Stai leggendo: Jennifer Lawrence risponde a chi parla a sproposito di femminismo

Letto: {{progress}}

Jennifer Lawrence risponde a chi parla a sproposito di femminismo

L’abito sexy e scollato di Jennifer Lawrence per un red carpet londinese e ghiacciato ha suscitato una bufera di polemiche. L’attrice ha risposto a tono alle critiche.

Jennifer Lawrence al photocall di Red Sparrow

4 condivisioni 0 commenti

Le polemiche sul gender e su concetti distorti di femminismo sono sempre in agguato. Le derive dell’iperfemminismo cadono a sproposito in casi come il photocall di Red Sparrow, che ha visto Jennifer Lawrence vestita in modo sensuale e succinto nella gelidissima e nevosa Londra. L’attrice nel film interpreta la protagonista Dominika Egorova, non a caso una spia sexy, addestrata forzatamente dall’Unione Sovietica ad ammaliare e colpire i nemici, e ha affermato di trovarsi a proprio agio anche nelle scene di nudo.

Al photocall all'aperto su una terrazza da cui spuntava il London Eye, la star indossava un abito nero Versace con una scollatura a cuore, le spalline e uno spacco generosissimo, abbinato a un paio di sandali neri, a un make up sui toni di uno smokey scuro.

Il photocall di Red Sparrow a LondraHD
Jennifer Lawrence e i colleghi al photocall di Red Sparrow

Il photocall si è svolto su una terrazza e i colleghi di Jennifer vestiti con cappotti doppiopetto, anfibi pesanti e sciarpe hanno catalizzato ancora di più l’attenzione sulla giovane diva, che è apparsa seminuda e senza cappotto immersa nella temperatura londinese (che in questi giorni oscilla dagli 0 ai 6 gradi).

Sui social sono fioccati una serie di commenti che criticavano l’outfit indossato da Jennifer, fuori luogo per il rigido clima britannico. C’è chi ha attaccato la scelta della star e chi, come il portale femminista Jezebel, ha accusato “il sistema” di coercizioni fluttuanti e non scritte che “imporrebbero” all’attrice, come a tante altre, di indossare abiti leggerissimi nonostante il freddo lampante. C'è anche chi ha reagito ironicamente e ha definito l'impresa della Lawrence (di stare fuori al freddo con un vestitino) "da Hunger Games".

I commenti sull’argomento sarebbero almeno due: innanzitutto chi commenta un look altrui sulla base delle condizioni climatiche non mette a proprio agio il destinatario della critica e, oggettivamente, non dice quasi mai nulla di costruttivo.

In secondo luogo, è assurdo, contorto, retrogrado e paradossale pensare che una donna non possa scegliere di indossare un bel vestito solo per dover dimostrare di non aver bisogno di spacchi e scollature per essere femministe. Non può esistere una femminista che sceglie consapevolmente di stare al freddo per onorare l'abito che indossa? In che modo una decisione del genere sminuisce il suo gender?

In realtà ci ha pensato la stessa Jennifer a rispondere alle polemiche.

Jennifer Lawrence in primo pianoHD
Jennifer Lawrence al photocall di Red Sparrow in Versace

Come riporta Page Six, Jennifer Lawrence ha etichettato la questione come "peggio che ridicola" e ha risposto per esteso con un lungo post su Facebook.

Wow. Non so davvero da dove iniziare a rispondere su questa controversia di ‘Jennifer Lawrence indossa un abito scollato al gelo’. Non è solo ridicola, ma anche molto offensiva. Quel vestito di Versace era favoloso, pensate forse che avrei coperto quel meraviglioso abito con un cappotto ouna sciarpa? Sono stata fuori per 5 minuti. E sarei rimasta in mezzo alla neve per quel vestito perché amo la moda ed è stata una mia scelta.

La Lawrence ha anche chiarito le idee sui concetti di femminismo.

Questo è sessista, è ridicolo, questo non è femminismo. Reagire in modo eccessivo su qualunque cosa uno dica o faccia, fare polemica su cose stupide e innocue come quello che io scelgo di indossare o non indossare, non è andare avanti. È creare sciocche distrazioni dalle questioni reali. Svegliatevi! Tutto quello che indosso lo decido io. E se sto al freddo, ANCHE QUELLA È UNA MIA SCELTA!.

Che ne pensate? Date ragione a Jennifer?

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.