Stai leggendo: Dance Dance Dance 2: il percorso dei vincitori Giulio e Cristina

Letto: {{progress}}

Dance Dance Dance 2: il percorso dei vincitori Giulio e Cristina

Cristina Marino e Giulio Berruti sono i vincitori della seconda edizione di Dance Dance Dance. Il loro è stato un percorso caratterizzato da alti e bassi, da discussioni e riappacificazioni, ma soprattutto da un'incredibile esplosione di talento.

1 condivisione 0 commenti

Ci sono avventure che partono un po' in sordina, voli che all'inizio stentano a decollare, a causa di certe catene che magari ci si è creati da soli.

Ci sono percorsi che si snodano tra alti e bassi, tra cadute e risalite, per poi prorompere alla fine, quando tutto sembrava perso, in un'incredibile esplosione di bellezza.

Così è stato il cammino di Cristina Marino e Giulio Berruti nel corso del lungo periodo trascorso a Dance Dance Dance. Mesi complessi, che li hanno catapultati in una realtà che non avrebbero mai immaginato così, perché la danza ti spiazza e finché non ci si ritrova coinvolti, è difficile farsi una vaga idea della fatica, del sudore e dei sacrifici che questa disciplina richiede. E, soprattutto, di tutto quello che porta alla luce: lati del proprio carattere che non si pensava di avere, o che magari si sperava semplicemente di poter nascondere.

Cristina e Giulio, più di altre coppie, hanno faticato. Cristina ha stentato a lasciarsi andare, a smettere di voler tenere tutto sotto controllo e ad iniziare a fidarsi del proprio partner. Giulio invece ha faticato ad aprirsi, a farsi vedere, a spezzare quella timidezza e quella riservatezza che da sempre, nonostante il suo mestiere di attore, lo caratterizzavano.

Puntata dopo puntata, esibizione dopo esibizione, i problemi sembravano gli stessi. C'era la fatica, c'era lo studio, l'impegno in sala prove, eppure nelle performance mancava sempre qualcosa.

Ma a volte bisogna toccare il fondo per risalire. Bisogna sbagliare, sbattere davvero forte la testa sui propri limiti per poi, finalmente, cominciare a liberarsi: dalle proprie paure, dalle proprie ansie di prestazione e di perfezione, dalle proprie timidezze. E spesso anche dagli inconvenienti fisici, come il dolore al ginocchio che Giulio si è portato dietro per settimane. 

L'attore Giulio BerrutiHD

Cristina ha pianto dopo aver ballato come non avrebbe mai voluto Flashdance, sotto gli occhi di una madre in quel momento troppo severa. Giulio si è visto sbattere in faccia un sonoro 5 dal giudice Luca Tommassini per Take me To Church, una delle coreografie più belle e impegnative che aveva portato da solo.

Cristina Marino a Dance Dance DanceHD

Poi però è arrivata Rihanna per l'attrice e Michael Jackson per Giulione. E poi Luce, di Elisa, per entrambe. Ed ecco che a pochissimo dalla fine, i due sono esplosi in un mix di energia, talento, carisma e bellezza. 

Cristina Marino e Giulio BerrutiHD

Tutte caratteristiche che Giulio ha confermato nella puntata finale, durante la quale ha stupito, sconvolto e commosso tutti con un'interpretazione di Lady Gaga da togliere il fiato.

L'attore Giulio Berruti alla finale di Dance Dance DanceHD

Cristina e Giulio hanno litigato tantissimo. Si sono scannati, si sono riappacificati, hanno discusso di nuovo. Ma una cosa non è mai mancata: la possibilità, per entrambe, di poter contare l'uno sull'altra e di esserci sempre, nel momento del bisogno.

C'è stato tra loro un legame forte, una complicità quasi magica, che li ha uniti sempre di più. Portandoli e spronandoli a dare sempre il meglio di loro stessi.

E a diventare i vincitori della seconda edizione di Dance Dance Dance. 

Cristina Marino e Giulio Berruti vincono Dance Dance DanceHD

E noi non possiamo che augurargli un futuro artistico e personale luminoso e sorprendente. Ovviamente, anche all'insegna della danza.

Cristina Marino e Giulio Berruti a Dance Dance DanceHD

Commenta

Leggi anche

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.