Stai leggendo: Per le donne, i 40 sono i nuovi 20

Letto: {{progress}}

Per le donne, i 40 sono i nuovi 20

I 40 e i 50 anni come i nuovi 20? Lo sostiene un'indagine del Telegraph, che riporta i dati raccolti con un campione di donne. Quella delle quarantenni e delle cinquantenni è ormai la generazione senza età.

Lorelai e Rory si abbracciano

7 condivisioni 0 commenti

I quaranta come i nuovi venti? Per le donne, sembrerebbe proprio di sì. Pensate a quante mamme ormai trascorrono i loro pomeriggi facendo shopping con le figlie. O a quanti aperitivi “per due”: mamma e figlia. Col papà magari lasciato a casa a cucinare. La serie Gilmore Girls - Una mamma per amica, incentrata sul rapporto alla pari tra una giovane madre e la figlia adolescente, non a caso è tra le serie TV più amate di sempre: tanto dalle quarantenni, quanto dalle ventenni. Perché è proprio questo il punto: la generazione delle quarantenni e cinquantenni è diventata una generazione senza età.

Le cose sono cambiate rispetto a una o, addirittura, due generazioni fa. È sempre più frequente vedere una donna di cinquanta, sessant'anni indossare un vestito della figlia (e viceversa): forse cambierà l'entità della scollatura, ma gli stili non sono più radicalmente diversi. Per non parlare delle intere serate trascorse di fronte alla serie TV preferita, magari recuperata in streaming sul computer o su Netflix. O ai reciproci commenti, "mi piace" e tag su Facebok all'ordine del giorno. È innegabile: i rapporti tra madri e figlie, rispetto a qualche anno fa, sono cambiati drasticamente, perché è cambiato il ruolo della donna nella società e, soprattutto, la considerazione che la donna ha di se stessa in relazione alla propria età.

Primo piano di una donna e un'adolescenteHD
La madre, quarantenne, con la figlia adolescente

I dati sono chiari: secondo un sondaggio del Telegraph, il 96% delle ultra quarantenni non si ritiene una donna di mezza età. Praticamente un plebiscito. I due terzi si ritengono ancora giovanissime e il 59% afferma di conservare le stesse forze e la stessa vitalità di un tempo. Insomma, per le donne del nuovo millennio l’età appare sempre più un numero: a sostenerlo, ben l’84% delle intervistate.

Insomma, numeri che parlano da soli e che raccontano una contemporaneità ben distante da quella che hanno conosciuto i nostri nonni, con la donna "regina della casa", impegnata unicamente ad assecondare il marito e badare ai figli. Le donne del nuovo millennio hanno tutte le intenzioni di prendersi quello che non hanno avuto le loro madri e lo fanno godendosi una nuova giovinezza. Fase prima di ora sconosciuta e che trova un unico ostacolo nello specchio: il 48% delle intervistate dal Telegraph, infatti, ha dichiarato di non essere più a proprio agio con la propria immagine.

Emmanuel Macron e Brigitte Trogeux mano nella manoHD
Emmanuel Macron (40 anni) e la moglie Brigitte (64 anni)

Per il resto, come sono le donne italiane di 40, 50, 60 anni? Basti pensare al continuo innalzamento dell’età pensionabile: sarebbe un paradosso ritenere le ultra sessantenni “inidonee a una vita sociale", ma idonee a continuare a lavorare. E così le separazioni generazionali, paletti invalicabili fino a qualche decennio fa, diventano sempre più fumose. Con ambienti di lavoro in cui le ventenni si confondono sempre più con le ultra sessantenni. E con relazioni in cui la differenza d'età è a “parti invertite” rispetto alle nostre abitudini. Esempio emblematico, quello del Presidente della Repubblica francese, Emmanuel Macron: 40 anni lui e 64 la moglie, Brigitte Trogeux.

Perché, se i quaranta sono i nuovi venti, allora i cinquanta sono i nuovi trenta e i sessanta i nuovi quaranta. D’altra parte, l’età non è che un numero. Basta non guardare troppo spesso la carta d'identità.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.