraio 2018: oltre all’elegante locale con una stella Michelin (una è stata persa dopo il trasferimento da via Victor Hugo), al piano terra della Galleria troviamo il bar-bistrot con circa 20 coperti e prezzi decisamente più abbordabili.

Cracco apre un ristorante nella Galleria Vittorio Emanuele II HDLapresse

Dolci, drink, colazioni ma anche snack e pietanze come la già famosa pizza margherita.

Il suo impasto (realizzato dal pasticcere e panettiere Marco Pedron) è composto da cereali combinati alla farina che rendono la pizza croccante all’esterno e morbida dentro, poi c’è la mozzarella di bufala a fette, la densa salsa di pomodoro San Marzano con pomodorini confit e il basilico in semi.

Il lievito madre utilizzato ha oltre 85 anni, l’impasto viene fatto riposare per 36 ore.

Margherita gourmet nel nuovo ristorante di CraccoHDFanpage

All’interno di una locationi esclusiva, quindi, lo chef veneto ma milanese d'adozione ha voluto proporre un prodotto nuovo realizzato con ingredienti di altissima qualità ma senza voler riproporre il classico piatto napoletano.

La pizza gourmet proposta nel ristorante “Cracco” dall’ex giudice di Masterchef ha scatenato molte critiche sul web: sono state tantissime le reazioni severe e negative degli utenti su Twitter, Facebook e Instagram (soprattutto di chi non l’ha assaggiata) che se la sono presa per il paragone con la pizza napoletana proclamata Patrimonio Mondiale dell’Umanità dall’Unesco.

L'impasto della margherita di Cracco riposa per 36 oreHDVice

Chi l’ha provata, invece, non ha potuto che apprezzare questo piatto. Tra i messaggi positivi ricevuti ricordiamo quello del re della pizza partenopea Gino Sorbillo che ha dichiarato il suo apprezzamento verso la pizza di Cracco sottolineando che si tratta di una variante personale da gourmet e mai lo chef ha voluto vendere il suo prodotto come “tradizionale”.

Vorresti provare la pizza margherita o con le verdure di Carlo Cracco? A me è venuta fame!

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.