Stai leggendo: Ellen Pompeo contro la condizione delle donne in carcere

Letto: {{progress}}

Ellen Pompeo contro la condizione delle donne in carcere

La star di Grey's Anatomy torna in campo a favore delle donne: Ellen Pompeo si è unita al movimento Dignity che invita a modificare il sistema giudiziario e la condizione femminile nelle carceri.

Ellen Pompeo di Grey's Anatomy battagliera contro la condizione delle donne in carcere

3 condivisioni 0 commenti

Una leonessa e donna eccezionale: Ellen Pompeo è come il suo alter ego di Grey's Anatomy, pronta a schierarsi dalla parte degli indifesi e contro ogni tipo di violenza. La star del medical drama, diventata "la donna da 20 milioni di dollari" per il suo recente contratto che la legherà alla serie TV per altri due anni, si era espressa sul suo futuro in Grey's Anatomy e sul finale, che in ogni caso chiuderà i battenti quando lei e Shonda Rhimes vorranno.

Dopo essersi scagliata contro Woody Allen, l'ultima battaglia dell'attrice riguarda il movimento Dignity, al quale si è unita insieme ad altri illustri colleghi quali Debbie Allen, interprete di Catherine Avery in Grey's Anatomy, e Rosario Dawson, vista di recente nelle serie TV Daredevil e Luke Cage.

La protagonista del medical drama ha invitato i suoi fan ad unirsi a lei per sostenere questa causa, pubblicando un post su Instagram con tanto di didascalia.

Ellen Pompeo: 'Dignità per le donne in carcere'

Come spiega il sito Omaze, dove si parla del movimento, Dignity intende rivolgere l'attenzione alle pessime condizioni in cui vivono le donne in carcere e incoraggiare il governo a cambiare la riforma giudiziaria sulla sicurezza.

Al fine di supportare l'iniziativa, Dignity ha messo all'asta una maglia e il ricavato sarà devoluto ad educare il pubblico sulla situazione femminile dietro le sbarre, attraverso le storie delle sue protagoniste.

Dignity invita a dare di nuovo dignità a tutte quelle donne americane incarcerate, sottolineando che l'80% di loro sono madri di famiglia, il 90% sono donne sopravvissute a ogni forma di violenza, mentre sono circa 2.000 quelle che ogni anno danno alla luce un bambino restando dietro le sbarre.

Ancora una volta, la Pompeo ha dimostrato di essere una donna sempre pronta a mettersi in gioco, senza nessuna paura. Proprio come la sua Meredith.

Cosa ne pensate di questa iniziativa? Siete d'accordo con le parole di Ellen Pompeo?

Commenta

Leggi anche

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.