Stai leggendo: Alla Galleria degli Uffizi programmazione ricca di mostre per tutto il 2018

Letto: {{progress}}

Alla Galleria degli Uffizi programmazione ricca di mostre per tutto il 2018

Sono tanti gli appuntamenti con le grandi esposizioni d'arte assolutamente da non perdere e in programma per il 2018: da Pontormo a Palazzo Pitti a Leonardo da Vinci con la meraviglia il Codice Leicester prestato da Bill Gates.

Sono 16  le esposizioni “in cartellone” per il 2018 che si terranno alle Gallerie degli Uffizi a Fir

1 condivisione 0 commenti

Si preannuncia ricco di sorprese il programma espositivo del 2018. La Galleria degli Uffizi di Firenze si prepara ad accogliere tante mostre: dal Codice Leicester di Leonardo da Vinci alla Visitazione di Carmignano di Pontormo, dalle automobili all’arte del cavalcare. Vediamo cosa mettere in agenda.

Incontri miracolosi: Pontormo dal disegno alla pittura

Ritratto di alabardiere dipinto da Pontormo

Dall’8 maggio al 29 luglio, Palazzo Pitti dedicherà una mostra al Pontormo dal titolo “Incontri miracolosi: Pontormo dal disegno alla pittura” con una preziosa selezione di opere della sua maturità eseguite alla fine degli anni Venti del Cinquecento. Tra i capolavori del manierista fiorentino rientrerà a Firenze - dopo oltre vent’anni - anche l'Alabardiere, che arriverà direttamente dal J. Paul Getty Museum di Los Angeles. Per la prima volta sarà esposta anche la Visitazione di Carmignano, insieme al relativo studio a matita nera degli Uffizi.

Il Codice Leicester di Leonardo da Vinci

HD

Dal 29 ottobre al 20 gennaio 2019 gli Uffizi ospiteranno la meraviglia scientifica del “Codex Leicester” di Leonardo da Vinci, prestato da Bill Gates. Un’anteprima assoluta voluta nell’ambito delle celebrazioni dei 500 anni dalla sua morte. Inoltre saranno esposte le pagine originali del Codice, rese integralmente visibili grazie a una tecnologia innovativa con altre opere del genio di Vinci.

Rassegna di arte islamica e viaggiare con stile

Auto d'epoca, Fiat 500HD
 

A giugno partirà una rassegna di arte islamica organizzata in collaborazione con il Museo Nazionale del Bargello, per illustrare il ruolo di Firenze negli scambi interreligiosi e interculturali tra cristianesimo e islam tra Quattrocento e il primo Seicento. L’itinerario espositivo, diviso in due sedi, vedrà gli Uffizi accogliere la sezione storica incentrata sui secoli XV-XVII, mentre il Bargello sarà più attento al collezionismo d’arte islamica a cavallo fra Ottocento e Novecento, rappresentato dalle tante figure di antiquari e collezionisti. In calendario dal 5 giugno al 2 dicembre una mostra per celebrare le automobili, opere d'arte in movimento, al centro della rassegna multidisciplinare “In viaggio con stile: Guidare le automobili, lasciarsi guidare dalle mode”.

A cavallo del tempo. L’arte di cavalcare dall’Antichità al Medioevo

Scultura con cavalli di Fritz KoenigHD

Al giardino di Boboli, invece, dal 26 giugno al 14 ottobre l’appuntamento è con la rassegna “A cavallo del tempo. L’arte di cavalcare dall’Antichità al Medioevo”. Una esposizione di scultura per raccontare la funzione del cavallo e della cavalleria nell''antichità. Il forte legame che esiste da sempre e in diversi ambito tra l’animale e l’uomo. Mentre l''arte contemporanea sarà rappresentata da una retrospettiva dello scultore tedesco del Novecento, Fritz Koenig (1924-2017), noto al grande pubblico per la “Sfera delle Torri Gemelle” di New York.

L’omaggio a Giorgio Vasari

Ritratto del pittore Giorgio Vasari

Non poteva mancare anche l’omaggio a Giorgio Vasari. Una mostra affronterà, dal 20 novembre a gennaio 2019, il rapporto controverso che l’aretino stabilì con l'arte dei maestri emiliani e romagnoli. Accanto a un’ampia selezione di opere grafiche del Vasari si potranno ammirare alcuni preziosi disegni del Parmigianino, artista che suggestionò profondamente il Vasari soprattutto durante il soggiorno bolognese del 1539.

La magnificenza della porcellana

HD

Dal 13 novembre al 10 marzo Palazzo Pitti renderà omaggio alla porcellana durante il Granducato lorenese. La Sala del Fiorino sarà una vetrina di porcellane, dipinti, sculture e arazzi che mettono in evidenza la passione antiquaria caratteristici del settecentesco, ed espresso al meglio dalle eleganti manifatture Ginori e di Vienna.

Le donne nella storia dell'arte: Elisabetta Sirani e Maria Lai

HD

Grande attenzione all'importanza della donna nella storia dell'arte con l’inaugurazione di due mostre dedicate a due importanti artiste: agli Uffizi sulla pittrice del Seicento bolognese Elisabetta Sirani, a Palazzo Pitti sulla scultrice sarda Maria Lai, scomparsa nel 2013. Inoltre il tema della condizione femminile verrà ripreso anche il 25 novembre, Giornata internazionale contro la violenza verso le donne, con l'apertura di una rassegna dedicata al Ratto di Polissena di Pio Fedi. E sempre questo tema è protagonista della prima di una serie di esposizioni che vedono gli Uffizi in trasferta con proprie opere: quella in programma a Bagno a Ripoli e dedicata alla raffigurazione nell'arte delle donne musiciste nel Rinascimento.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.