Stai leggendo: HBO Leading Ladies: quanto siamo lontane dalla parità dei diritti?

Letto: {{progress}}

HBO Leading Ladies: quanto siamo lontane dalla parità dei diritti?

Siamo volate a Londra e abbiamo partecipato a un panel sull'attuale posizione delle donne nel mondo dell'intrattenimento e dell'editoria. Quanto siamo lontani ancora dalla parità di diritti con i colleghi europei?

HBO Leading Ladies: quanto siamo lontane dalla parità dei diritti?

1 condivisione 0 commenti

Un solo giorno per celebrare le donne non basta. L’8 marzo è riconosciuto infatti come Women International Day, il giorno in cui celebrare le donne, ma le donne, lo sappiamo, vanno celebrate ogni giorno. Per questo motivo la casa di produzione HBO ha istituito a Londra un evento: l’HBO Leading Ladies, un panel di discussione tra le donne leader dei media britannici, in aggiunta alla presentazione delle serie tv che celebrano le donne nella loro interezza.

Nel corso degli anni la rete ha creato infatti contenuti di successo, centrati sulle donne, tutt’altro che perfette, mostrando al mondo intero ogni sfumatura dell’animo femminile.
Quest'anno, per riconoscere l'immenso impatto che le donne hanno avuto nel mondo della produzione video, HBO ha creato uno speciale incontro che ha messo in luce questi personaggi femminili forti. 

Da Carrie Bradshaw, passando per Daenerys Targaryen de Il Trono di Spade, fino alle protagoniste di Big Little Lies e di Insecure. Di questi due ultimi show, disponibili su Sky Atlantic in Italia, sono state proiettati i primi episodi delle prime stagioni.

Durante il panel sono intervenute invece al Bulgari Hotel di Londra rappresentati dei media britannici, ognuna con una particolare storia da raccontare, come la blogger Chidera Eggerue, autrice del best seller: What a Time to be Alone: The Slumflower's guide to why you are already enough, una guida sui privilegi dell’essere single in questo periodo storico.

Chidera EggerueHD
Chidera Eggerue

L’host della serata è stata invece Clara Amfo, speaker della celebre BBC Radio 1, trentatreenne che conduce uno dei programmi più importanti dell’emittente britannica, e che nel febbraio del 2018 è tornata inoltre alla condizione dei BRIT Awards su ITV2.

Clara Amfo speaker BBCHD
Clara Amfo speaker BBC

Questo panel, a cui hanno partecipato giornaliste da tutta Europa, ha mostrato a noi italiani quanto sia distante come obiettivo il raggiungimento non solo un equo compenso, ma una parità di diritti con i colleghi che lavorano nel nostro stesso settore. 

La parità tra uomini e donne è infatti ancora un miraggio, anche in un sistema più evoluto del nostro, quello inglese. Le testimonianze delle partecipanti ci hanno mostrato uno scenario molto simile a quello che viviamo in Italia, con la differenza che alcuni diritti fondamentali vengono maggiormente garantiti all'estero. Il caso maternità è uno di questi. In Italia un recente studio ha verificato come per donne ci sia una penalità nel reddito di lavoro, fino a quindici anni, dopo la prima gravidanza. Secondo alcuni infatti la maternità non è compatibile con la propria carriera lavorativa. Questo accade anche all'estero, dove la motherhood penalty è presente, ma con risultati lievemente diversi. Nel Regno Unito infatti le donne guadagnano circa il 3% in meno ogni ora per ogni figlio avuto, rispetto le donne che lavorano nello stesso settore e non hanno avuto figli. 

Problemi simili, entità diverse. Questi eventi sono dunque utili per avere un quadro più completo dello stato delle cose in Europa, permettendoci di relazionarci meglio con le nostre realtà locali. È solo l’inizio di una nuova era, e non dobbiamo demordere anche se la strada è, ancora, in salita.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.