Stai leggendo: Viola Davis, total white a Hollywood: 'Noi attrici di colore pagate meno'

Letto: {{progress}}

Viola Davis, total white a Hollywood: 'Noi attrici di colore pagate meno'

L'attrice protagonista de Le regole del delitto perfetto ha detto la sua sull'industria hollywoodiana e sul total white che tende a preferire le donne bianche a quelle di colore.

2 condivisioni 0 commenti

Attrice pluripremiata, produttrice, nonché una delle donne più apprezzate in campo televisivo: quando Viola Davis calca lo schermo, lo fa lasciando sempre il segno. La sua performance ne Le regole del delitto perfetto le ha conferito premi su premi, consacrandola come uno dei personaggi femminili più potenti dell'universo di Shonda Rhimes.

Eppure il tanto successo non la sta ripagando, almeno in termini economici.

L'attrice si è recentemente espressa sul suo trattamento nell'industria hollywoodiana, dove non solo c'è un costante gender pay gap, ma anche un problema di total white. In pratica, le attrici di colore vengono pagate di meno rispetto alle loro colleghe caucasiche.

Viola Davis: Io, la Meryl Streep nera

In un'intervista per Women in the World, riportata poi da SciFi Gate, la star de Le regole del delitto perfetto ha ammesso di aver avuto una longeva corriera, costellata da plausi e premi, trovando delle similitudini con star illustri come Meryl Streep. Julianne Moore e Sigourney Weaver. Tuttavia, Viola Davis ha puntato il dito contro il trattamento delle attrici di colore, spiegando:

"Le donne vengono pagate metà degli uomini, e a noi afroamericane danno probabilmente un decimo di una donna caucasica."

Per il suo talento, la sua presenza scenica e le sue straordinarie performance, in molti hanno paragonato la David a "una Meryl Streep nera". Per la Annalise de Le regole del delitto perfetto, questo non è abbastanza:

"Okay, quindi se non c'è nessun'altra come me, se pensate che sia così, pagatemi per ciò che valgo."

Viola Davis, da Le regole del delitto perfetto all'Oscar

La Davis, 52 anni, ha continuato dicendo che nonostante i vari premi ottenuti e le recensioni positive della critica, si trova ancora nella posizione di dover lottare per avere una parte:

"Ho avuto l'Oscar, l'Emmy, e due Tony Award. Ho fatto Broadway, Off Broadway, sono stata in televisione e ho fatto dei film. Ho fatto di tutto. E tuttavia, ancora non sono vicina a loro, né come retribuzione, né come opportunità lavorativa. Sono lontana."

Probabilmente la situazione di Viola Davis non passerà inosservata ancora a lungo, e qualcuno a Hollywood dovrà cambiare le cose. Per rivederla in azione ne Le regole del delitto perfetto, dovremo attendere il nono episodio della quarta stagione, in onda a marzo su FoxLife, canale 114 di Sky, anticipato dal crossover con Scandal.

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.