Stai leggendo: Menu di Pasqua: le ricette della tradizione italiana e internazionale

Letto: {{progress}}

Menu di Pasqua: le ricette della tradizione italiana e internazionale

Ti piacerebbe scoprire i piatti tipici dei menu di Pasqua? Segui il nostro viaggio culinario nello stivale e nel mondo e scopri le ricette pasquali tradizionali.

Menu di Pasqua

4 condivisioni 0 commenti

La Pasqua si festeggia a tavola sia in Italia che all’estero. E spetta sicuramente all’uovo il ruolo di ingrediente principe, sia nella versione di cioccolato che nella versione naturale con tuorlo e albume.

Perché a Pasqua si consumano tante uova? L’uovo è il perfetto simbolo della resurrezione di Cristo in quanto portatore di nuova vita (i pulcini). È questo il motivo per cui l’uovo conquista le tavole pasquali come componente di tantissime ricette tradizionali italiane e straniere, dal casatiello napoletano agli antipasti con le uova sode ripiene.

Segui il nostro viaggio in giro per il mondo alla scoperta dei piatti tradizionali del menu di Pasqua.

La torta pasqualina

La torta pasqualina è tipica della Liguria ed è caratterizzata da un guscio di pasta sfoglia ripieno di bietole, ricotta e uova. Tradizione vuole che la torta venga preparata con 33 strati di pasta, sovrapposti l’uno sull’altro. Ovviamente, i 33 strati stanno a simboleggiare i 33 anni di Gesù Cristo. Se ti trovi in Liguria nel periodo pasquale, puoi assaggiare la vera torta pasqualina con un tipico formaggio locale, detto prescinseua.

Torta pasqualina, ricetta ligureHD

Crescia brusca marchigiana

A Pesaro, Ancona e nel resto delle Marche si festeggia la Pasqua con la crescia brusca. Si tratta di una sorta di panettone salato con uova, pepe, zafferano e pecorino. La crescia si prepara rigorosamente a Pasqua perché è il periodo migliore per la produzione del pecorino. Da anni è in corso una diatriba culinaria per definire la quantità giusta di formaggio da usare. Ci sono i sostenitori della crescia tutta pecorino e i sostenitori della crescia metà pecorino e metà parmigiano. In realtà, è ottima in entrambe le versioni!

Crescia brusca marchigiana

Scarcelle pugliesi

Le scarcelle sono dei biscotti pasquali pugliesi di pasta frolla, ricoperti con una glassa bianca realizzata con albume e zucchero. Di solito, vengono decorati con degli zuccherini colorati o con un uovo sodo messo al centro di un anello di pasta frolla. La scarcelle tradizionali sono vuote, ma esiste anche una versione più ricca ripiena di marmellata.

Scarcelle pugliesi di PasquaHD

Fiadoni abruzzesi

I fiadoni sono dei deliziosi ravioli rustici tipici delle tavole pasquali abruzzesi. La pasta esterna si prepara con farina, uova, olio e vino, mentre il ripieno è a base di formaggio. La farcia al formaggio viene insaporita con diversi ingredienti, tra cui zafferano, salsiccia e salame. In Abruzzo, i fiadoni pasquali si preparano anche nella versione dolce con il ripieno a base di ricotta, limone, cannella, uvetta e canditi. Il dorso dei fiadoni viene leggermente inciso, così da far fuoriuscire il formaggio in cottura dando vita alla famosa goccia.

Fiadoni abruzzesi di PasquaHD

Hot cross buns

A Pasqua le mamme inglesi impastano e cuociono in forno gli hot cross buns, piccoli panini al latte aromatizzati con la cannella oppure con i chiodi di garofano e arricchiti con l’uvetta. A rendere pasquali questi panini ci pensa la croce  sulla superficie, disegnata con una glassa a base di farina, estratto di mandorle e acqua.

Hot cross buns, ricetta pasquale ingleseHD

Mona de Pasqua

In Spagna non è finita la Quaresima fino a quando non si mangia la Mona de Pasqua. Si tratta di un dolce tradizionale a forma di ciambella con un uovo sodo al centro. Il nome Mona de Pasqua deriva dall’arabo e significa letteralmente regalo di Pasqua. Per tradizione, infatti, la ciambella veniva regalata ai fedeli alla fine del digiuno quaresimale.

Mona de Pasqua, ricetta pasquale spagnolaHD

Tsoureki greco

Il pane tsoureki è il simbolo della Pasqua in Grecia. È molto difficile riprodurre il sapore della ricetta originale perché i greci utilizzano una spezia locale introvabile altrove. In effetti, il pane tsoureki è una treccia preparata con un impasto lievitato a base di farina bianca, pepe, latte, burro, lievito, cumino e mahlepi. Quest’ultima è la spezia introvabile. La mahlepi, infatti, viene estratta dai noccioli di ciliegio selvatico ed è capace di conferire all’impasto un profumo e un sapore particolari. I greci completano il loro pane con una decorazione di uova sode colorate di rosso per simboleggiare il sangue di Gesù Cristo.

Tsoureki greco, ricetta di PasquaHD

Pasha russa e finlandese

La pasha è un dolce tipico della pasqua ortodossa, molto diffuso sia in Russia che in Finlandia. Per la preparazione si utilizza un formaggio fresco chiamato tvorog, che potrebbe essere facilmente sostituito con della ricotta. I russi e i finlandesi preparano questa sorta di budino durante la Settimana Santa e lo portano in Chiesa nella vigilia di Pasqua per farlo benedire. Tradizione vuole che sia accompagnato da fette di pan dolce, detto pulla o kulich.

Pasha russa e finlandese, ricetta di PasquaHD

Simnel cake

In Inghilterra la Pasqua ha il sapore aromatizzato e speziato della simnel cake. La particolarità di questa torta è nella base preparata con farina di mandorle, uvetta, spezie e albicocche secche a pezzetti. La superficie, inoltre, è decorata con uno strato di pasta di mandorle e 11 palline disposte lungo i bordi. Le palline rappresentano gli 11 apostoli, senza il traditore Giuda.

Simnel cake, ricetta inglese di PasquaHD

Ti lascerai ispirare da qualcuna di queste ricette per il tuo prossimo menu di Pasqua? 

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.