Stai leggendo: L'autore del romanzo Tredici accusato di molestie sessuali

Prossimo articolo: Ted Talk: perché le donne non parlano dopo aver subito le molestie

Letto: {{progress}}

L'autore del romanzo Tredici accusato di molestie sessuali

Jay Asher, autore del romanzo Tredici da cui è stata tratta l'omonima serie TV, reagisce alle accuse di molestie che lo stanno travolgendo.

Jay Asher, autore di Tredici, accusato di molestie

5 condivisioni 0 commenti

Jay Asher, autore del romanzo da cui è stata tratta la serie TV Netflix Tredici - 13 Reasons Why, è stato accusato di molestie sessuali ed espulso da un'organizzazione di scrittori. La seconda stagione della serie TV non è però in pericolo perché, come ha spiegato Netflix a Entertainment Weekly, non era coinvolto direttamente nella produzione. Attraverso la suo portavoce, Tamara Taylor, Asher ha però respinto tutte le accuse. 

La vicenda che vede coinvolto Jay Asher è più complessa rispetto ad altri casi recenti, a partire dal caso Weinstein che ha dato vita a questa ondata di scandali, perchè non c'è un'accusa di molestie diretta portata avanti da una persona o più persone e rilanciata attraverso i media. 

Infatti, alcuni giorni fa, Jay Asher, insieme all'illustratore David Diaz, è stato espulso dalla Society of Children's Book Writers and Illustrators, un'associazione che riunisce scrittori e illustratori di prodotti destinati ai bambini. Secondo quanto viene riportato in una mail inviata dalla direttrice dell'organizzazione, Lin Oliver, all'Associated Press, i due sono stati espulsi per aver violato "il codice di condotta interno in merito alle aggressioni". Oliver ha anche spiegato come si siano svolte delle indagini in merito alle accuse rivolte ad Asher e Diaz che hanno portato alla loro espulsione. 

Jay Asher, autore di Tredici, accusato di molestieHD
Jay Asher, l'autore di Tredici

Lo scrittore si è difeso parlando con BuzzFeed, dicendo di aver lasciato l'organizzazione degli scrittori per bambini volontariamente e ha rivelato di essere spaventato da tutta questa situazione. Dopo questa prima reazione, Asher, attraverso la sua portavoce, ha divulgato un comunicato stampa ai media americani in cui ribadisce come le accuse siano completamente false. 

Non c'è stata alcuna rivelazione, indagine o accusa di molestia sessuale.

Nel comunicato l'autore di Tredici spiega di aver lasciato l'organizzazione volontariamente nell'aprile del 2017 a seguito di alcuni disguidi con altri colleghi, quindi non è stato in alcun modo allontanato o espulso. Addirittura Asher rivela come, a differenza di quanto Lin Oliver scrive nella lettera, la sua iscrizione sia ancora valida in quanto così gli venne chiesto dalla stessa direttrice. 

Jay Asher e la moglie Joan Marie AsherHD

Asher ammette di aver avuto dei rapporti con altre donne mentre sia lui che alcune di loro erano sposate, ma questi rapporti erano consensuali e queste donne non erano sue dipendenti o subalterne ma persone al suo stesso livello, un particolare specificato all'interno del comunicato per evidenziare come non ci potessero essere dei possibili benefici dall'avere dei rapporti con lui.

Infine Asher conclude il comunicato ribadendo che la stampa ha riportato tutta la vicenda in maniera errata, rovinando la sua reputazione e per questo, seguendo il consiglio dei suoi legali, ha chiesto all'associazione e a Lin Oliver di ritrattare le accuse a lui rivolte. 

Una vicenda molto complessa su cui bisognerebbe far chiarezza in fretta per tutte le persone coinvolte. 

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.