Stai leggendo: Dawson's Creek: il coming out di Jack si ispira a una storia vera

Letto: {{progress}}

Dawson's Creek: il coming out di Jack si ispira a una storia vera

Kevin Williamson, produttore esecutivo e sceneggiatore di Dawson’s Creek, ha rivelato che il coming out di Jack nella serie è basato sulla sua storia personale.

Jack McPhee di Dawson's Creek

1 condivisione 0 commenti

La reunion del cast di Dawson’s Creek sulle pagine di Entertainment Weekly ha riportato in auge la serie cult di fine anni ’90 che ha intrattenuto, incantato ed educato un’intera generazione di adolescenti. 

Uno dei momenti più importanti, e anche educativi, dello show creato da Greg Berlanti è sicuramente quello in cui Jack, il personaggio interpretato da Kerr Smith, fa coming out rivelando ai suoi amici -  e al pubblico -  di essere omosessuale.

Kevin Williamson, produttore esecutivo e sceneggiatore di Dawson’s Creek, ha di recente svelato che l'outing di Jack è basato sulla sua storia personale, come d’altronde alcuni tratti e vicende di molti altri co-protagonisti del teen drama. Ha dichiarato Williamson: “all’epoca avevo confessato da poco ai miei di essere gay, avevo intrapreso un percorso e volevo che un personaggio della serie lo rappresentasse, rappresentasse quella parte di me.”

Kerr Smith,W

Come ha sottolineato il suo interprete Kerr Smith, inizialmente il personaggio di Jack era stato inserito nella serie semplicemente per mettere in discussione la relazione tra Dawson e Joey e solo dopo qualche tempo l’attore ha saputo come sarebbe evoluta la sua storia.  “Mi sentivo che sarebbe accaduta una cosa del genere” ha confessato Smith “perché sapevo che tutti, tutti i personaggi rappresentavano una sfaccettatura della personalità di Kevin ma nessuno aveva ancora rappresentato la sua sessualità". 

Quando Kevin mi ha parlato della sua idea mi sono preso una giornata per decidere se accettare o meno. Ovviamente ora conoscete la decisione: sono contento di averlo fatto.

Il coming out di Jack è al centro degli episodi 14 e 15 della seconda stagione Dawson’s Creek, puntate che sono state scritte a quattro mani da Kevin Williamson e Greg Berlanti e in cui il ragazzo viene costretto da un professore a leggere un componimento poetico palesemente dedicato a un uomo, esattamente come accaduto a un amico di Berlanti la cui vicenda ha ispirato l'inizio della nuova vita di quello che è diventato uno dei personaggi LGBTQ più importanti della serialità.

Commenta

Leggi anche

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.