Stai leggendo: Street art Milano tour: Maua il primo museo in realtà aumentata

Prossimo articolo: Il portale dell'aQCua, l'opera d'arte più alta d'Italia è a Courmayeur

Letto: {{progress}}

Street art Milano tour: Maua il primo museo in realtà aumentata

MAUA -Museo di Arte Urbana Aumentata, un galleria d’arte a cielo aperto nata per proporre itinerari culturali inediti in una delle città più cool del paese.

manifesto maua museo arte urbana aumentata

5 condivisioni 0 commenti

Maua è un progetto nato grazie al Bando alle Periferie, finanziato dal Comune di Milano, con il quale sono stati selezionati e finanziati 14 progetti culturali per le aree di Giambellino-Lorenteggio, Adriano-Padova-Rizzoli, Niguarda-Bovisa, Corvetto-Chiaravalle-Porto di Mare e Qt8-Gallaratese. Stiamo parlando di un progetto articolato che ha coinvolto gli abitanti dei quartieri interessati, che reclutati nella fase di ricerca hanno portato una mappatura di 218 opere. I murales sono stati in un secondo momento fotografati e ne sono stati selezionati 50 che oggi fanno parte di questo grande museo a cielo aperto.

Come funziona Maua?

  • Come prima cosa si deve consultare la mappa delle 50 opere di street art e a questo punto si seleziona in quartiere che si vuol visitare. La mappa completa è disponibile su streetartfactory.eu, sull’app Bepart o sul catalogo cartaceo del Maua, in distribuzione gratuita a Base Milano e all’infopoint del Comune.
  • Durante il percorso è tutto molto semplice, una volta arrivati davanti all’opera basta aprire l’app Bepart (scaricabile gratuitamente da Apple Store e Google Play) e inquadrare l’opera di street art con lo smartphone, a questo punto i lavori si trasformeranno in digital art, si animeranno grazie alla realtà aumentata.
  • Per chi abita lontano e non ha la possibilità di spostarsi, è possibile vedere le animazioni in realtà aumentata inquadrando l'immagine sul catalogo di Maua, edito da Terre di Mezzo.
  • La seconda è la possibilità di prenotare un tour urbano con un volontario che illustrerà tutte le opere e il quartiere che le ospita, il tutto gratuito, rimane comunque la possibilità di un contributo libero a discrezione del visitatore per finanziare il progetto.

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.