Stai leggendo: Grey's Anatomy: le cinque canzoni più belle e significative

Letto: {{progress}}

Grey's Anatomy: le cinque canzoni più belle e significative

"How to save a life" e "All I want" sono solo alcune delle canzoni più belle e note di Grey's Anatomy. E voi ricordate tutte le altre? Cominciamo da Chasing Cars degli Snow Patrol, con la scena in cui Alex porta via Izzie dal corpo inerme di Denny:  

28 condivisioni 1 commento

Dopo ben quattordici stagioni e ben 317 episodi andati in onda, Grey's Anatomy è indubbiamente il medical drama più seguito ed apprezzato del nostro secolo. Tutto merito dell'abilità di Shonda Rhimes, che riesce ad intrecciare alla perfezione il destino dei suoi personaggi, regalando al pubblico appassionate scene d'amore, morti strazianti, incidenti drammatici e matrimoni sorprendenti. 

Una trama ben studiata in ogni minimo dettaglio, sempre accompagnata da una colonna sonora che è riuscita ad amplificare al meglio le emozioni dei telespettatori. Sono tantissimi i successi pop che hanno fatto da sottofondo alle scene indimenticabili della serie, così come pure gli episodi che hanno preso il nome dalle canzoni che più volte si sono sentite nelle stagioni del medical drama - basti pensare ad "How to save a life", titolo dell'episodio in cui muore il tanto amato Dottor Shepherd. 

Anzi, la musica è stata tanto importante per il medical drama che la produzione ha deciso di lanciare sul mercato i cd che raccogliessero le migliori musiche della serie, assicurandosi così una nomination ai Grammy Awards nel 2007 nella categoria delle colonne sonore. Ma quali sono realmente le canzoni più belle e famose di Grey's Anatomy?

1. Chasing Cars, Snow Patrol 

"Chasing cars" è sicuramente una delle canzoni-emblema della storia di Grey's Anatomy. Il brano degli Snow Patrol chiude la seconda stagione della serie, accompagnando la morte di Denny Duquette e la straziante reazione di Izzie, che rimane abbracciata al corpo inerme dell'uomo che ha amato e che l'ha chiesta in sposa qualche ora prima. La canzone risuona come sottofondo di ogni singola scena che conclude la puntata (2x27): Izzie in lacrime tra le braccia di Alex, Cristina che entra lentamente nella sala di ospedale in cui Burke sta riposando, Meredith immobile nell'attesa di scegliere tra Derek e Finn. Ma, come è abbastanza caratteristico del medical drama, "Chasing cars" ritorna in un altro momento emblematico della serie. Nell'undicesima stagione gli Snow Patrol fanno infatti da sottofondo alla scena della morte di Derek Shepherd, accompagnando Meredith nel ricordare i momenti più teneri vissuti con l'uomo che ha amato da sempre, poco prima che gli venga definitivamente staccato il respiratore. 

Scena della casa con le candele tra Derek e Meredith

2. Keep me warm, Ida Maria

Chi non ricorda la splendida scena in cui Meredith disegna la pianta della casa che si immagina con Derek utilizzando decine e decine di candele? Impossibile dimenticarla, così come pure la soave voce di Ida Maria che accompagna uno dei momenti più teneri e romantici di Grey's Anatomy. "Keep me warm" - mai titolo più azzeccato - è la canzone sottofondo di una delle scene topiche del rapporto tra Meredith e il Dottor Stranamore: nella puntata finale della quarta stagione (4x17), la storia tra i due ha subito oramai una battuta d'arresto e Derek si è letteralmente gettato tra le braccia di Rose, un'infermiera del Seattle Grace Hospital. Ma Meredith non può rinunciare così all'uomo che ama e decide allora di invitarlo ad un appuntamento in cui dichiarargli tutto il suo amore. La scena della casa con le candele è una tra le più belle dell'intera storia del medical drama, così come la dichiarazione della giovane specializzanda.

Crea un'immagine con questa frase e condividila!

3. Turn to stone, Ingrid Michaelson

Sembra che Ingrid Michaelson sia una delle cantanutrici più apprezzate da Shonda Rhimes, che ha reso celebri alcuni dei suoi brani scegliendoli come sottofondo per le scene più emozionanti della sua serie. Tra le canzoni più belle di Grey's Anatomy è impossibile non ricordare "Turn to stone", colonna sonora dello splendido matrimonio tra Izzie ed Alex (5x22). La voce lieve della cantante americana accompagna Izzie lungo la navata della chiesa, sotto lo sguardo attento ed affettuoso di amici e colleghi: dopo il tumore al cervello, l'incedere della specializzanda è lento e traballante, tanto che George si offre di accompagnarla fino all'altare, dove la lascia definitivamente tra le braccia di Alex. Al di là della colonna sonora, la scena del matrimonio rimane indimenticabile per la meravigliosa promessa d'amore che Alex rivolge alla sua futura moglie -  "Oggi divento responsabile di te, del nostro futuro..." -, poco prima dell'operazione per la rimozione del tumore.

Il matrimonio di Izzie e Alex

4. All I want, Kodaline

Indubbiamente una delle canzoni strappalacrime più famose degli ultimi anni. "All I want" dei Kodaline fa qui da sottofondo ad una puntata del tutto particolare della nona stagione (9x02), in cui i medici del Seattle Grace si trovano ad affrontare la situazione di emergenza dovuta all'incidente aereo che ne ha coinvolto i colleghi. Il brano accompagna perfettamente le riflessioni di Meredith, che ha poco visto morire la sorella Lexie e vive la sofferenza delle conseguenze che l'incidente ha avuto su Derek, Cristina, Callie ed Arizona. Ma la scena più drammatica è sicuramente quella in cui Mark Sloan perde definitivamente i sensi, costringendo il Dottor Webber ad intubarlo nell'attesa della sua morte. 

5. Where does the good go, Tegan and Sara

Ecco quello che è davvero un brano cult di Grey's Anatomy, scelto da Shonda Rhimes per accompagnare uno dei momenti più divertenti e strazianti della sua intera serie televisiva, l'ultimo ballo tra Meredith e Cristina. Se è vero che "Where does the good go" di Tegan and Sara si era già sentito nella quarta puntata della prima stagione, va precisato che soltanto nel finale della decima diventa davvero una delle canzoni simbolo del medical drama. Poco prima del suo trasferimento, la Yang incontra Meredith per un ultimo saluto, che non poteva essere altro che un ballo finale tra le due amiche, un'abitudine costruita negli anni per eliminare lo stress dopo ogni operazione. Dura appena un minuto, eppure questo ballo racchiude in sè - e nella musica che lo accompagna - nove lunghi anni di emozionanti vicende che le due amiche hanno sempre affrontato fianco a fianco. 

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.