Stai leggendo: The Resident: Recensione Crisi d’identità, il quarto episodio

Letto: {{progress}}

The Resident: Recensione Crisi d’identità, il quarto episodio

Il recap del quarto episodio di The Resident, il medical drama targato Fox che mette in luce le piaghe della sanità americana.

1 condivisione 0 commenti

Le gravi conseguenze del taglio di budget al pronto soccorso del Chastain Park Hospital di Atlanta dovuto alle costose cure pro-bono per Louisa, paziente protagonista della scorsa puntata di The Resident, fanno da incipit al quarto episodio del medical drama targato Fox.

La puntata della serie, dal titolo Crisi d’indentità, si apre infatti con l’arrivo in ospedale di molte vittime di un incidente stradale le quali, a causa del licenziamento di una storico membro dello staff, si ritrovano nelle inesperte mani di una giovane infermiera al primo giorno di lavoro che scambia codici gialli o rossi per codici verdi ed è suo malgrado colpevole dell’improvvisa morte di un ragazzo e di uno scambio di persona.

Al di là dell’eloquente prologo che sottolinea quanto la sanità americana sia schiava del denaro, anche questo episodio The Resident punta tutto sui pazienti, sfruttando i “casi del giorno” per veicolare la perpetua denuncia sociale che la serie si è ripromessa di fare, tanto che in ogni storia umana che ci viene raccontata, che il finale sia lieto o meno, assistiamo allo scontro tra l’etica di medici come Conrad Hawkins e Devon Pravesh e la volontà di lucro che si cela dietro a ogni azione, a ogni cura, a ogni decisione di dottori come Randolph Bell e Lane Hunter.

I segreti di Lane Hunter

A proposito della dottoressa Hunter, una delle storyline più interessanti di questi primi episodi di The Resident è sicuramente quella che vede protagonista Lily, paziente affetta da un tumore che abbiamo imparare ad amare fin dalla prima puntata dello show e che, dopo le cure ricevute nella clinica di Lane, è stata di nuovo trasferita al Chastain Park in gravi condizioni.

Una scena di The Resident 01x04HDFox

Ad andare fino in fondo all’accaduto ci sta pensando Nic la quale, complice il tardivo arrivo della cartella clinica di Lily dalla clinica della Hunter, si reca lei stessa a ritirarla scoprendo che in realtà la dottoressa pur di curare un numero cospicuo di pazienti coperti da assicurazione, stipa tutti i malati in un enorme stanzone dando dosi altissime di farmaci chemioterapici senza tener conto neanche delle loro allergie.

A confermare che le mura della clinica di Lane celano inquientanti misteri è anche un’ex compagna di Nic che ha studiato infermieristica con lei e che ora lavora per Lane la quale, durante un incontro con la sua ex compagna e infastidita dalle sue domande, le sottolinea che per far parte del regno della famigerata dottoressa la prima qualità è quella di essere estremamente discreti, peculiarità che - per fortuna - Nicolette non ha.

The Resident va in onda ogni lunedì alle 22,00 in prima assoluta su FoxLife.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.