Stai leggendo: Skyline Milano: i grattacieli più cool

Letto: {{progress}}

Skyline Milano: i grattacieli più cool

Il nuovo skyline di Milano ha trasformato il volto della città grazie alla costruzione di grattacieli decisamente cool, rendendola molto più internazionale.

Milano skyline panorama vista diurna

4 condivisioni 0 commenti

Negli ultimi anni la capitale lombarda ha cambiato volto: il suo nuovo skyline di Milano l’ha rinnovata, rendendola più internazionale, moderna e cosmopolita. In una decina di anni sono state create nuove prospettive, nuovi punti di riferimento e un profilo finalmente più frastagliato. Nella città meneghina le torri non sono mai mancate, grande orgoglio da sempre l’hanno riscosso sia la favolosa Torre Velasca - progettata e costruita negli anni cinquanta - che la Torre Breda, anch’essa realizzata fra il 1950 e il 1955, ma è solo negli ultimi anni che la città ha cambiato veramente volto, con una manciata di soluzioni all’avanguardia.

Ecco qui la classifica dei grattacieli più cool di Milano:

  1. Torre Unicredit
  2. Torre Isozaki
  3. Torre Hadid
  4. Il Diamante
  5. Bosco Verticale
  6. I nuovi grattacieli di Porta Nuova

1 - Torre Unicredit

La Unicredit Tower è stata progettata dall’architetto César Pelli e inaugurata nel 2014 come Headquarter dell’Istituto di credito. Realizzata nell’ambito del progetto Porta Nuova, è diventata in brevissimo tempo simbolo di Milano, grazie anche alla sua imponente guglia (Spire) dotata di led che permettono un’illuminazione anche tematica durante le ore notturne. La Unicredit vanta 31 piani per 230 metri di cui 152 di corpo e 78 di guglia, fa parte di un complesso di tre edifici disposti a semicerchio intorno a Piazza Gae Aulenti.

Unicredit Tower spire visuale notturna skyline Milano HD
Unicredit Tower Milano

2 - Torre Isozaki

Questa torre è stata progettata dall’architetto giapponese Arata Isozaki e dall’architetto italiano Andrea Maffei, è stata inaugurata nel Novembre 2015 ed è attualmente sede della società di assicurazioni Allianz. Il grattacielo è alto 209 metri e si sviluppa su 50 piani; nel 2015 è stata installata sul tetto una riproduzione della Madonnina, che si trova sulla cima del Duomo, infatti come dice la tradizione meneghina: nessun edificio in Milano può essere più alto della Madonnina. Il grattacielo èsoprannominato “il Dritto” ed è visibile da 10 km di distanza, insieme al Curvo (175 metri) di Daniel Libeskind e lo Storto (160 metri) di Zaha Hadid, creano uno strepitoso complesso chiamato CityLife.

Skyline Milano, Torre Isozaki o grattacielo Allianz, panorama HD
Torre Isozaki Milano veduta

3 - Torre Hadid

Come dicevamo, soprannominata “lo Storto”, è stata progettata dall’architetta e designer anglo-irachena, Zaha Hadid. 185 metri d’altezza e 44 piani, di cui 39 destinati ad uffici, è la sede degli uffici del Gruppo Generali. La caratteristica distintiva della torre è la torsione dell'edificio che viene attenuata sempre più con l'aumentare dell'altezza, fino a raggiungere la verticalità. Ai piedi della torre è stata inaugurata da poco la galleria CityLife Shopping District.  

Uno spazio meraviglioso progettato da più persone, il mall è stato pensato dallo studio Zaha Hadid Architects, la piazza centrale dallo Studio One Works per finire la promenade open air che si snoda da Viale Boezio, dallo Studio Mario Galantino.

Torre Hadid Milano, uno dei grattacielo dello Skyline di Milano
Torre Hadid Milano CityLife district

4 - Il Diamante

La Diamond Tower è collocata nel Centro Direzionale di Milano nel quartiere Porta Nuova. Inaugurata nel 2012 è alta 140 metri e vanta il record in Italia come edificio realizzato interamente in acciaio. Attualmente è il quartier generale della banca Bnp Paribas. Questa costruzione ha anche accorpati due edifici più bassi, detti Diamantini, sede rispettivamente di Samsung e banca HSBC. Progettata dall’architetto italo americano Lee Polisano, affiancato dall'architetto Paolo Caputo e dalla società di ingegneria Jacobs per la progettazione architettonica esecutiva mentre la progettazione strutturale è stata affidata ad Arup. La caratteristica principale della torre è la sua geometria irregolare, inoltre il particolare taglio della struttura permette al grattacielo di generare riflessi cangianti, proprio come un diamante.

Diamond tower , grattacielo di Milano Porta Nuova
Il Diamante, quartier generale banca Bnp Paribas

5 - Bosco verticale

Un vero fiore all’occhiello nello skyline milanese per quanto riguarda i grattacieli residenziali. Un complesso di due palazzine, nate da un progetto dello studio Boeri. La particolarità degli edifici sta nella presenza di duemila essenze arboree, tra arbusti e alberi ad alto fusto, distribuite sui prospetti. La vegetazione apporta numerosissimi effetti benefici sia per quanto riguarda l’aspetto ambientale che quello climatico. Il Bosco verticale, infatti, contribuisce alla costituzione di un microclima che genera umidità, filtra le polveri sottili, attenua notevolmente l'inquinamento acustico e depura l'aria sottraendo CO2 dall'atmosfera. Nulla è lasciato al caso, infatti l'irrigazione delle alberature avviene mediante l'utilizzo di un sistema d'irrigazione a goccia a manutenzione centralizzata; l'acqua usata non è quella potabile, ma recuperata dalle acque grigie prodotte dall'edificio o dalla falda acquifere.

Bosco Verticale, grattacielo dello skyline di Milano HD
Bosco Verticale, grattacieli residenziali

I nuovi grattacieli di Porta Nuova (e non solo)

Le sorprese non finisco qui perché lo skyline di Milano verrà arricchito nei prossimi anni da altre tre maestose torri.

Torre Libeskind

La terza torre che completerà il complesso CityLife.

Torre Libeskind CityLife, il progetto per lo skyline di Milano
torre Libeskind CityLife, Milano

Torre UnipolSai

Quartier generale del gruppo, sarà situata in Porta Nuova, all'incrocio tra via Melchiorre Gioia e via Fratelli Castiglioni.

Torre UnipolSai, progetto di grattacielo a Milano Porta Nuova
Torre UnipolSai Porta Nuova, Milano

Gioia 22

Verrà realizzata al posto dell’edificio ex INPS di Via Melchiorre Gioia 22. Pensata con 26 piani fuori terra su 120 metri e 4 piani interrati per una superficie lorda totale di 68.432 m2.

Gioia 22, progetto grattacielo Skyline di Milano
Gioia 22, centro Direzionale, Porta Nuova, Milano

Milano si avvia a diventare una vera e propria metropoli futuristica.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.