Stai leggendo: Headless Women: il progetto contro la disumanizzazione delle donne

Letto: {{progress}}

Headless Women: il progetto contro la disumanizzazione delle donne

L’attrice di stand up comedy Marcia Belsky è la fondatrice del progetto Headless Women che vuole mettere in discussione la disumanizzazione delle donne, ridotte ad oggetto sui manifesti pubblicitari e non solo.

Marcia Belsky

1 condivisione 0 commenti

Marcia Belsky, attrice di stand up comedy ma anche scrittrice e musicista, ha deciso di dare il via a un progetto chiamato Headless Women (donne senza testa) per attirare l’attenzione, come lei stessa ha spiegato: “sulla pratica ancora diffusa di frammentare, feticizzare e disumanizzare le immagini delle donne che vediamo nei film, in TV, nelle copertine dei libri e nella pubblicità”. 

Jesus Jeans pubblicitàHDJesus Jeans ph. Oliviero Toscani

Come sottolinea il sito web dell'iniziativa, incentrare manifesti pubblicitari, poster di film (come nel caso di Youth di Paolo Sorrentino) o copertine di romanzi su -  ad esempio - un primo piano del lato B o del decollete di una donna , la deruba della propria personalità e suggerisce a chi guarda che le donne vanno viste solo come un oggetto e non in quanto soggetti pensanti tanto che la prima parte che viene tagliata nelle immagini è proprio la testa.

In particolare, scrive la Belsky “nella maggior parte delle commedie mainstream le donne sono mogli o culi” e per quanto riguarda le ragazze di colore, osserva Marcia, queste vengono spesso cancellate completamente dai manifesti dei film e se sono incluse vengono feticizzate e disumanizzate al pari di quelle caucasiche.

Women of color are doubly oppressed and in turn made doubly invisible by Hollywood. Google the words "movie poster" and you'll see that this erasure is undeniable. Keep scrolling until you find a non-white woman. Don't worry, I'll wait...Women of color, when present, can still be highly fetishized and their purpose often to be there as supportive background to men (and/or white ppl.) Her desires comes secondary to both, if considered at all. This is true even in films about oppression, which is what most popular films that feature people of color are. Plz see the site for more detail (link in bio). THIS WAS AFTER INDEPENDENCE DAY BTW..... #fragmentation #fetishization #objectification #headlesswomen #marketing #advertisement #invisibility #malegaze #poc #hollywood

A post shared by HeadlessWomenofHollywood (@headlesswomenofhollywood) on

Secondo la fondatrice di Headless Women la questione non è affatto da sottovalutare in quanto il messaggio che alcune immagini veicolano è decisamente pericoloso: 

La schiacciante presenza di queste donne senza testa nelle immagini che vediamo è sintomatica dell'idea generale che le donne esistano principalmente per dare piacere ed essere un mero oggetto sessuale degli uomini.

Che ne pensate dell’iniziativa e delle parole di Marcia?

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.