Stai leggendo: Ellen Pompeo appoggia la collega Karla Souza, vittima di stupro

Letto: {{progress}}

Ellen Pompeo appoggia la collega Karla Souza, vittima di stupro

Solidarietà al femminile per Karla Souza, che ha dichiarato di essere stata stuprata da un regista. Ellen Pompeo appoggia e sostiene la star de Le regole del delitto perfetto.

Ellen Pompeo dalla parte di Karlza Souza, vittima di stupro

1 condivisione 0 commenti

Lo scandalo Weinstein, si sa, ha aperto un vaso di Pandora sul mondo degli abusi di potere e delle molestie sessuali a Hollywood. L'ondata di denunce, da parte di donne stanche di tacere per sempre, è destinata a non finire qui.

L'ultima confessione shock dal mondo dello spettacolo proviene da una delle attrici di casa ShondaLand. Negli ultimi giorni, Karla Souza, interprete di Laurel Castillo nella serie Le regole del delitto perfetto, aveva confessato di aver subito violenza sessuale da parte di un regista.

L'attrice messicana ha raccontato la sua terribile esperienza alle telecamere della CNN. Si tratta di una storia fin troppo familiare a chi, come lei, era all'inizio della sua carriera nel mondo del cinema e non immaginava lontanamente di ritrovarsi ad essere vittima di abusi.

Solidarietà al femminile

Dopo aver rotto il silenzio, molte persone sono intervenute per appoggiarla sui social, e non è mancato il sostegno da parte di Ellen Pompeo, sempre in prima linea nella difesa delle donne.

La Meredith di Grey's Anatomy ha utilizzato di nuovo Twitter per esprimere il suo appoggio alla Souza. Molto spesso, la star del medical drama, reduce da un contratto milionario con la serie, fa sentire la sua voce tramite questo social network, che le permette di interagire meglio con i suoi followers.

Così scrive la Pompeo sul suo profilo:

"Il coraggio ispira le persone. Appoggiamo nostra sorella Karla Souza e tutte le altre donne messicane che hanno alzato la voce."

La confessione shock della Souza può servire a dare forza ad altre giovani attrici, ma anche madri o mogli, che si sono ritrovate nella sua stessa posizione e che tutt'ora non riescono a parlare.

Time's Up, Messico

La catena di solidarietà ha raggiunto anche altre stelle dello star system, quali attori latini come Luis Gerardo Méndez, Paola Nuñez, Natalia Córdova e Stephanie Sigman.

A loro si sono uniti Sarah Drew di Grey's Anatomy, la creatrice Shonda Rhimes, e la protagonista de Le regole del delitto perfetto, Viola Davis.

Le parole però non bastano, bisogna agire. Per questo, dopo l'accaduto, la presentatrice americana Oprah Winfrey e l'attrice Premio Oscar Reese Witherspoon hanno dichiarato di essere interessate a promuovere il movimento Time's Up, volto a sostenere le donne vittime di abusi, anche in Messico.

L'intento delle vittime non è solo quello di ottenere giustizia, ma soprattutto di evitare che altre aspiranti attrici si trovino in posizioni scomode come quelle di molte altre star hollywoodiane, che per prime hanno avuto il coraggio di denunciare quanto stava accadendo nel mondo del cinema.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.