Stai leggendo: Rihanna contro Snapchat per una pubblicità che incita alla violenza sulle donne

Letto: {{progress}}

Rihanna contro Snapchat per una pubblicità che incita alla violenza sulle donne

La pop star Rihanna ha accusato il social network Snapchat per aver diramato una pubblicità che ha “sfruttato” la dolorosa vicenda che ha visto come protagonista la cantante e il suo ex Chris Brown.

La cantante Rihanna

5 condivisioni 0 commenti

Rihanna ha attaccato pubblicamente il social network Snapchat per aver diramato nei giorni scorsi un offensivo annuncio forte di un claim che recitava: “Che cosa preferisci? Scelte impossibili: colpire Rihanna o punire Chris Brown?”. Ovviamente la ridicola domanda faceva riferimento alla terribile vicenda vissuta dalla cantante che, nel 2009, è stata vittima della folle violenza del rapper, all’epoca suo compagno.

Rihanna contro SnapchatHDSnapchat, Instagram

Le immagini di Rihanna con il volto tumefatto hanno fatto il giro del mondo e oggi, a 9 anni dall’accaduto, la pop star non permette che una storia per lei così dolorosa possa diventare oggetto di una pubblicità che, oltre a non rispettare il suo vissuto, non rispetta tutte le donne e le persone che sono state (e sono) vittime di violenza. Riri, infatti, tramite una Instagram Story ha palesato tutto il suo disappunto per l’accaduto. “Snapchat, hai speso soldi per creare qualcosa che avrebbe intenzionalmente infangato le vittime di violenza trasformando tutto in uno scherzo!!!” ha scritto.

Non si tratta dei miei sentimenti personali perché l’ho superata… ma riguarda tutte le donne, i bambini e gli uomini che sono stati vittime di violenza domestica in passato e specialmente quelli che non se ne sono ancora liberati. Ci deludi. Vergognati.

Il messaggio di Rihanna ha ovviamente portato la società Snap Inc. a scusarsi con una dichiarazione rilasciata alla BBC che recita: “l’annuncio è stato esaminato e approvato erroneamente, in quanto viola le nostre linee guida pubblicitarie. Abbiamo immediatamente rimosso la pubblicità lo scorso fine settimana quando ce ne siamo accordi. Ci spiace che ciò sia accaduto“.

Che ne pensate di questa triste vicenda?

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.