Stai leggendo: Coca-Cola lancia la sua prima bevanda alcolica

Letto: {{progress}}

Coca-Cola lancia la sua prima bevanda alcolica

I tempi cambiano e anche Coca-Cola ha deciso di svoltare: l’iconico brand produrrà la sua prima bevanda alcolica in 125 anni di storia.

Due bottigliette di Coca-Cola Coca-Cola

2 condivisioni 0 commenti

Coca-Cola svolta e punta al mercato delle bevande alcoliche. Nessuno l’avrebbe mai detto, dato che la sua formula è la stessa da oltre un secolo, con giusto qualche variante, diversa a seconda delle nazioni di distribuzione. In Italia conosciamo principalmente la Coca-Cola classica, la Coca-Light e Zero, ma negli altri paesi sono commercializzate versioni aromatizzate al limone, al lime, alla ciliegia, al caffè, alla vaniglia e addirittura all’aglio.

Mai fino ad ora il brand si era spinto oltre la barriera alcolica: eppure ora il colosso americano sta per immettere sul mercato una nuova bevanda senza precedenti.

Si tratta di un’epocale prima volta per un marchio storico.

Coca-Cola, tappo in evidenzaHD
Novità per la Coca-Cola

La nuova Coca-Cola verrà lanciata solo in Giappone per ora, territorio le cui particolarità hanno spinto la multinazionale a sperimentare già diverse altre formule, come quella al limone o al lime. A esporre le caratteristiche della nuova bevanda è Jorge Garduño, presidente della divisione giapponese di Coca-Cola.

La possibilità circolava già da tempo ma la notizia ufficiale della svolta alcolica di Coca-Cola è arrivata dal sito del marchio, che ha pubblicato un’intervista a Garduño.

Garduño ha spiegato come questo nuovo prodotto sia un mix tra la classicissima formula di Coca-Cola e una bibita asiatica, che in Giappone gode di un certo successo.

La bevanda da Coca-Cola è stata già definita “unica nella nostra storia”. In questo modo, il brand diventerà un diretto competitor di marchi famosi in Giappone come Strong Zero, Highball Lemon e Slat.

Jorge Garduño vicino a una sedia con una Coca-ColaHDvia Expansión
Jorge Garduño spiega la nuova Coca-Cola

Il nuovo prodotto apparterrà alla categoria Chu-Hi, che – secondo un’analisi riportata da Financial Times – è decollata con un incremento dal 5 al 15% su base annua dal 2013 in poi.

Ecco le dichiarazioni di Garduño a riguardo.

Tradizionalmente questa bibita contiene una certa quantità di alcol distillato dal Sochu e acqua frizzante, oltre ad alcuni aromi. Non ci siamo mai confrontati con la categoria degli alcolici, ma questo è un esempio di come continuiamo a vagliare opportunità al di fuori delle nostre aree principali.

Che ne pensate? Sareste curiosi di provare la Coca-Cola alcolica?

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.