Stai leggendo: The Resident raccontato da Matt Czuchry: Vi spiego Conrad Hawkins

Letto: {{progress}}

The Resident raccontato da Matt Czuchry: Vi spiego Conrad Hawkins

Profondo impegno verso i propri pazienti, ma anche molte fragilità (tutte nascoste sotto una bella spocchia): l'attore statunitense ha parlato di come è nato il suo personaggio. Ecco cos'ha detto

2 condivisioni 0 commenti

Nel nuovissimo medical drama in onda su FoxLife, canale 114 di SKY, Matt Czuchry è il brillante Conrad Hawkins, il Resident che dà il nome alla serie. Un aspirante medico dal carattere difficile e dai metodi anticonvenzionali, pronto a tutto pur di seguire la propria coscienza e il senso di dovere nei confronti dei pazienti.

Per lui, prendersi cura degli altri è una missione intima: per questo non accetta di scendere a compromessi con l'aspetto più spregiudicato del sistema sanitario americano, che vede i malati semplicemente come una redditizia fonte di guadagno.

La ricetta è quella del medical drama, ma sono gli ingredienti a essere tutti diversi dal solito. Un genere approfondito con un taglio diverso: proprio questa prospettiva particolare ha convinto l'attore americano a buttarsi nella serie creata da Amy Holden Jones, Hayley Schore​ e Roshan Sethi: "Credo che con The Resident, la finestra che si apre sia leggermente diversa dal solito, riguarda i concetti di sistema, di business, di errore medico.

Cosa fa un dottore quando commette uno sbaglio? C'è più avidità e più torbido di quanto non si sia mai visto finora in un medical drama. Mi è sembrato che sia stato preso in considerazione un genere con una nuova prospettiva, e questo mi ha ricordato ciò che ha reso di successo The Good wife", ha detto ai microfoni di The Sidney Morning Herald.

Things got heated on #TheResident! Tap the bio link to see what went down.

A post shared by The Resident (@theresidentonfox) on

Czuchry ha poi continuato: "Se devi fare uno show televisivo, devi essere bravo a creare nuove storie e a raccontarle. Credo che in The good wife siamo stati bravi a raccontare storie per molto tempo, è una caratteristica del genere che abbiamo usato. Io vedo la stessa capacità anche nel medical drama".

L'interprete di Conrad Hawkins in The Resident ha attinto anche ad alcuni aspetti della sua vita: "Molti dei temi trattati sono molto personali, perché ho avuto una diretta esperienza con certe cose. Sono entrato e uscito dagli ospedali diverse volte, io stesso o tramite la mia famiglia e i miei conoscenti. Tutti questi elementi si sono combinati, ho pensato che se avessi avuto questi legami personali, molte persone avrebbero potuto riconoscere altrettanti legami con i temi raccontati. Da storyteller, questo è ciò che amo: la capacità di connettere persone, indurle a pensare, fare loro provare emozioni. Credo che con questa serie ci si possa riuscire". 

The Resident, schietto ma vulnerabile

Czuchry ha descritto il suo personaggio: "Con i suoi pazienti è molto coinvolto, machiavellico nella misura in cui si ritrova a fare tutto il possibile pur di proteggere i propri pazienti, anche se questo significa non seguire le regole. Se è per il loro bene, lo farà. Si opporrà al sistema. Per questo razionalizza tutti gli errori che commette, o ha difficoltà nel comunicare le proprie emozioni a riguardo. Vediamo come queste fragilità vengano alla luce lungo tutta la serie televisiva, in cui alla fine riusciamo a notare la sua vulnerabilità".

The best caretaker out there. 🙏 Link in bio to watch #TheResident.

A post shared by The Resident (@theresidentonfox) on

Leggere polverosi mattoni scientifici, guardare documentari di medicina ma, soprattutto, seguire passo passo un medico in carne e ossa: sono stati tutti passaggi necessari per costruire il personaggio di Conrad Hawkins di The Resident. "Un mio amico pensava che l'atteggiamento che questo dottore aveva con i pazienti fosse perfetto per Conrad. Specialmente per il suo modo di dire le cose come stanno".

Una serie televisiva che è riuscita a sconvolgere gli stessi attori che vi hanno partecipato. Per esempio, scoprire che la terza causa di decesso in America fosse proprio la malasanità è stato difficile da digerire, per Czuchry: "Mi ha shockato. Il pilot dà subito l'idea di che tipo di serie sarà, mi ha attirato dal primo momento in cui l'ho letto e ho pensato: 'oh, questo è qualcosa di diverso!'. Se questa serie intratterrà le persone, o le farà ridere, pensare, facendo loro provare qualcosa, qualsiasi cosa, sarò felice perché questo è il mio lavoro e ciò che amo".

L'appuntamento con il prossimo episodio di The Resident è fissato al prossimo lunedì, ore 22, su FoxLife. 

Commenta

Leggi anche

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.