Stai leggendo: Morto Stephen Hawking, lo scienziato dell'universo

Letto: {{progress}}

Morto Stephen Hawking, lo scienziato dell'universo

Scienziato geniale, mente brillante, Stephen Hawking è morto a 76 anni dopo una vita dedicata a studiare le origini dell'universo.

Stephen Hawking in primo piano

4 condivisioni 0 commenti

Il mondo si è svegliato il 14 marzo con un triste annuncio: è morto il genio Stephen Hawking, scienziato, fisico e cosmologo. Curiosamente, se ne è andato il giorno della nascita di Albert Einstein nonché in quello in ci si festeggia il Pi greco Day.

Hawking era affetto da una delle peggiori malattie, la SLA, che lo aveva colpito quando aveva solo 21 anni. I medici gli avevano pronosticato 2 anni di vita: ne ha vissuti oltre 50 convivendo con la patologia e sfruttando le proprie risorse per dedicarsi alla sua più grande passione, l'indagine dell'universo.

Stephen Hawking è deceduto a Cambridge, nella propria residenza. Come riporta Corriere, notizia è stata comunicata dai figli, che lo hanno ricordato con parole commosse.

Siamo profondamente rattristati per la morte oggi del nostro padre adorato. È stato un grandissimo scienziato e un uomo straordinario. I suoi lavori vivranno ancora per molti anni dopo la sua scomparsa. Il suo coraggio e la sua perseveranza nonché la sua brillantezza e il suo umorismo hanno ispirato persone in tutto il mondo.

Stephen Hawking al lavoroHD
Stephen Hawking non ha mai smesso di lavorare

Stephen Hawking era nato l'8 gennaio 1942 a Oxford, figlio di un medico. Il padre sperava che il ragazzo seguisse le proprie orme, ma all'università Stephen sviluppò uno spiccato interesse per la matematica. In seguito, convertì l'oggetto dei suoi studi sulla fisica. Si iscrisse all'Università a 17 anni, dove si era accorto subito di come le attività accademiche fossero "ridicolmente facili".

A 21 anni gli fu diagnosticata una grave malattia neurodegenerativa, la SLA (che poi si rivelò una forma più blanda e a progressione più lenta della classica malattia). Dopo il duro colpo, Hawking decise di convivere con la sua patologia e continuò gli studi mentre, parallelamente, si sposava con Jane Wilde, la prima moglie. La seconda consorte dello scienziato è stata invece Elaine Mason, la sua ex infermiera.

Stephen Hawking nei film e nelle serie HD

Il decorso della malattia è stato, appunto, insolitamente lento: la forma di SLA che ha colpito lo scienziato è tra quelle più rare, a progressione graduale. Nel tempo la patologia lo ha costretto su una sedia a rotelle e gli ha reso impossibile parlare e alimentarsi da solo. Ma Hawking non ha mai smesso di studiare e insegnare: per 30 anni ha occupato la cattedra di Matematica a Cambridge.

La sua storia è stata raccontata dal biopic di James Marsh del 2014, La teoria del tutto.

Il mondo deve a Hawking diverse importanti scoperte, come la teoria dei buchi neri, che si svilupparono dopo l'esplosione del Big Bang. A questo proposito, lo scienziato si è prestato anche per un indimenticabile cameo nella serie TV The Big Bang Theory.

Il cast della serie, nel giorno della sua scomparsa, ha voluto ricordarlo con un pensiero speciale.

In memoria di Stephen Hawking. È stato un onore averlo in The Big Bang Theory. Grazie per aver ispirato noi e il mondo.

Impossibile dimenticare Stephen Hawking.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.