Stai leggendo: Da Sex & the City a Governatore di New York: Cynthia Nixon in politica

Letto: {{progress}}

Da Sex & the City a Governatore di New York: Cynthia Nixon in politica

Secondo una fonte del Wall Street Journal, la star di Sex & the City Cynthia Nixon potrebbe candidarsi alla carica di governatore di New York alle prossime elezioni di quest'anno. L'attrice diventerebbe la prima governatrice LGBT dello stato.

Nixon a supporto del sindaco di NY De Blasio

16 condivisioni 0 commenti

Non si sorprenderanno i fan più accaniti di Cynthia Nixon nell'apprendere della sua possibile candidatura a governatore dello stato di New York. L'attrice che ha raggiunto il successo grazie all'irriverente e cinico personaggio dell'avvocato Miranda Hobbes nella fortunata serie TV Sex & The City, è infatti da anni impegnata politicamente soprattutto in sostegno della comunità LGBT. 

Il cast di Sex and The CityHD

Come riportato dal Telegraph e confermato da altre fonti autorevoli, sembra che la Nixon sia stata invitata dai liberali a candidarsi contro il governatore in carica Andrew G. Cuomo, già criticato dall'attrice, sia sui social network che durante discorsi pubblici.

A chi gli ha chiesto una dichiarazione, Cuomo, che quest’anno si candiderà per il terzo mandato, si è detto poco preoccupato e non attento ai semplici rumor senza fondamento.

Un indizio chiaro sulle sue future intenzioni però la Nixon lo ha lasciato nel suo dettagliato articolo scritto per la CNN risalente a gennaio di quest’anno e che ripreso da Twitter e Instagram in un passaggio recita così:

Se abbiamo imparato qualcosa da questo primo anno di Trump, è che nel 2018 ognuno di noi dovrà fare quanto in suo potere per riprendere le redini del governo.

È facile dedurre quindi che l’attuale governatore di NY non è certo l’unico esponente politico preso di mira dalla Nixon negli ultimi tempi. L’obiettivo principale dell’attrice è infatti contrastare l’uomo più potente del mondo libero, per citare la serie TV Scandal, il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump.

E viene proprio in mente Scandal nell’immaginare la Nixon radunare al suo fianco, per valutare la sua possibile candidatura, due tra i più importanti esperti in strategie politiche che il paese possa vantare, Bill Hyers e Rebecca Katz, già responsabili della campagna del Sindaco di New York Bill de Blasio ed amici di Christina Marinoni, moglie dell’attrice da ormai sei anni.

In questi anni di distanza dall’epoca d’oro della serie che l’ha portata al successo, Cynthia Nixon si è dedicata al cinema ed al teatro. Ha interpretato Emily Dickinson nel biopic del 2016 diretto dal regista inglese Terence Davies e la scorsa estate ha vinto il suo secondo Tony Award per lo spettacolo Little Foxes che l’ha vista recitare a Broadway accanto a Laura Linney.

On subway on our way to the #WomensMarchNYC #HearOurVote #PowerToThePolls

A post shared by Cynthia Nixon (@cynthiaenixon) on

La candidatura e l’eventuale elezione della Nixon segnerebbe una svolta epocale per i diritti delle donne e delle minoranze e darebbe grande slancio al cambiamento in corso, soprattutto in supporto ai movimenti #MeToo e Time’s Up. Cynthia Nixon diventerebbe infatti non solo la prima donna ad assumere la qualifica di governatore di uno stato così importante e determinante per tutto l’andamento politico americano ma sarebbe anche la prima rappresentante della comunità LGBT ad avere questa carica.

L’indimenticabile Miranda Hobbes di Sex & the City infine si aggiungerebbe alla lunga lista di celebrità che si sono prestate alla politica, da Arnold Schwarzenegger ex governatore della California a Clint Eastwood, l’ex sindaco di Carmel-by-the-Sea in California, fino all’attore che è arrivato più in alto di tutti, l’ex presidente degli Stati Uniti Ronald Reagan.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.