Stai leggendo: Oscar 2018: il discorso sulle donne di Salma Hayek, Ashley Judd e Annabella Sciorra

Letto: {{progress}}

Oscar 2018: il discorso sulle donne di Salma Hayek, Ashley Judd e Annabella Sciorra

L'attrice Salma Hayek ha tenuto un discorso insieme a Sciorra e Judd a favore dell'organizzazione nata per la difesa delle donne Time's Up, che mira all'inclusione sociale e alla parità di genere.

2 condivisioni 0 commenti

Dopo la sfilata in nero ai Golden Globes, è esploso il colore sugli abiti delle attrici che hanno partecipato agli Oscar 2018. Il movimento Time's Up ha dovuto rinunciato alla manifestazione di protesta nei confronti delle molestie che hanno coinvolto Hollywood con look predefiniti, ma si è rifatto in altro modo.

Fra i partecipanti al Dolby Theatre di Los Angels c'erano anche le star che hanno denunciato Harvey Weinstein, come Salma Hayek che insieme ad Ashley Judd e Annabella Sciorra hanno tenuto un discorso sui movimenti nati a favore delle donne e del loro rispetto. Le tre non solo hanno parlato di una vera e propria piaga sociale che ha investito anche il mondo dello showbitz, ma sono state persino consapevoli di avere avuto il coraggio di confessare gli episodi di abusi che hanno subito in passato.

Così durante la cerimonia sono salite insieme sul palco e Annabella Sciorra ha iniziato il discorso che avevano preparato per l'occasione. L'attrice, infatti, ha dichiarato:

Quest'anno molti hanno raccontato la loro verità. Sappiamo che il viaggio è ancora lungo, ma lentamente è emersa una nuova strada.

L'attrice a favore del movimento Time's UpHDGetty Images

Annabella Sciorra si è riferita proprio al coraggio che le attrici come Salma Hayek hanno avuto nel non nascondere più certi episodi di violenza. La stessa Salma, infatti, era stata proprio l'autrice di una lettera coraggiosa, pubblicata poi in un editoriale dal New York Times, nella quale aveva raccontato la sua esperienza drammatica avuta con Weinstein. Ai tempi, infatti, lei e il produttore avevano lavorato insieme al film Frida (2002).

Annabella ha poi aggiunto che gli eventi come gli Oscar sono importanti perché rappresentano un momento di inclusione, oltre che una possibilità per rivendicare l'uguaglianza di genere superando anche l'ipocrisia e un modo antiquato di vedere e pensare il mondo. Sempre al New York Times, Annabella aveva affermato di essere stata fra le vittime di abusi da parte del produttore.

Dopo il discorso tenuto da Annabella Sciorra è intervenuta Salma Hayek che ha presentato un video con i registi più innovativi e diversi del 2018. L'attrice li ha definiti

Spiriti inarrestabili che hanno spezzato la catena dei pregiudizi contro il genere, la razza e le etnie per raccontare le loro storie.

In questo video è stata inserita anche un'importante intervista fatta a Mira Sorvino che ha dichiarato: "Tutti hanno una voce per esprimere quello che è accaduto, non solo a Hollywood ma in ogni ambito della vita". Un contributo molto importante, oltre a quello dato dai registi come Greta Gerwig, Jordan Peele, è stato anche quello dell'attore pakistano, Kumail Nanjiani che ha parlato di amore e di rispetto reciproco.

L'attrice Salma Hayek sul red carpet HDGetty Images

Il momento creato dalle tre attrici non è stato solo importante per le donne ma per tutti, perché in un futuro non si ripetano più i casi di violenza già accaduti fin troppo spesso nel mondo di Hollywood come anche nella vita di tutti i giorni.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.