Stai leggendo: Le proprietà della curcuma: benefici, effetti collaterali e ricette

Letto: {{progress}}

Le proprietà della curcuma: benefici, effetti collaterali e ricette

La curcuma è una spezia dalle mille proprietà mediche e estetiche: scopri come usarla per tenere a bada il colesterolo o per combattere acne e sebo in eccesso.

Curcuma

0 condivisioni 0 commenti

La curcuma si ricava da una pianta della famiglia delle Zingiberaceae, a cui appartiene anche lo zenzero. La polvere ha un colore arancio-dorato e si ottiene dal rizoma, vale a dire dal fusto della pianta che cresce sotto terra e assomiglia a una radice.

La varietà più diffusa è quella ricavata dalla Curcuma Longa o Zafferano delle Indie. In Oriente, si utilizza moltissimo sia in cucina che in medicina come ingrediente di alcuni rimedi ayurvedici. Hai sentito parlare anche tu delle tante proprietà della curcuma e vorresti approfondire? Abbiamo preparato una piccola guida sui benefici e sulle controindicazioni di questa spezia dorata.

Le proprietà della curcuma

Il colore giallo-arancio della curcuma è dovuto alla curcumina, un pigmento vegetale contenuto nelle radici da cui viene estratta questa spezia. La curcumina è classificata come polifenolo e possiede diverse proprietà terapeutiche:

  • antiossidante, protezione delle cellule dall’azione dei radicali liberi (funzione antinvecchiamento)
  • antinfiammatorie
  • antitumorali
  • antiartritiche
  • epatoprotettive

Nella medicina ayurvedica, per esempio, la curcuma viene usata da sempre per garantire il buon funzionamento del fegato, per favorire la digestione e per combattere i dolori mestruali. Secondo la tradizione, svolgerebbe anche un'azione di protezione epatica che le consente di avere una funziona curativa nel trattamento di coliche biliari, colecistiti, ulcere allo stomaco e ittero. Bastano, inoltre, qualche cucchiaino di curcuma e un po’ di olio di sesamo spremuto a freddo per preparare l’oleolito.

Di cosa si tratta? Di uno dei prodotti di bellezza più diffusi in India per la cura della pelle e dei capelli (più sotto trovi le nostre indicazioni per preparare l'oleolito in casa).

Curcuma in polvereHD

Effetti collaterali

La curcuma non presenta particolari controindicazioni e può essere assunta da tutti senza rischi. Solitamente, è sufficiente introdurla nella dieta quotidiana senza consumarla sotto forma di integratori alimentari, a meno che non si voglia ottenere un risultato terapeutico di rilievo.

Un paio di cucchiaini da caffè al giorno possono bastare. L’abbinamento ideale è con il pepe nero che ne garantisce un maggiore assorbimento. La curcuma, infatti, è caratterizzata da una scarsa solubilità in acqua e da uno scarso assorbimento, in quanto il nostro organismo tende a metabolizzarla molto velocemente.

Si consiglia solo di fare attenzione in gravidanza e nella fase di allattamento e di non usarla in dosi eccessive in caso di disordini gastrici. La curcuma è utile nel trattamento di fastidi come il meteorismo e la cattiva digestione (dispepsia). Se però viene assunta in quantità elevate e per un lungo periodo di tempo, può provocare nausea e diarrea. Infine, non andrebbe utilizzata neppure in caso di problemi alla cistifellea perché potrebbe provocare un aggravamento della situazione.

I benefici della curcuma

Le proprietà della curcuma più conosciute e dimostrate sono quelle coleriche-colagoghe, che favoriscono la produzione di bile e il suo successivo deflusso nell’intestino. Grazie a questa proprietà, contribuisce a proteggere il fegato e a ottenere i seguenti benefici:

  • aiuta a tenere sotto controllo il colesterolo
  • facilita la digestione dei pasti ricchi di grassi
  • aiuta a dimagrire

La curcuma è molto usata in India anche per ragioni estetiche. Le donne indiane la applicano sulla pelle, sui capelli e sulle unghie. Non solo, in combinazione con la farina di ceci e l’acqua si utilizza persino per rallentare la crescita dei peli.

La curcuma, inoltre, è l’ingrediente principale dell’oleolito. Ti bastano 500 ml di olio di sesamo spremuto a freddo e tre cucchiai di curcuma in polvere per prepararlo in casa. Devi semplicemente versare l’olio di sesamo e la curcuma in un barattolo di vetro sterilizzato e munito di chiusura ermetica. Lascia poi a macerare per 7 giorni, scuotendo il barattolo almeno una volta al giorno.

Dopo una settimana, trasferisci la miscela in una bottiglia di vetro scuro, senza rimuovere la curcuma depositata sul fondo. L’oleolito si può conservare per circa 6/12 mesi avendo l’accortezza di tenerlo al buio. Una volta pronto, puoi ricavarne tanti benefici estetici usandolo come:

  • antirughe: qualche goccia al mattino e alla sera
  • antiforfora e rinforzante: un cucchiaino di oleolito in 200 ml di shampoo naturale delicato senza aggiunta di parabeni o siliconi
  • idratante (pelle screpolata): maschera alla curcuma con qualche goccia di oleolito nell’olio di mandorle dolci. Basta massaggiare sulla parte screpolata fino al completo assorbimento dell’olio

In realtà, l’oleolito è molto versatile e si può usare anche per preparare maschere per regolare l’eccesso di sebo e combattere acne e punti neri oppure per realizzare impacchi schiarenti sui capelli.

Le ricette

Uno dei modi più semplici per assumere la curcuma è prepara una tisana, con 1 grammo di curcuma in polvere per ogni 150 ml di acqua. Porta a bollore l’acqua e poi lascia riposare per circa 10 minuti. Dopodiché, puoi bere la tua tisana e beneficiare di tutti i suoi effetti antinfiammatori e digestivi.

La ricette più diffusa, invece, è il golden milk o latte d’oro, ottimo per rafforzare il sistema immunitario e abbassare il colesterolo. Per la preparazione ti serve mezza tazza di curcuma in polvere e mezza tazza di acqua. Versa l’acqua a temperatura ambiente in un pentolino e mettilo su un fornello a fuoco basso. Aggiungi la curcuma e mescola per 3 o 4 minuti fino a ottenere una pasta.

Latte d'oro con la curcumaHD

In un pentolino a parte porta quasi a bollore una tazza di latte. Spegni poco prima che inizi a bollire e aggiungi la pasta di curcuma, mescolando con una frusta manuale. Una volta pronto, aggiungi un cucchiaino di olio di mandorle o di olio di semi e mescola di nuovo. Puoi dolcificare il tuo latte di curcuma con un cucchiaio di miele e berlo sia a colazione che a metà pomeriggio.

Allora, proverai a preparare l'oleolito oppure a bere una tazza di latte d'oro?

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.