Stai leggendo: James Ivory critica Guadagnino di non mostrare un nudo integrale in Chiamami col tuo nome

Letto: {{progress}}

James Ivory critica Guadagnino di non mostrare un nudo integrale in Chiamami col tuo nome

Lo sceneggiatore premio Oscar James Ivory ha criticato la scelta di Luca Guadagnino di eliminare la scena di uno integrale che aveva inserito nello script.

James Ivory con in mano l'Oscar per Chiamami col tuo nome

1 condivisione 0 commenti

James Ivory ha di recente vinto un Oscar per la sua sceneggiatura non originale di Chiamami col tuo nome, ed in una recente intervista con The Guardian ha rivelato che il regista del film, Luca Guadagnino, ha compiuto una scelta sbagliata, che lui attribuisce ad un modo di fare cinema “ipocrita”.

Ivory, infatti, aveva inserito una scena in cui Elio (Timothée Chalamet) ed Oliver (Armie Hammer) sono completamente nudi, durante i momenti di intimità. E benché Guadagnino abbia recentemente asserito di non aver mai considerato l’idea di girare scene di nudo nel film, lo sceneggiatore ha smentito questa affermazione.

Era seduto nella stessa stanza in cui sono io ora, parlando di come avrebbe girato quella scena, quindi quando dice che non farla è stata una sua scelta estetica consapevole, beh… è una str*****a”

James Ivory aveva anche già rivelato a Variety che Chalamet e Hammer avevano firmato contratti in cui era specificato che non avrebbero mai girato scene di nudo frontale, cosa che lo sceneggiatore considerava “un peccato” dovuto al tipico atteggiamento americano riguardo questo tipo di scene al cinema. “Quando le persone gironzolano prima o dopo aver fatto l’amore, e sono immancabilmente coperti da lenzuola, mi è sempre sembrato ipocrita. Non mi è mai piaciuto farlo, e non lo faccio, come sapete”. L’autore si riferiva al suo film del 1987 Maurice con Hugh Grant, Rupert Graves e James Wilby, nel quale si vede una scena d’amore gay in cui gli attori sono nudi.

Maurice & Clive ❤ #mauricemovie

A post shared by Cinefantastique 🎬 (@cinefantastique) on

Per me è un modo più naturale di fare le cose, invece che nascondersi, o fare come Luca, che è spostare l’inquadratura che finisce a guardare gli alberi fuori dalla finestra.

Nell’intervista al Guardian, Ivory ha parlato anche della sua relazione romantica con il produttore Ismail Merchant, col quale ha realizzato film per decenni e che è morto nel 2005. Spiegando il motivo per cui non ha mai parlato pubblicamente di questa relazione, Ivory ha detto: “Ismail era un cittadino indiano che viveva a Bombay, con una famiglia musulmana estremamente conservatrice”, ed ha aggiunto, “Non è il tipo di cose che un musulmano indiano vorrebbe mai venissero divulgare in pubblico. Mai! Poiché eravamo così vicini ed abbiamo vissuto gran parte delle nostre vite insieme, non lo avrei mai danneggiato”.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.