Stai leggendo: Icone dei nostri tempi: Amal Alamuddin Clooney

Letto: {{progress}}

Icone dei nostri tempi: Amal Alamuddin Clooney

Amal Clooney è una delle donne arabe più autorevoli al mondo. Avvocatessa, esperta in diritti umani, oltre ad aver lavorato ad alcuni tra i processi più importanti degli ultimi anni, è molto impegnata sul sociale. Ah: è anche la moglie di George Clooney.

0 condivisioni 0 commenti

Ci sono donne che a prima vista sembra siano state davvero baciate dalla fortuna. Donne che riuniscono intelligenza, sensibilità, fascino e autorevolezza. E che, come nel caso di Amal Clooney, hanno anche accanto uno degli uomini più affascinanti e brillanti del pianeta.

Ma dietro a queste donne non si nasconde semplicemente un gioco del destino, una congiunzione astrale fortunata. Dietro a queste donne c'è sempre una storia fatta di impegno, di studio, di sacrificio e di abnegazione.

Ed è questo il caso di Amal Clooney, talentuosa avvocatessa, icona di stile e di solidarietà.  Una figura da cui prendere esempio per molti motivi differenti.

Amal Ramzi Alamuddin Clooney: come nasce un'icona

Amal Clooney, avvocatessa quarantenne di origine libanese, è giunta alla ribalta per essere diventata la compagna di uno degli scapoloni più incalliti di Hollywood, colui che mai si pensava avrebbe messo la testa a posto.

A poco più di 50 anni, invece, ha trovato l'amore della sua vita in questa giovane libanese cresciuta in Inghilterra e laureatasi brillantemente ad Oxford.

Amal Ramzi Alamuddin nasce in Libano, da un papà master in economia e proprietario di un'agenzia di viaggi e una mamma giornalista e fondatrice di una società di PR ed eventi.

George Clooney, Amal Alamuddin e la mamma BariaHD
George Clooney tra madre e figlia: Amal e Baria Alamuddin

La famiglia decide di lasciare il Libano per trasferirsi in Inghilterra nel 1980 a seguito della crescente guerra civile: è così che Amal Clooney arriva nel cuore dell'Europa, dove vive in un sobborgo a nord ovest di Londra.

Una donna lontana dai red carpet e dal clamore dei set cinematografici, ma dotata di un fascino elegante e raffinato che nel giro di pochissimo tempo ha fatto capitolare uno degli attori e registi più amati di sempre. 

Amal e George Clooney: storia di un grande amore

Galeotta è stata proprio l'Italia, precisamente il lago di Como, dove George Clooney ha una splendida villa da parecchi anni in cui ama accogliere e invitare amici. Così un giorno, come spesso capita anche ai comuni mortali, George si è ritrovato a casa la classica amica di un amico.

Amal ClooneyHD

Quel week end c'erano anche i suoi genitori, i signori Clooney che, come ha raccontato in seguito il padre, si sono immediatamente accorti che il loro ragazzone era letteralmente incappato in un vero e proprio colpo di fulmine. Il fascino, la bellezza, la gentilezza e la grazia di Amal non avrebbero lasciato scampo all'attore fin da quel primo incontro.

Durante quei giorni sul lago di Como, Amal aveva scattato molte foto alla famiglia Clooney, servendo così a George l'occasione per poterla ricontattare. Il classico "mi lasceresti il tuo indirizzo e-mail per farmi mandare le tue foto" sarebbe stata una scusa perfetta per risentire Amal.

A nessuno verrebbe mai in mente che uno degli uomini più attraenti del mondo possa temere un rifiuto, cadendo vittima di tutte le classiche insicurezze di quando ci si infatua di una persona, eppure anche per George è andata proprio così.

Amal e George ClooneyHD

A quanto pare l'attore era preoccupato che Amal potesse rifiutare un incontro successivo, così, non sapendo bene come colpirla, aveva deciso di sfoderare una delle sue armi migliori: l'ironia. Inviandole delle lettere firmate dal suo cane, in cui chiedeva ad Amal, esperta di terrorismo e rapimenti, di andarlo a salvare.

E questa buffa trovata deve aver funzionato perché l'avvocatessa, ad ottobre nel 2013, ha acconsentito ad uno dei primi appuntamenti più originali di sempre: un incontro negli Abbey Road Studios di Londra. 

Il resto è storia: il 29 settembre 2014 Amal Alamuddin e George Clooney si sono sposati a Venezia con un matrimonio laico celebrato da Walter Veltroni. E il 6 giugno 2017 sono nati i loro figli: i gemelli Ella e Alexander Clooney.

Amal e George ClooneyHD

Amal Clooney: icona di stile

Una cosa è stata subito evidente fin dai primi mesi della loro frequentazione: Amal Clooney non avrebbe avuto nulla da invidiare alle colleghe attrici di George. 

George e Amal ClooneyHD

L'avvocatessa libanese Amal Clooney ha sfoderato sui red carpet, nelle occasioni di lavoro e nella vita di tutti i giorni una serie di outfit sempre impeccabili da far invidia alle infuencer più quotate. 

Amal e George ClooneyHD

Abiti glamour, eleganti tailleur dal taglio classico, jeans e maglioni casual: in ogni sua apparizione pubblica e nelle occasioni più disparate Amal Clooney ha dimostrato di avere una classe e un gusto innati. Rischiando talvolta, di far quasi sfigurare sui tappeti rossi le colleghe del marito.

Amal e George ClooneyHD

Amal Clooney: un'avvocatessa famosa in tutto il mondo

Amal Clooney proviene da una numerosa e benestante famiglia libanese.

L'avvocatessa trascorre i primissimi anni della sua vita a Beirut, ma con l'intensificarsi dei conflitti civili, il padre decide di trasferirsi con moglie e figli in Inghilterra, in un sobborgo di Londra.

Dopo il diploma Amal studia giurisprudenza e si laurea a Oxford. Poi vola a New York per specializzarsi in diritto internazionale e diritti umani alla New York University School of Law, dove ottiene il premio Jack J. Katz Memorial Award.

Amal Clooney comincia a lavorare tra gli Stati Uniti e Londra, seguendo alcuni tra i casi giuridici più noti del nuovo millennio e difendendo personaggi come Julian Assange o la ex-premier ucraina Yulia Timoshenko.

Con il passare del tempo le attenzioni dell'avvocatessa iniziano a convogliarsi sulla questione siriana, a proposito della quale diventerà consigliera per l'Onu.

Amal Clooney a sostegno delle vittime dell'Isis

L’Isis è una minaccia globale, richiede una risposta globale, non limitata al campo di battaglia. 

Amal Clooney ha iniziato così un discorso tenuto all'Onu a favore delle vittime dell'Isis, delle quali fa parte la sua giovanissima assistita irachena yazida Nadia Muriad.

Nadia Murad e Amal ClooneyHD

Nadia era una studentessa di ventuno anni quando l'Isis arrivò nel suo villaggio e dopo aver ucciso 600 persone, tra cui i suoi fratelli, la fece schiava, portandola a Mosul dove venne picchiata, torturata e stuprata.

Dopo essere riuscita a scappare, Nadia ha raggiunto l'Europa. Qui è diventata ambasciatrice Onu e Amal Clooney ha scelto di rappresentarla in un processo contro i comandanti Isis.

Uccidere i militanti non è abbastanza, bisogna uccidere l’idea dell’Isis, portare responsabili a giustizia.

Queste sono state le dure parole di Amal Clooney, la quale, oltre a Nadia, ha iniziato a incontrare moltissimi altre superstiti del genocidio portato avanti dall'Isis.

Amal e George Clooney: i progetti umanitari 

L'interesse di Amal Clooney nei confronti dei diritti civili non si è limitato alle aule dei tribunali o delle Nazioni Unite. 

Assieme al marito, l'avvocatessa ha scelto di portare avanti questa causa anche nel suo privato.

Dopo aver inaugurato in Libano un'associazione che, in collaborazione con l'UNICEF, aprirà e sistemerà ben 7 scuole, dando la possibilità a circa 3.000 piccoli rifugiati siriani di accedere all'istruzione, i coniugi hanno ospitato un giovane rifugiato yazida iracheno, Hazim Avdal. 

Arrivato negli Stati Uniti ancora minorenne, dopo aver perso tutto quanto, il giovane Hazim ha mostrato una forte determinazione a non cercare vendetta, ma giustizia. E, soprattutto, a costruirsi un futuro, partendo dallo studio. 

George e Amal Clooney hanno così permesso al ragazzo di alloggiare in una loro abitazione in Kentucky e di accedere all'Università di Chicago. Che Hazim sta attualmente frequentando con ottimi risultati.

Amal e George ClooneyHD

George e Amal Clooney sono dunque una coppia che sfrutta la propria popolarità e il proprio lavoro per dare voce e giustizia a chi non ne ha o non può permettersi di averne. In questi anni non hanno mai abbassato la guardia su molti temi delicati ed è stata proprio Amal Clooney a portare a conoscenza del marito, e quindi dell'intera Hollywood, determinate situazioni che altrimenti sarebbero passate tristemente inosservate.

Amal ClooneyHD

Dunque, al di là del fascino o degli outfit sempre impeccabili, è soprattutto per questo che Amal Alamuddin Clooney merita di essere annoverata tra le icone dei nostri tempi.

A fianco di tutte quelle donne che hanno combattuto e che combattono per la giustizia e per i diritti dei più deboli.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.