Stai leggendo: Amal Clooney difenderà i reporter di Reuters arrestati in Myanmar

Letto: {{progress}}

Amal Clooney difenderà i reporter di Reuters arrestati in Myanmar

I due giornalisti si stavano occupando della morte di dieci uomini Rohingya. Amal Clooney: "Questo caso ci dirà molto dell'impegno del Myanmar per la libertà d'espressione"

1 condivisione 0 commenti

Amal Alamuddin in Clooney torna in tribunale, dove proteggerà i due giornalisti di Reuters arrestati in Myanmar. L'avvocatessa libanese specializzata in diritti umani - dal 2014, consorte di George Clooney - presterà assistenza legale a Wa Lone, 31 anni, e Kyaw Soe Oo, 28 anni, che da più di cento giorni si trovano in carcere.

I due giornalisti stavano indagando sull'uccisione di dieci uomini Rohingya - minoranza musulmana che risiede nello stato di Rakhine, al confine con il Bangladesh -, cui corpi, provati dalla violenza, sono stati ritrovati in una fossa comune. 

Il loro arresto è avvenuto a Yangon il 12 dicembre, dopo l'appuntamento con alcuni poliziotti che avrebbero dovuto consegnare ai reporter dei documenti riservati. Wa Lone e Kyaw Soe Oo sono accusati di aver violato l'Official  Secrets Act, una legge di epoca coloniale che prevede fino a 14 anni di detenzione.

Amal Clooney per i reporters di Reuters

Questo caso è stato visto dall'opinione pubblica come una gravissima violazione dei diritti umani e della libertà d'espressione. Per questo Amal Clooney ha deciso di sostenere i due giornalisti, accendendo i riflettori sulla vicenda e garantendo al caso risonanza internazionale.

"Wa Lone e Kyaw Soe Oo sono stati perseguiti semplicemente perché hanno riportato una notizia", ha dichiarato l'avvocatessa, attraverso una nota pubblicata dal suo ufficio, Doughty Street Chambers.

"Ho esaminato il fascicolo del caso ed è chiaro oltre ogni dubbio che i due giornalisti siano innocenti e dovrebbero essere rilasciati immediatamente. L'esito di questo caso ci dirà molto sull'impegno del Myanmar per lo stato di diritto e la libertà di espressione", ha concluso. 

Amal Clooney si è già occupata in passato di diversi casi internazionali di alto profilo: ha rappresentato Julian Assange, il fondatore di Wikileaks, le vittime del genocidio degli yazidi perpetrato dall'Isis e la giornalista investigativa azera Khadija Ismayilova. E ora, sosterrà i due giornalisti di Reuters.

Dalla fine di agosto, la situazione riguardante la comunità Rohingya è gravemente peggiorata. Dopo gli scontri con le forze armate, quasi 500 mila persone sono scappate in Bangladesh, portando con sé racconti di violenza e morte. L'esercito ha negato di aver commesso abusi sulla popolazione, ma l'Onu ha invece descritto la situazione parlando di pulizia etnica. 

Commenta

Leggi anche

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.