Stai leggendo: Beyoncé: la cantante è una vera icona del femminismo contemporaneo

Letto: {{progress}}

Beyoncé: la cantante è una vera icona del femminismo contemporaneo

La reginetta del pop è stata sempre a favore dei diritti e della parità di genere ed è considerata come una vera e propria fonte di ispirazione per molte donne.

Beyoncé nuova icona del femminismo

1 condivisione 0 commenti

Quando Beyoncé ha iniziato la sua carriera, aveva solo 16 anni ed era a capo delle Destiny's Child, di cui hanno fatto parte anche Kelly Rowland e Michelle Williams. Erano i primi anni Duemila (anche se il gruppo si è formato nel '97) e le ragazze avevano subito il fascino del movimento Girl Power, reso celebre dalle Spice Girls che ne sono state le pioniere.

Quasi un'insurrezione femminile di chi ha voluto rivendicare i propri diritti all'interno della società. È esattamente in questo contesto che si è formata Beyoncé. Al contrario delle sue colleghe, la reginetta del pop non ha avuto le stesse difficoltà cui altre hanno dovuto far fronte a causa della sua etnia. Secondo il padre ed ex manager di Beyoncé, Matthew Knowles - che ha rilasciato di recente una intervista alla BBC - sua figlia è diventata famosa e non ha dovuto lottare nell'industria della musica perché ha la pelle più chiara. Secondo lui, infatti:

Quando si parla di donne nere, quali sono le persone di cui sentiamo maggiormente la loro musica su una radio pop? Mariah Carey, Rihanna, Nicki Minaj, le mie figlie (Beyoncé e Solange), e tutte queste cosa hanno in comune? Hanno il colore della pelle di un tono più chiaro. Pensate che sia un caso?

Beyoncé icona femministaHD

Dal 2011 Matthew non è più il manager di Beyoncé e si è reinventato come professore universitario. E adesso sta promuovendo un nuovo libro sulla questione razziale, Racism: From The Eyes Of A Child. Le dichiarazioni hanno fatto il giro del mondo per la naturalezza con la quale l'uomo ha spiegato il successo della figlia. 

Brittney Cooper su Beyoncé

Sulla questione è ritornata la scrittrice Brittney Cooper, che su Cosmopolitan US ha pubblicato un editoriale. In sostanza ha spiegato al magazine perché il femminismo ha bisogno della reginetta del pop. L'autrice di Eloquent Rage (un altro libro sulla parità di razza e genere) considera Beyoncé come una delle cantanti che incarna al meglio i valori del movimento. Beyoncé ha avuto la possibilità di farsi valere nel panorama musicale, grazie alla sua forza d'animo che ha ispirato altre ragazze e non le ha fatte sentire sole. Per farla breve le giovani non hanno trovato solo una cantante da seguire, ma una vera e propria leader. L'immagine di donna forte e determinata che Beyoncé ha dato di sé stessa è stata importante anche per tutte coloro che nell'età dell'adolescenza sono spesso vittime di bullismo (in particolare nelle scuole).

Il femminismo dell'album Lemonade

Dalla naufraga di Survivor alla donna combattiva che incita le altre a farsi rispettare, come in Run The World (Girls): è questa l'evoluzione che ha avuto Beyoncé negli anni. Le sue canzoni sono un chiaro omaggio alle donne e alla femminilità. L'esempio più calzante è rappresentato dal sesto album in studio, Lemonade (pubblicato nel 2016). Il disco, infatti, è un'opera sul femminismo che non trascura le donne di colore. Fra i brani più importanti c'è Freedom, realizzato per la Giornata Internazionale dei diritti delle bambine (nato su iniziativa dell'Onu, ricorre l'11 ottobre di ogni anno).

Lemonade, però, non è solo il sesto album della cantante, ma anche un lungometraggio dedicato alla lotta per la parità di razza e di genere. In 56 minuti mescola musica, documentari ed elementi sperimentali. Un album visivo che si apre con una dichiarazione dell'attivista e vero leader nella lotta per gli afroamericani, Malcom X:

La persona più disprezzata in America è la donna nera.

Con Lemonade, perciò, Beyoncé ha voluto rivendicare i diritti delle donne nere. Un album visuale che è stato realizzato da una donna con la pelle non troppo scura (giusto per riprendere le parole del padre Matthew). Un lavoro con il quale la cantante ha voluto riportare la speranza fra le giovani, e che sia di insegnamento a sua figlia Blue Ivy.

Le iniziative dedicate alle donne

Beyoncé ha scelto di schierarsi apertamente a favore delle donne. L'occasione giusta è arrivata nel 2017, quando la cantante ha supportato la Marcia delle donne in occasione dell'insediamento alla Casa Bianca del presidente Donald Trump. Con un post su Facebook la reginetta del pop ha scritto:

Facciamo sentire le nostre voci. Siamo madri, artiste e attiviste.

Parole che hanno subito avuto l'effetto sperato, e che hanno incoraggiato le altre nel farsi rispettare in un contesto, quello dell'America di Trump, in cui sono stati alzati fin troppi muri sui migranti e le donne. 

Penso di essere una femminista, in un certo senso. Non è qualcosa che ho deciso consapevolmente. Credo nel valore dell'amicizia e non voglio mai tradirlo perché amo essere donna ed essere amica di altre donne.

La cantante è a favore delle donneHDGetty Images

Beyoncé è tuttora impegnata con alcune campagne globali per la difesa e la parità di genere. Un esempio è Chime For Change. Nato nel 2013 da un'idea di Gucci, trova fra i suoi soci fondatori la reginetta del pop. Un progetto che non vuole lasciare le donne da sole, ma le unisce perché queste possano far sentire ancora di più la loro voce nel mondo.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.